Brunetta e la Doc Roma: “L’anno prossimo faccio 100 mila bottiglie, non ci dormo la notte”

Brunetta e la Doc Roma: “L’anno prossimo faccio 100 mila bottiglie, non ci dormo la notte”

Brunetta e la Doc Roma. Forza Italia non va proprio a gonfie vele, i vitalizi li hanno tagliati già da un po’, la politica non dà più grandi soddisfazioni e allora perché non gettarsi in qualche nuova passione? Deve aver pensato questo Renato Brunetta, deputato berlusconiano, economista, grande cuoco e da poco anche produttore del Mater Divini Amoris, ovvero il suo vino (anche se in etichetta c’è il nome “Capizucchi“). Al Vinitaly c’era e ha raccontato il perché di questa nuova vita al Corriere della Sera: “Mi sono indebitato fino ai capelli. Un atto di incoscienza, ma sono felice”.

Nel vino ci si è buttato con tutta la passione di cui è capace Brunetta, che è uomo poliedrico: collerico e talvolta insopportabile, autore di sfuriate e litigi furibondi, ma anche sorprendentemente sensibile e con grandi passioni, come la cucina. In Transatlantico, tra una dichiarazione sul decreto “dignità” e una sul ministro Tria, Brunetta compulsa il cellulare e si cruccia. Perché “felice” è felice, ma anche preoccupato: “Non ci dormo la notte: passo dalle 6 mila bottiglie prodotte quest’anno alle oltre 100 mila bottiglie del prossimo anno. E se non le vendo?”. Per ora il suo vino ce l’ha Bernabei e un pugno di locali, in futuro chissà.

Brunetta ha chiamato così il suo vino, perché il terreno è dalle parti del Santuario del Divino Amore. E ha subito aderito alla controversa “Doc Roma”, nata nel 2011. Pochi giorni fa è stata ufficializzata la nascita del consorzio della Doc Roma. E tra i dieci consiglieri che fanno parte del Cda, prima riunione il 27 giugno scorso, c’è anche lui (il presidente è invece Tullio Galassini).  Del consorzio fanno parte in 24, tra produttori e imbottigliatori. Nessun grande nome.

Il disciplinare prevede che per il rosso si debba usare non meno del 50 per cento di Montepulciano, non meno del 35 per cento di uno o più di questi vitigni Cesanese comune, Cesanese di Affile, Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Sirah e altri della regione Lazio per non più del 15. Il Roma doc bianco deve essere fatto con almeno l’85 per cento di Bellone o Malvasia Puntinata.

In sette anni, come racconta il presidente, la produzione è decuplicata. Ma le vendite sono all’80 per cento all’estero, grazie all’appeal del nome “Roma”. Nella Capitale e in Lazio, per ora, non è esattamente il vino più richiesto e più apprezzato. Tantomeno la nuova Romanella, rivista e corretta. Ma diamo tempo al tempo.

About author

You might also like

Dove mangiare a Ostuni, i migliori ristoranti di Valle D’Itria e Murgia (bombette e fornelli compresi)

Dove mangiare a Ostuni, i migliori ristoranti di Valle D’Itria e Murgia (bombette e fornelli compresi). Cielo – Ostuni Stellato Michelin, consigliato solo a chi se la sente di spendere …

Er Murena 0 Comments

Antonio Camillo, il Mozart del Ciliegiolo (il Vallerana Alta) che dà del tu ai suoi vini

Sembrano quasi un monito le fotografie di Fabrizio De Andrè appese nella cantina di Antonio Camillo, viticoltore maremmano, a Manciano (Grosseto). Ci sono i premi vinti, il Gambero, Slow Wine, …

Dove mangiare in Gargano, i migliori ristoranti di Vieste, Peschici e dintorni

Dove mangiare in Gargano, i migliori ristoranti di Vieste, Peschici e dintorni.  Dimenticate le orecchiette, siamo in Gargano, e puntate sui troccoli e sulla paposcia (una sorta di panzerotto fritto ripieno). …