E’ morto Stefano Bellotti, Cascina degli Ulivi, un uomo da ricordare

E’ morto Stefano Bellotti, Cascina degli Ulivi, un uomo da ricordare

E’ morto Stefano Bellotti, Cascina degli Ulivi, un uomo da ricordare. E morto, ieri sera, dopo aver vendemmiato. Il primo pensiero, stupido e raggelato, come tutti quelli che vengono in questi momenti, è che per lui sia stata la morte migliore. Il secondo è che naturalmente non c’è una morte migliore, non c’è la “bella morte”, c’è solo la morte. Che è fine della vita, dolorosa o meno che sia, fine di un uomo che ha dato tanto al mondo del vino.

Con il suo essere un contadino, ferocemente e ironicamente contrario al pensiero dominante, agli equilibri di potere, alle burocrazie assurde. Un uomo che è stato l’anima di Cascina degli Ulivi, ma anche del movimento biodinamico. Ha trasformato i suoi vini in questa direzione già nel 1984 e poi è diventato il presidente della sezione italiana di Renaissance des Appellations. Ha condotto battaglie picaresche, contro quegli apparati burocratici e di potere che odiano l’indipendenza di pensiero, il vivere e produrre fuori dagli schemi decisi dall’alto. E’ stato sempre paradossale, sorprendente, ribelle, diverso. Era stato uno degli “eroi” di Jonathan Nossiter nel film Resistenza naturale.

Silvia Stefini, di 1701 Franciacorta, che con lui ha condiviso le avventure e le battaglie dentro Renaissance, lo ricorda così: “Una persona speciale, contadino illuminato e visionario, uomo di estrema sensibilità. Maestro e poi amico, il suo lavoro e la sua generosità hanno ispirato tutti noi. Gli dobbiamo un’eredità preziosa da portare avanti con rispetto e grande orgoglio. Siamo pieni di dolore ma sappiamo che sarà sempre con noi, nei nostri cuori, nelle nostre mani e nella sua amata terra. Ciao Stefano, un grande privilegio aver condiviso con te un pezzo di vita”.

 

La sua storia su Triple A

La sua cantina su Identità golose

La biodinamica su Cronache di gusto

La persecuzione su Gusto divino

La guerra su Puntarella Rossa

About author

You might also like

Negli agriturismi lombardi ora si possono bere solo vini lombardi: addio Sangiovese e Barolo

Negli agriturismi lombardi ora si possono bere solo vini lombardi. Incredibile. In Regione Lombardia il consiglio regionale ha approvato una norma “sovranista“, il testo unico regionale in materia di Agricoltura, foreste, …

Cataldo Calabretta: la Cirò revolution e la rinascita dei vini calabresi (ma anche il rosato, il bio e certi naturali “ciofeche”)

Cataldo Calabretta: la Cirò revolution, la rinascita dei vini calabresi (ma anche il rosato, il bio e certi naturali “ciofeche) .  Se chiedi ai crotonesi qualche nome di produttore di Cirò, …

Antonio Camillo, il Mozart del Ciliegiolo (il Vallerana Alta) che dà del tu ai suoi vini

Sembrano quasi un monito le fotografie di Fabrizio De Andrè appese nella cantina di Antonio Camillo, viticoltore maremmano, a Manciano (Grosseto). Ci sono i premi vinti, il Gambero, Slow Wine, …

2 Comments

  1. Massimiliano Montes
    settembre 17, 19:28 Reply

    La persecuzione su gustodivino nel senso che noi l’abbiamo descritta, non che l’abbiamo perseguitato ;-) (Massimiliano Montes, gustodivino.it. Stefano è stato un grande.

Leave a Reply