Giardino l’Olivella a Frascati: degustazioni, picnic e cene in vigna nel cuore dei Castelli

Giardino l’Olivella a Frascati. Nel cuore dei Castelli Romani, a luglio 2021, nasce il Giardino l’Olivella, proprio all’interno dell’azienda agricola l’Olivella di Frascati. Un progetto che ha preso forma grazie all’idea, scaturita nel 2020 dopo il colpo subito dall’emergenza Covid-19, di unire la cucina del ristorante di Albano la Galleria di Sopra, con l’esperienza nell’eventistica di Magnolia Eventi. Il tutto, portando avanti la filosofia dell’azienda agricola frascatana che lo ospita, attraverso un’esperienza gastronomica legata al territorio.

Al Giardino l’Olivella, si va per l’aperitivo, ma anche per le degustazioni, le cene in vigna e i pranzi in stile picnic. A guidare questo progetto, Andrea Carfagna, insieme a suo fratello Claudio, soci del ristorante di Albano e rispettivamente restaurant manager e chef del ristorante dell’Olivella, con diversi anni di esperienza nel settore.

Leggi anche: Dove mangiare a Genzano

L’ambiente

Foto di Stefano Casavecchia

Circondato dalla campagna di Frascati, il Giardino L’Olivella è un luogo bucolico di grande atmosfera, in cui godersi paesaggio e natura tra sapore e convivialità. Nel giardino terrazzato, che si affaccia sulla vigna dell’azienda agricola, una tensostruttura caratterizza lo spazio che permette di godersi l’aperitivo con il tramonto su Roma. L’ampia zona esterna, viene sfruttata a 360 gradi. Infatti, le cene tra i filari di viti sono il fiore all’occhiello dell’Olivella, che consente di organizzare anche eventi e cerimonie direttamente in vigna. “Il Giardino viene modellato in base alle esigenze. Si può fare grazie agli spazi, cercando di mantenere alto il livello di qualità. In tre anni abbiamo costruito qualcosa di cui siamo orgogliosi, grazie ad una bella collaborazione”, ci racconta Andrea Carfagna, che orchestra il giardino, svelandoci di essere un commercialista, “ormai da anni prestato alla ristorazione per passione“.

Foto di Antonio Cavalieri

“Abbiamo ristabilito anche 12 km di camminamento in mezzo ai vigneti, da sfruttare a piedi, mountain bike e a cavallo. Organizziamo delle giornate green, in cui accompagniamo gli ospiti a fare le camminate e li riportiamo qui per aperitivo/cena”. Andrea ci guida attraverso un tour dell’azienda, portandoci verso la sala interna del ristorante. Calda e accogliente con arredi in legno e un camino a caratterizzare l’ambiente, dove ampie vetrate lasciano cadere l’occhio verso la vigna. Adiacente alla sala interna, un dehors verandato e riscaldato a completare gli spazi del ristorante. Il tour si conclude nelle grotte dell’azienda agricola scavate nel tufo. “Le grotte nascono dai bombardamenti; qui si venivano a nascondere durante la seconda guerra mondiale”. Oggi vengono utilizzate per l’affinamento del vino, ma hanno anche ospitato un progetto di arte contemporanea, che ha visto svolgersi una mostra con l’esposizione di opere di artisti.

L’offerta gastronomica e la materia prima

L’offerta gastronomica è incentrata quasi totalmente sulla regione ed abbiamo coinvolto i migliori produttori della zona. Dai caseifici più vicini ai produttori di pasta fatta a mano di Zagarolo, le Maraviglie in pasta. Abbiamo cercato di coinvolgere i piccoli allevatori locali e cerchiamo di produrre noi, per quanto sia possibile, l’ortofrutta”. L’attenzione verso l’utilizzo di materie prime locali è fondamentale al Giardino l’Olivella. Si punta alla genuinità dei prodotti, che spesso provengono direttamente dalla stessa azienda agricola. “Cucinare è un atto di amore verso il territorio. I partner con cui collaboriamo ci trasmettono la passione e la cura per le materie prime“.

Il menu del ristorante, messo a punto dallo chef Claudio Carfagna, predilige la stagionalità, valorizzando la storia del territorio, grazie anche alla rete di fornitori di fiducia. Frutta e verdura che non autoproducono arrivano da Frascati dal negozio di Patrizia e Toni dal 1970. Da The Circle arrivano le erbe utilizzate in cucina e dall’azienda agricola Depau di Grottaferrata i formaggi lavorati solo con latte di pecora. Altri prodotti di eccellenza sono del salumificio Coccia Sesto di Viterbo per valorizzare e promuovere il territorio della Tuscia, mentre le carni sono selezionate dal Gruppo Galli.

Cosa si mangia al Giardino l’Olivella

Il menu del Giardino l’Olivella cambia circa ogni mese, seguendo il ritmo delle stagioni. Una cucina legata alla tradizione romana, con piatti talvolta rivisitati in una chiave più fresca, sempre volti alla valorizzazione degli ingredienti. Si parte dall’aperitivo con il tagliere di salumi e formaggi con focaccia (28 euro per due), oppure una selezione di sfizi fritti e non (15 euro). Passando alla cena, tra gli antipasti non può mancare la focaccia di produzione propria con porchetta marinata al vino bianco e maionese alla rapa rossa (8 euro), oppure la torta rustica di zucchine e zabaione salato (7 euro).

Foto di Fabrizio Di Domenico

Tra i primi meritano una menzione i ravioli ripieni di ricotta, limone e menta con crema di asparagi saltati e stracciata di bufala (15 euro), e le fettuccine al ragù bianco di vitella, ricotta agrumata e mirepoix di sedano, carote e zucchine (14 euro). Passiamo ai secondi con la bistecca di melanzana con salsa di pomodoro arrosto, crema di zucchine e fonduta di parmigiano (16 euro) e il roast-beef di vitella con salsa ai frutti rossi, maionese aromatizzata, polvere di prosciutto e salvia croccante (18 euro). Nel menu si possono anche trovare piatti realizzati in abbinamento con i loro vini, come ad esempio la guancia di manzo stufata con il 40/60. Da provare anche i dolci, come la crostata con composta di fragole e basilico (7 euro) o la sbriciolata con mousse al cioccolato e nocciole tostate (8 euro).

Cosa si beve al Giardino l’Olivella

Al Giardino l’Olivella si bevono prevalentemente i vini dell’azienda agricola, a dimostrazione del filo rosso che lega territorialità, materie prime e persone. Non manca comunque una piccola carta dei vini. L’azienda agricola l’Olivella, fondata nel 1986, è stata una pioniera della coltivazione biologica. Inoltre, il terreno di natura vulcanica di Frascati, ben si presta bene alla produzione vitivinicola e all’Olivella i filari di Cesanese, Malvasia Puntinata, Bombino e Malvasia di Candia, conducono alla produzione di tre vini bianchi (uno monovitigno Bombino, un Frascati DOC e uno prodotto con uve Viognier e Bellone) e quattro rossi, con il Cesanese come minimo comune denominatore. Invece, ad accompagnare l’aperitivo, oltre ai vini, è possibile scegliere tra la selezione di cocktail (8-9 euro).

Periodicamente, al Giardino l’Olivella, vengono anche organizzati i Wine Talks, dei percorsi dedicati all’abbinamento cibo-vino, tenuti da Andrea Carfagna, con degustazione più aperitivo (25 euro).

Giardino l’Olivella. Via Colle Pisano, 5 Frascati (RM). Sito. Facebook. Instagram

 

Seguici sui social: Facebook e Instagram

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*