Blind Pig Roma, a San Giovanni ecco la focacceria speakeasy

Blind Pig Roma, a San Giovanni ecco la focacceria speakeasy

Blind Pig Roma. E’ arrivato a San Giovanni, Blind Pig, un nuovo locale firmato Marco Pucciotti, giovane titolare di diversi ristoranti a Roma. Blind Pig è una strana creatura a due anime, focacceria gourmet  ma anche cocktail bar. Ha preso vita da meno di quindici giorni nella capitale mescolando la passione per i cocktail dei bartenders Mattia Ria e Egidio Fidanza, due dei soci del locale, provenienti da Spirito al Pigneto, con la dedizione di Stefano Callegari. L’inventore del Trapizzino ha concesso la ricetta dei 400 grammi di impasto delle  focacce che vengono servite con i topping provenienti da Epiro. Focaccia divisa a spicchi proprio per essere condivisa.

Il termine Blind Pig, usato in alternativa a speakeasy, nasce negli Stati Uniti nel diciannovesimo secolo per descrivere quei locali dove, per consumare bevande alcoliche nell’era del proibizionismo, i clienti pagavano un biglietto per vedere uno spettacolo, camuffando così l’acquisto delle bevande illegali. Oggi il concetto di Blind Pig è legato a un locale misterioso dove per entrare occorre una parola chiave.
Lo “speakeasy” di San Giovanni a Roma si differenzia dagli altri, come ci racconta Mattia Ria, per le sette vetrate: il velo di mistero resta con la porta scelta all’entrata del locale.

Marco, Mattia e Egidio hanno pensato insieme al design del locale. Lo zampino di Mattia è nella parete verde che ha scelto dietro il bancone, mentre quello di Marco è nei lampadari che illuminano i tavoli. Per il resto si sono trovati su tutto: il bancone con gli sgabelli, la porta di entrata e lo stile inglese.

I cocktail sono serviti tutti in bicchieri diversi, particolari ma efficienti, come la teiera scelta per il cocktail Inthermezzo. Nella carta sono presenti anche le bollicine, della champagneria Remigio, ma anche craft beer e vini al calice. A consigliare gli abbinamenti migliori tra cocktail e focacce ci pensa Martina Ansolini, anche lei ex di Spirito.

Le focacce sono  preparate da Alessio Angelino, con esperienza da Estrobar e Casina Valadier. Tra le altre spicca L’uomo che fissa le capre, con ripieno di erborinato di capra sella selezione Loreti, radicchio, pere e nocciole (12,5 euro) e Rotolando verso sud, con stracciatella di burrata pugliese, alici di Sicilia e polvere di arancia di Calabria ( 12,5 euro). Nelle finte classiche, troviamo la Margherita, con pomodorini gialli, mozzarella di bufala e spuma di basilico (10,5 euro) che si abbina bene con la rivisitazione del Bloody mary pensato da Mattia e Egidio.

Il menu comprende anche qualche piatto chiamato “frontesfizio” : Pop corn al maiale, cotenna di maiale e spezie (5 euro) e il Crostino culo e camicia, con pane ai mille semi di Bonci, uovo in camicia (con i prodotti dell’azienda “L’uovo e la Canapa”), culatello, sale e pepe (7 euro).

Anche per i dolci l’abbinamento con gli alcolici non manca: come il whiskymisù, uovo panna, zucchero, cacao, biscotto savoiardo bagnato in whisky aromatizzato al caffè, caffè e mascarpone (5 euro).

Blind Pig , cocktail bar & focacceria gourmet, è aperto tutti i giorni. La cucina apre  alle 18.30 e chiude alle 2.

Blind pig Roma , via la Spezia 72, Roma. Tel. 06-87750714

 

About author

You might also like

Pro Loco Pinciano a Roma, formaggi e salumi laziali (ma anche pizza)

Pro Loco Pinciano è il nuovo progetto romano di Gastore Pierini e Fiorentina Ceres al quale ha offerto la sua opera, i suoi prodotti e il nome Vincenzo Mancino: una pizzeria con cucina aperta dal 31 ottobre a due …

F’Orme osteria a Frascati, Roma: il ritorno alle origini dello chef Alberto Mereu nel nuovo ristorante ai Castelli

F’Orme osteria a Frascati Roma. Tel. 06 941 6990. Ai Castelli Romani, e precisamente a Frascati, da metà aprile 2018 ha aperto F’Orme osteria, la nuova scommessa del giovane chef romano Alberto Mereu che, dopo …

Tricolore Testaccio: lascia Monti e va al mercato

Tricolore Testaccio: lascia Monti e va al Mercato. Senza nulla togliere agli ultimi arrivati (o forse sì), esiste solo un baluardo del vero panino gourmet e si chiama Tricolore. Giusto per ribadire …