Er Murena

Er Murena

di Er Murena

Vini rosati, buttate alle ortiche i pregiudizi e bevetene tutti

Vini rosati, buttate alle ortiche i pregiudizi e bevetene tutti

Vino rosato?!? Ma che sei impazzito, perché mi vuoi rifilare quella brodaglia? I luoghi comuni sono duri a morire e alcuni più di altri. Da decenni il vino rosato gode di pessima stampa e provoca una reazione allergica ai tavoli dei ristoranti e delle enoteche (salvo qualche eccezione). Neanche avessi provato a propinare una bevanda a base di metanolo, l’offerta di rosato suscita eritemi e infiammazioni dei nervi. E se tu, oste gentile o amorevole padrone di casa, provi a far ragionare il cliente, quello si agita ancora di più, furibondo, come se fosse stato offeso nei suoi affetti più cari. Ma cari amici, compagni, colleghi, italiani, davvero il rosato è questa brodaglia che dite? Non starete esagerando? Non avete voglia di mettere alla prova i vostri pregiudizi e farvene qualcuno nuovo, se necessario, per i prossimi anni? Perché, ve lo dico, se pensate che il rosato sia un mediocre ibrido, prodotto mischiando rosso e bianco, siete decisamente fuori strada. Il rosato è frutto di una tecnica di produzione piuttosto semplice (ce ne sono altre, tipo il salasso, ma stiamo ai fondamentali): si ottiene dalla vinificazione di uve a bacche rosse, con la macerazione breve del mosto sulle bucce (che grazie agli antociani danno colore al vino).

rosatoVi dirò di più: non esistono solo i vini bianchi, rossi e rosati. Il caleidoscopio del vino è molto più ricco e si va dai bianchi color cipolla (vedi il pinot grigio ramato) agli aranciati. Niente a che fare con i coloranti, ma sempre con la tecnica di vinificazione. C’è tutto un mondo oltre i vostri pregiudizi. I francesi l’hanno capito da tempo e bevono champagne rosè come fosse acqua. Alcuni nostri rosati sono straordinari, per freschezza, bevibilità, capacità di abbinamento con i cibi. Magari non lo sapete, perché ve lo nascondono per non vedere le vostre facce, ma certi straordinari Lagrein, certi Cerasuolo, certi Cirò, sono più rosati che mai. E allora cosa aspettate a togliervi quell’espressione dalla faccia? Forza ragazzi, provate un’esperienza nuova, buttate il vostro orrido bianco chiarificato e insignificante alle spalle e godetevi un bel rosato (magari un naturale come l’Obvious Salcheto).

Autore

Potrebbe interessarti anche

I migliori brunch di Milano gennaio 2017: dieci proposte per il weekend

Migliori brunch di Milano, sabato 21-domenica 22 gennaio 2017

Eventi 0 Commenti

Giovedì, si cena con il blues

Uno è un caso, due una coincidenza, tre fanno la prova. Sta diventando una piccola moda mangiare a ritmo di musica e al giovedì ormai sono tre gli appuntamenti che …

Come abbinare cibo e vino a Natale?

© Il Fatto Quotidiano Al pranzo di Natale manca qualche giorno. Complice anche quest’anno la crisi, moltissimi italiani lo passeranno a casa, pochi al ristorante. Fioccano i consigli di chef …