Covino Venezia, la vineria e bistrot slow food piccola e vitale che mancava

Covino Venezia, la vineria e bistrot slow food piccola e vitale che mancava

Covino Venezia. Inutile ripetere che a Venezia si mangia spesso male e si paga spesso troppo. Anche perché in realtà il circolo vizioso turista sprovveduto = commerciante avido si può spezzare, con un po’ di buona volontà. Cercando quelle perle, non così rare, che ti garantiscono un livello straordinario di qualità delle materie prime e di accoglienza. E’ il caso di Covino, aperto da quattro anni (il 27 maggio 2013) da Andrea Lorenzon, oste-sommelier, con un passato in cucina, che domina con professionalità e ruvida simpatia (molto veneta) il minuscolo locale a due passi da San Zaccaria.

thumb_IMG_0972_1024Piccola, si è detto, è piccola. Sedici coperti, uno più uno meno.

covino personaleMa a volte le dimensioni ridotte (a volte) sono un vantaggio e così dentro Covino si crea sempre un clima familiare, caldo, divertente, che rende facile parlare con i vicini di tavolo e fare due chiacchiere con gli chef Dimitri, e gli aiuti Linda e Anna. Lorenzon è figlio d’arte: il padre Mauro è il patron della Mascareta. Ma Andrea si è fatto strada da solo, prima al Ridotto, poi, ormai da quattro anni (“Solo quattro anni? Mi sembra una vita!”) al Covino, emanazione del Covo.

thumb_IMG_0986_1024

Covino è un bistrot ma forse, prima ancora, una vineria (Lorenzon la chiama “enoiteca”). Nel senso che si beve vino di gran qualità, quasi tutto di impronta naturale. Un centinaio di etichette italiane e francesi, tra le quali molte bollicine, che Lorenzon sta spiegare nel migliore dei modi e abbinare ai piatti.

covino venezia tavoliLa sala come detto, è molto piccola, con i tavoli disposti a corona intorno alle due vetrine. Se vi sedete da un lato potete osservare gli chef al lavoro. Molto legno, nei tavoli e nel soffitto, luci a forme di grappoli d’uva, un manifesto del film Slow Food Story, sulla storia di Carlin Petrini, e un altro che la dicono lunga sulla filosofia del locale: “La tierra es de qui la trabaja“, firmato Emiliano Zapata.

thumb_IMG_0956_1024Si comincia con un prosecco rifermentato in bottiglia senza zuccheri aggiunti. In tavola arriva una brocca di acqua aromatizzata e un pinzimonio fresco.

covino venezia lorenzonLorenzon, giovanotto con camicia a quadri, occhialini tondi e riccetto, porta la carta dei vini. Al bicchiere ci sono cinque offerte di bianchi e cinque di rossi.

menu covino veneziaIl menu è breve, otto piatti, ma molto originale. A pranzo ci sono due menu degustazione abbordabili, un piatto più a 27 euro, due piatti più il dolce a 36 euro. A cena, tre piatti a 40 euro.

vini bianchi covinovini alla mescita covinovini rossi alla mescita covinoRicchissima, come si è detto, la carta dei vini. In foto, i vini alla mescita.

covino venezia pastaTra i primi ci sono questi paccheri al ragù di Mamma Liviana: gratinata di manzo e maiale con besciamella. La besciamella è un po’ anni ’80, ma ci può stare e poi chi l’ha detto che si debba buttare tutto degli anni ’80?

thumb_IMG_0990_1024Tra i secondi, ecco uno splendido galletto livornese con fagiolini e lemongrass, sormontato da capelli d’angelo, che altro non sono che peperoni essiccati.

covino venezia anguriaPer finire, una freschissima anguria: palline tenere e saporitissime, che si avvantaggiano del contributo di assenzio, verbena e menta. Con il dolce, si conclude in bellezza sorseggiando un bicchiere di Malvasia delle Lipari.

covino venezia interniIl conto non presenta sorprese (non si paga il pane, il coperto e il servizio). Unico preavviso, per chi vuole andare, è prenotare prima e assicurarsi di andarci davvero o avvertire qualche ora prima. Perché, visti i coperti limitatissimi, nella prenotazione bisogna lasciare la carta di credito e in caso di mancata comparizione, il locale si riserva di trattenere 30 euro a mo’ di risarcimento. Provvedimento antipatico, ma necessario, vista l’inciviltà di molti che prenotano e poi spariscono nella notte.

Covino,  Calle del Pestrin, 3829a-3829, Venezia. Fermata vaporetto Arsenale. Tel. 041 241 2705. Chiuso martedì e mercoledì
Si prenota anche sul sito 

Autore

Potrebbe interessarti anche

Gusto in Scena a Venezia, un congresso e cene speciali per celebrare la ‘cucina del senza’ in laguna

Gusto in Scena a Venezia. Il 28 e il 29 febbraio prossimi la Scuola Grande di San Giovanni Evangelista a Venezia accoglierà l’ottava edizione di Gusto in Scena, manifestazione enogastronomica ideata dal critico …

Dove mangiare a Venezia 2015: tre ristoranti gourmet e resort con Oldani, Perbellini e

Dove mangiare a Venezia 2015: ristoranti gourmet, chef stellati e resort. Una volta nella vita si può (anche due): e allora ecco tre indirizzi dove esagerare, mangiando bene e spendendo …

Aman Venezia ristorante: Junio Andrea Torre, lo chef romano nella cucina del luxury hotel (con la consulenza di Davide Oldani)

Āman Venezia ristorante. Executive chef da sei mesi nel prestigioso luxury hotel Āman di Venezia (l’unico in Italia, si dice, ad avere sette stelle) , il trentaduenne romano, Junio Andrea Torre, …