Splendor Parthenopes, Napoli a Roma

Splendor Parthenopes, Napoli a Roma

Sembra quasi di entrare dentro una metropolitana francese (le mattonelle, il ferro, le scale ed i colori bruni quasi fossero il risultato della patina del tempo e dell’usura del lavoro quotidiano), e invece è lo “Splendor Parthenopes”, un pezzo di Napoli nel cuore di Roma. In via Vittoria Colonna, dove un tempo c’erano “I Professionisti”, è stato inaugurato un locale dall’anima cosmopolita dove la tradizione gastronomica partenopea viene rieletta in chiave contemporanea. Ottocento metri quadri su tre piani con gran sfoggio di legno, marmi e specchi nella zona del caffè e di ferro scuro e ceramica a parete nelle zone di produzione.

Splendor” accoglie i clienti a partire dal caffè delle 7 al cocktail bar fino a tarda notte (la chiusura è prevista alle 2).

La pizza è la regina nella proposta di “Splendor”: dalla lunga lievitazione, alla cottura in forni a legna artigianali (ci sono 2 forni a legna a vista Ferrara), nasce un prodotto sempre legato alla tradizione ma aperto a “sperimentazioni contemporanee”.
La cucina prende spunto dallo streed food napoletano e si arricchisce dei prodotti della rosticceria e della gastronomia dagli ingredienti semplici, spesso poveri, tipici della terra campana: si recupera la cucina di casa, ricca di sapori della memoria con le sue minestre, le sue torte salate e i timballi ma anche burger di salsiccia con friarelli, polpette al sugo di ragù, baccalà san Giovanni in umido, e tantissimi altri piatti napoletani (200 e oltre le offerte gastronomiche). Su prezzi e qualità vi aggiorneremo presto.

Al prodotto di cucina, pizzeria, rosticceria, si aggiunge l’offerta del banco bar sia nella proposta di un caffè “maniacalmente” napoletano, sia nella proposta dei cocktail anche qui con rivisitazioni come ad esempio per il Cosmoneapolitan ossia Cosmopolitan con limoncello e basilico campano!

Alla realizzazione del progetto hanno lavorato l’ingegner Luca D’Angelo, l'architetto Roberto Liorni (vedi Gusto, Momò, Pastificio Cerere e Porto Fluviale) e  l’architetto Antonio Romano, docente di Brand design alla Sapienza a Roma.

Splendor Parthenopes, via Vittoria Colonna 32/c, Roma. Tel. 06 683 3710

About author

You might also like

Recensioni 0 Comments

Le pain à table, cozze e croissant

Il gestore lavorava al Pain Quotidien, di via Tomacelli (ora Baguette). E si vede, visto che questo Le pain à table, condivide molto, a cominciare dal gusto estetico e dall'attrazione …

Cocktail e musica questa sera a Roma da Litro, Apartment Bar e Crostaceria. All’Hotel Adriano corso di avvicinamento al vino

Cocktail e musica questa sera, mercoledì 25 marzo, a Roma da Litro, Apartment Bar e Crostaceria. All'Hotel Adriano il Corso di avvicinamento al vino, con la master sommelier Livia Belardelli.

Italo 2 / Date da bere agli assetati

(ha collaborato Agrette Sauvage) Out of order. Non si può dire che la nuova Italia che si è messa in moto con Montezemolo, equivalente ferroviario del gabinetto tecnico dei Professori, …

4 Comments

  1. Giulia
    dicembre 14, 07:54 Reply

    Splendor è meraviglioso, elegante, caldo, accogliente. Tra i locali nati a Roma di recente, certamente il più coinvolgente. Complimenti al coraggioso proprietario Luca D'Angelo, ad Antonio Romano che ha ideato il marchio, ma soprattutto all'architetto Roberto Liorni che ha progettato e  realizzato un locale unico,  d'impatto e fascino internazionali. 

  2. Isabella
    aprile 14, 12:03 Reply

    Locale delizioso ma cibo piuttosto costoso e deludente. Non ho provato la pizza ma il secondo più costoso e blasonato, il baccalà con crema di ceci e tartufo, era un disastro: salatissimo, al limite Del non commestibile. Tartufo inesistente. Crema: talmente poca da non sentirla. Annaffiato da una birra talmente piccola (4 euro e 50) che pareva uno shottino… Peccato perché l'ambiente era gradevole. 

  3. Giulia
    maggio 25, 16:44 Reply

    posto dall'aspetto carino in un quartiere che a Roma si sta ravvivando sempre di più… detto questo i pregi del locale sono decisamente finiti. Cibo senza alcun pregio, pizza abbastanza deludente per dei prezzi altissimi. L'unica certezza è che non ci andrò mai più.

Leave a Reply