Club sandwich index, ovvero come ti calcolo il costo della vita sulla base di un panino

© Il Fatto Quotidiano / Puntarella Rossa

È forse il panino più famoso al mondo e mangiarlo, con il suo doppio strato fatto di bacon, tacchino o pollo, lattuga, pomodori, uova, burro e maionese (anche se c’è chi non contento lo arricchisce con altri ingredienti), è una gustosissima impresa gastronomica. Insomma, il Club Sandwich, nato quando si stava spegnendo il XIX secolo in una sala di gioco d’azzardo di Saratoga Springs a New York, i suoi meriti li ha, ma non pensavamo potesse essere utilizzato come criterio per valutare il costo della vita delle principali nazioni del globo. E invece implacabile anche quest’anno è arrivato il “Club Sandwich Index” (CSI) emesso dal sito di prenotazioni turistiche online Hotels.com, una graduatoria che mette in fila i Paesi del mondo valutandone l’economicità in base al prezzo per gustare un Club Sandwich praticato in 30 alberghi (a tre, quattro o cinque stelle) della capitale o di un’importante località del luogo.

Ebbene, il panino dal costo medio più proibitivo si trova nella città Svizzera di Ginevra con 23,3 euro: il centro elvetico risale così una posizione rispetto all’anno scorso scalzando dalla vetta Parigi che deve accontentarsi della piazza d’onore con 21 euro. A seguire un trittico di capitali scandinave con nell’ordine Oslo (20,4), Stoccolma (17,7) e Copenaghen (17,1) che precede di poco Roma e l’Italia (17 euro, l’anno scorso erano 17,4), scese dal quinto posto del 2012 al sesto attuale. Al settimo posto il primo Paese extraeuropeo con Tokyo, seguita da Londra, Sydney e Hong Kong che chiudono la top ten. Da segnalare anche il tredicesimo posto di New York (13,4 euro), il sedicesimo di Berlino (12,2) e il ventesimo di Madrid (11,3) di poco davanti a Rio De Janeiro (11) e Pechino (9,7).

Il Club Sandwich più a buon mercato si trova invece a Nuova Delhi che, con una media di 7 euro, si pone dietro a Taipei (8,7) e Città del Messico (8,1). In generale si assiste a una tendenziale diminuzione dei prezzi (l’anno scorso quello medio della capoclassifica Parigi era di 23,9 euro), in una classifica pittoresca il cui significato è stato spiegato da Alison Couper di Hotels.com: «Il Club Sandwich si trova nei menù degli hotel di tutto il mondo ed è perciò un perfetto barometro di spesa e può aiutare i viaggiatori nel pianificare le proprie spese. Le differenze tra il 2013 e il 2012 sono dovute a diversi fattori, dalle variazioni del costo di alcuni ingredienti fino alle fluttuazioni monetarie. Il punto di forza del CSI è che offre uno strumento semplice per capire quanto vale il proprio denaro nei diversi Paesi». Mica solo un panino, insomma.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*