Terra Madre 2018 a Torino, gli appuntamenti da non perdere

Terra Madre 2018 a Torino, gli appuntamenti da non perdere

Terra Madre 2018 a Torino. Torna a Torino e in Piemonte dal 20 al 24 settembre, Terra Madre Salone del Gusto 2018, la manifestazione internazionale organizzata da Slow Food e dedicata al cibo buono, pulito, sano e giusto per tutti. Food for Change è il tema di questa dodicesima edizione, ovvero il cibo come strumento per avviare una rivoluzione lenta, pacifica e globale, per ribaltare il paradigma dello sfruttamento sconsiderato e tornare a dare valore al cibo, al lavoro e alla comunità. Saranno cinque giorni di incontri, approfondimenti, giochi e degustazioni per ognuna delle cinque aree tematiche scelte per l’evento: Slow Meat, Slow Fish, Semi, Cibo e salute, Api e insetti. Oltre ai Forum, la Scuola di cucina, i Laboratori del Gusto, ci sarà un intero spazio dedicato al gelato, uno al cioccolato, la caffetteria dei Presìdi e la nuovissima Fucina Pizza e Pane, tutti a Lingotto Fiere.

Gli appuntamenti in programma sono davvero tantissimi, oltre centocinquanta. Puntarella Rossa ha selezionato per voi i dieci eventi più gustosi e divertenti, da non perdere. Date un’occhiata.

Terra Madre 2018 a Torino, gli appuntamenti da non perdere

Battuta al coltello, albese e tartare: variazioni di carne cruda e bollicine

Iniziamo con un classico della cucina piemontese. Un laboratorio dedicato a una delle specialità più amate della regione: la carne cruda nelle sue tre declinazioni: battuta al coltello, albese e tartare. A far conoscere al pubblico il mondo della carne sarà Sergio Capaldo, il veterinario che ha fondato e promosso la Granda, l’associazione di allevatori cuneese che da oltre 10 anni valorizza il Presidio Slow Food della razza piemontese. Capaldo insegnerà a mangiare la carne cruda in modo consapevole, dedicando attenzione a tutte le parti dell’animale, soprattutto quelle meno nobili. La degustazione comprende battuta al coltello, albese e tartare in abbinamento a vini della cantina Batasiolo, La Morra (Cn).

Giovedì 20 settembre, dalle ore 18 alle ore 19 e 30, Eataly Torino Lingotto: Via Nizza 224. Costo: 30 euro (25 euro per i soci Slow Food).

L’Albero dei Gelati

L’Albero dei gelati è una gelateria artigianale, dove i prodotti sono senza conservanti e coloranti preparati con ingredienti a km 0, adatti anche a vegani e intolleranti. Tutto nasce dalla passione per il gelato trasmessa dai genitori a Fabio, Monia e suo marito Alessandro. Dopo aver aperto l’attività a Seregno, Cogliate e Monza, l’albero è arrivato dall’altra parte dell’Oceano, a Brooklyn, e ha conquistato tutta New York. Il 20 settembre Alessandro Trezza arriverà a Torino per far conoscere il suo nuovo progetto che comprende sei nuovi gusti di gelato “preziosi come i libri di storia”. Sono realizzati con ingredienti che hanno il ‘tempo’ come minimo comun denominatore: una Riserva Storica di Marco De Bartoli del 1955, o l’aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia invecchiato 30 anni, uno speciale edizione di un whisky Samaroli.

Giovedì 20 settembre, dalle ore 17 e 30 alle ore 18 e 30, Torino Lingotto Fiere Stand Piazza del Gelato – Pad.2, ingresso  libero fino a esaurimento posti.

Il fritto permesso

Chi ha detto che fritto è sinonimo di dannoso? Antonio Tubelli, cuoco di punta dello street food partenopeo, arriva dalla sua bottega Timpani e tempura, per sfatare questo mito e portare a Torino l’esperienza della cucina di strada napoletana. Tubelli spiegherà come preparare un fritto di qualità dove ogni scelta non è mai casuale. Dall’utilizzo dell’olio extravergine di oliva, che ha un punto di fumo elevato ma è anche il grasso più leggero, alla selezione della giusta pentola. E ancora, il rispetto dei tempi e la frittura a immersione sono tutti trucchi per un piatto a regola d’arte. La degustazione comprende: fiori di zucca ripieni in tempura, polenta fritta scagliuzzo, baccalà fritto.

Venerdì 21 settembre, dalle ore 11 alle ore 12 e 30, Torino Lingotto Fiere Stand: Food for Change Cibo e Salute, Costo: 50 euro (25 euro soci Slow Food)

Coffeetails Lavazza: quando il caffè diventa cocktail

Si chiamano Coffetails e sono una creazione Lavazza. Introducono il caffè nel mondo dei cocktail, sfruttando sapori tradizionali italiani come il latte di mandorla, l’amarena e gli agrumi. L’appuntamento è alle 17 per gustare un happy hour fuori dagli schemi. Il prezzo del laboratorio comprende anche l’ingresso al Museo Lavazza nella famosa Nuvola dell’architetto Cino Zucchi, inaugurata quest’anno. Un vero e proprio tempio del caffè, da non perdere.

Sabato 22 settembre, dalle ore 17 alle ore 18, Nuvola Lavazza Via Bologna 32, Costo: 16 euro. 

Bielorussia: il pesce d’acqua dolce

Per i palati più curiosi, un viaggio nella cucina bielorussa con una guida d’eccezione: Anton Kalenik, executive chef al Minsk Marriott Hotel. Dopo diversi viaggi di formazione in Europa, tra l’Italia e la Francia, Kalenik è tornato nel suo Paese di origine diventando uno tra gli chef più rinomati. Il menu ha come assoluto protagonista il pesce d’acqua dolce e prevede: trota d’acqua dolce con pomodori verdi e salsa di vino bianco e salvia, zuppa di pesce d’acqua dolce, il tutto abbinato ai vini della Cantina Kaltern di Caldaro (BZ).

Sabato 22 settembre, dalle ore 13 alle 14, Lingotto Fiere Stand Slow Fish, Costo: 30 euro (25 euro per i soci)

Pasticceria: dolce Piemonte 

Torte, biscotti e ovviamente cioccolato. Questo Laboratorio del Gusto di certo non poteva mancare in una città come Torino, una delle capitali mondiali dell’artigianato dolciario. Sarà Giorgio Smimmo, erede della tradizione familiare, a guidare la degustazione di una veneziana dalla fattura particolare, preparata con farina mora e olio extravergine d’oliva in sostituzione al burro e accompagnata da una crema di lamponi. In abbinamento i vini dolci della cantina Umani Ronchi (Osimo, An).

Sabato 22 settembre, dalle ore 15 alle ore 16, Lingotto Fiere Stand Fucina Pizza e Pane Pad. 2, Costo: 15 euro (10 euro per i soci).

Un abbinamento  de caractére: Citadelle Gin & Ostriche Red Oyster

In questo laboratorio le più iconiche declinazioni della gamma dei “gin de France” spiegate da Francesco Pirineo, Brand Ambassador Italia, verranno associate a una prestigiosa selezione di ostriche raccontate da Francesca Lugli, Manager di Red Oyster. Una degustazione con un rituel à la française per scoprire come il profumo e il gusto iodato delle ostriche si abbinino perfettamente alle botaniche di Gin Citadelle. Una combinazione vincente e raffinata.

Sabato 22 settembre, dalle ore 16 alle ore 17 e 30, Bar Zucca Via Antonio Gramsci 10,  Costo: 40 euro (35 per i soci Slow Food).

Argentina: la cucina senza fuoco 

Máximo Cabrera non è solo un cuoco autodidatta, ma è anche un biologo, ricercatore e musicista. Nelle sue indagini si è appassionato ai processi metabolici e alla ricerca di cibi biologici e salubri, non solo per le persone ma anche per l’ambiente. E proprio in Argentina ha dato vita a Crudo: uno studio di cucina dove si insegna a cucinare tenendo conto di molti aspetti degli alimenti, della loro produzione e del loro gusto. L’incontro sarà condotto insieme alla dottoressa e neuroscienziata Maria Jimena Ricatti e conterà sulla presenza eccezionale di Sandor Ellix Katz, il guru della fermentazione che viene da New York. I piatti in assaggio saranno: Sopa cruda de remolacha, una zuppa a base di barbabietole e Chimi kimchi, una rivisitazione del piatto tradizionale coreano preparato con verdure fermentate con spezie e frutti di mare salati. Un classico di cui esistono centinaia di varietà.

Sabato 22 settembre, dalle ore 11 alle ore 12 e 30, Lingotto Fiere Stand Food for Change Cibo e Salute, Costo: 25 euro (20 euro per i soci).

Senegal: Pierre Thiam e gli alberi della risorsa

Tra le numerose cucine etniche presenti a Terra Madre, quest’anno c’è anche quella senegalese. Con un ospite d’eccezione: Pierre Thiam, chiamato non a caso il «re della nuova cucina africana». Autore di libri di cucina pluripremiati e ambasciatore della cultura gastronomica senegalese a New York, alla sua tavola siedono spesso personaggi politici e premi Nobel. Al centro dell’incontro sono i cosiddetti alberi della risorsa: la moringa e il baobab, utilizzati per insaporire i cibi e particolarmente consigliati per le loro proprietà nutrizionali.

Sabato 22 settembre, dalle ore 17 e 30 alle ore 18 e 30, Lingotto Fiere Stand Food For Change Cibo e Salute, Costo 30 euro (25 euro per i soci Slow Food)

Russia: pesci e spiriti di San Pietroburgo

E dal Senegal ci spostiamo in Russia, precisamente nella fredda e affascinante San Pietroburgo. Olesya Drobot, cuoca dell’Alleanza di Slow Food, è una delle scoperte principali dell’attuale stagione gastronomica della città e porterà i visitatori alla scoperta delle eccellenze ittiche come i pesci sotto il sale marino integrale dei Pomors del Mar Baltico (Arca del Gusto) o i pesci affumicati ed essiccati. In abbinamento, il distillato Polugar (Arca del Gusto), l’antenato della vodka, per una degustazione 100% russa.

Domenica 23 settembre, dalle ore 16 alle ore 17, Lingotto Fiere Stand Food for Change Slow Fish, Costo: 30 euro, (25 euro per i soci Slow Food).

Orari
Lingotto Fiere, Mercato italiano e internazionale – dal giovedì alla domenica dalle 10 alle 21:30, il lunedì dalle
10 alle 19; Cucine di strada e birrifici – dal giovedì alla domenica dalle 11 alle 24, il lunedì dalle 11 alle 19. Piazza Castello, Enoteca e Food truck, dal giovedì alla domenica dalle 12 alle 24, il lunedì dalle 12 alle 19

Biglietti
I biglietti d’ingresso a Lingotto Fiere sono venduti online sulla piattaforma Vivaticket. Il costo del singolo biglietto è: 5 euro per la prevendita online; 10 euro per gli acquisti in biglietteria durante i giorni dell’evento; 20 euro per gli abbonamenti online, che garantiscono l’accesso a tutti i cinque giorni dell’evento; 20 euro il biglietto per le classi con insegnante, in prevendita online; 30 euro il biglietto per le classi con insegnante, acquistato in biglietteria durante i giorni dell’evento. Per i bambini da 0 ai 12 anni e per gli over 70, il biglietto è gratuito.

Terra Madre 2018 Salone del Gusto @ padiglioni di Lingotto Fiere e in altre location in Torino, dal 20 al 24 settembre 2018 Pagina Facebook

About author

You might also like

Guida galattica al Salone del Gusto

di Paolo Scandale / © Fatto quotidiano L’evento c’è, ed è sicuramente di rilievo. Il Salone Internazionale del Gusto di Torino è ormai diventato un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di …

Edit Torino, il maxi polo del food: cosa si mangia e chi c’è

Edit Torino. In una ex fabbrica di cavi elettrici, nel cuore di Barriera di Milano, ha aperto Edit (che sta per Eat, Drink, Innovate Together). Un progetto grandissimo realizzato dall’ex …

News 0 Comments

Salone del Gusto di Torino 2014/ Cia: boom di agricoltura etica in Italia

Sono almeno quattro milioni i consumatori italiani che chiedono negozi in prossimità e prodotti sani nel rispetto della tradizione. Gli stessi che cercano sempre più insistentemente un rapporto diretto con i …