Starbucks Milano, viaggio dentro la caffetteria più attesa e contestata d’Italia

Starbucks Milano, viaggio dentro la caffetteria più attesa e contestata d’Italia

Starbucks Milano. Dopo file chilometriche, attese senza fine e l’hype, soprattutto tra i ragazzi, che era cresciuto nei mesi tra l’annuncio e l’apertura, Starbucks è arrivato. La caffetteria più famosa del mondo, partita dalla suggestione del classico bar italiano, trasferita in America e poi sbarcata in tutto il mondo è tornata al punto di partenza.

Lo store è il più grande d’Europa e sfrutta appieno gli ampi spazi dell’ex palazzo delle poste di Piazza Cordusio. Vengono mantenuti i colori caldi delle pareti e l’antico pavimento di pietra. La prima cosa che colpisce all’ingresso, dopo la file di lunghezza variabile che nei primi giorni si è immancabilmente costretti a fare, è il fortissimo odore di caffè: non potrebbe essere altrimenti, visto l’immenso impianto di tostatura che domina lo spazio centrale. Sono tantissimi i tubi che scendono dal soffitto e confluiscono in una grande macchina verde, creando un ambiente che ricorda vagamente la fabbrica di cioccolato di Willy Wonka.
Sulla sinistra, il Princi Bar classico, dolce e salato, con torte e pizza al taglio (brioche a 2,20-2,80 euro, torte sui 5-6 euro, pizze e focacce assortite 3-7,50 euro). Sulla destra il main bar, dove si gustano i prodotti della roastery, gli espressi (1,80 euro), i nitro draft, creati con il nitro-gelato del torinese Alberto Marchetti (5-7 euro) i reserve coffees e le roastery creations (caffè paritcolari, alla gianduia, gelati o con il limone, 5-10 euro). In mezzo, tavoli bassi e alti e merchandising, di tutti i tipi: dalle solite tazze e i thermos a prodotti più improbabili come felpe e occhiali da sole, tutti prodotti in esclusiva per Starbucks.
Dietro il grande impianto verde si intravede il secondo piano soppalcato, con tavoli bassi e servizio, la parte del locale dedicata soprattutto agli aperitivi, saldamente in mano a Princi (5-10 euro). Tra i vari settori si muovono febbrilmente dipendenti Starbucks e agenti della security che gestiscono l’eccitazione dei primi visitatori e li indirizzano verso le (lunghe) file che si snodano intorno ai bar, con il negozio così affollato che devono essere bloccate, a un certo punto.

Per ora, la nuova filiale ha un carattere nettamente diverso dalla caffetteria standard che si trova uguale in tutte le parti del mondo: vuoi per la folla, vuoi per l’inquinamento acustico, è difficile rilassarsi o immaginare addirittura di lavorare o studiare. La domanda sarà se, col tempo, si comincerà ad andare da Starbucks anche solo per prendere un caffè o si continuerà a frequentare la caffetteria solo per venerare la sirena americana. Per ora, comanda l’hype.

Starbucks Milano, piazza Cordusio 3, Milano. Tel. 02 91970326. Orari: aperto tutti i giorni dalle 7 a.m. alle 10 p.m

About author

You might also like

Alle Colonne by Caputo Milano, la pizza del Vesuvio raddoppia in corso Ticinese

Alle Colonne by Caputo Milano. Uno dei punti di forza, l’utilizzo del lievito madre, che rende l’impasto leggero e digeribile. La pizza napoletana di Caputo raddoppia e dopo il locale …

Pasqua e Pasquetta 2017 Milano fuoriporta, pranzo e relax nei ristoranti tra lago e cascine

Pasqua Pasquetta 2017 Milano fuoriporta. Da tradizione buona parte dei milanesi, con le vacanze pasquali, raggiungono mete di mare e montagna per allontanarsi qualche giorno dal caos metropolitano. Ma per …

Nuove aperture Milano dicembre 2017: raddoppiano Pescaria e SorryMama, l’Antica Pizzeria da Michele al posto de Il Ricci

Nuove aperture Milano dicembre 2017. Con l’arrivo di dicembre le nuove aperture milanesi non si fermano. Anzi, mai si è visto un inverno con tanto fermento gastronomico. Dal pokè hawaiano …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply