Fisherman Burger Roma, la risto-pescheria trendy che ti resta addosso

Fisherman Burger Roma, la risto-pescheria trendy che ti resta addosso

 Fisherman Burger Roma, tel 333 845 6803. E’ la moda, bellezze, e non ci potete fare niente. E allora visitiamo l’ennesima pescheria che si infiocchetta e diventa ristorante, anzi “risto-pescheria”, e naturalmente propone hamburger e lobster roll e grandi scritte e camerieri con baffi a manubrio. Questo è Fisherman Burger che, sulla scia di Porto Fish & Chips e del Fishmarket (in via di smobilitazione, tranne Trastevere, chiuse la sede di via Pietralata e Fregene), prova a trasformare il classico ristorante di pesce un po’ polveroso in un locale giovane per giovani, a metà strada tra lobster bar e fish burger. Intento legittimo, per carità, che però finisce per avere più pecche che pregi.

Il maglione e la madeleine

Fisherman Burger

Per esempio, il mio maglione. E’ stato lui a ricordarmi che dovevo scrivere il pezzo. Stavo smanettando sul computer, tra una chat e l’altra, quando si è fatto largo con prepotenza un odore intenso che conoscevo. Mi è bastato un attimo e il mio olfatto sempre vivace, nonostante la veneranda età, mi ha rimandato a una settimanella fa, alla sera della mia visita a Fisherman Burger. Solo che la madeleine proustiana era un merluzzo, non un biscotto (in realtà era pane tostato, ma questo è un altro discorso). Già, perché l’odore intenso e nauseante di pesce ci si è attaccato addosso non appena varcata la soglia del Fisherman e non ci ha più abbandonato per tutta la giornata. Una salutare doccia ha salvato noi, ma non il maglioncino, un cardigan di rara qualità. Voi direte, lavalo. Vero, complimenti per l’obiezione, provvederemo. Nel frattempo, Fisherman potrebbe provvedere a depurare il suo locale da questo odore violento di pesce e munirsi di un’areazione degna di questo nome. D’accordo, si tratta di una risto-pescheria e la risto-pescheria, come il maschio, “ha da puzza’“, se vuole essere virilmente ittica: ma  forse qui si esagera un tantino.

I baffi e le premure

fisherman burger cameriere

Altra cosa su cui si esagera sono le premure. Davvero lesti, camerieri e cameriere, anzi giovani hipster barbuti, baffuti e basettuti prestati alla ristorazione, a chiedere, sollecitare, richiedere e sollecitare.

fisherman burger sala

Tanta premura fa sorgere spontaneo il dubbio che si tratti di un tentativo, riuscito, di accelerare la nostra dipartita, di modo che si possa liberare il tavolo e incrementare i guadagni della serata: come diceva Andreotti, a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.

Il comodino e la geometria

E insomma, questa cena non nasce con buone premesse. Anche perché ci fanno accomodare in un tavolino, una sorta di comodino dove ci potrebbero stare un paio di libri. O se vogliamo essere più moderni, un paio di MacBook air.

Fisherman Burger

Talmente è striminzito il comodino, che non si sa dove collocare il cestello in acciaio con la frittura, immancabile sulle tavole più trendy, da qualche anno. Passiamo così un bel dieci minuti a ripassare le forme geometriche apprese a scuola. E nonostante l’impegno, non riusciamo a trovare un’armonia decente, perché vige ancora da quel dì il principio della non compenetrazione dei corpi. E anche perché nel frattempo, la premura dei camerieri ci ha portato il lobster roll, a pochi secondi dall’arrivo degli antipasti. Errore blu per qualunque locale. Ma voi direte: si stanno rodando. Vero, si stanno rodando, e dunque siamo pronti a impugnare la gomma e cancellare l’errore, in caso di redenzione. Ok: ma nel frattempo chi ci ridà i soldi della cena?

La cena frugale

fisherman burger menu

A proposito, la cena. Abbiamo provato frittura e lobster roll. La frittura mista (14 euro) niente di speciale, con le patate che navigavano nel fondo del cestello.

Fisherman Burger

Il Lobster Bacon Roll, invece, proprio deludente, sapore spento, pane non eccelso: per 18 euro, si sperava in qualcosa di meglio. Dulcis in fundo, niente bottiglia d’acqua da un litro, solo bottigliette di plastica, come al bar della stazione, ma al costo di 1,5 euro l’una.

Non un addio, ma quasi

fisherman burger quadro

La nostra permanenza volgeva al termine, viste anche le pressioni. Peccato. Anche perché c’è un bravo chef, il pugliese Giuseppe Fiusco, e perché ci sono ostriche, tartufi di mare, astici (18 euro), cozze alla salentina (8), aragoste, fajitas di mare (14), pesci pettine, burger di pesce (11-13). Quando si dice un matrimonio sbagliato: prodotti primi di qualità e ambizioni di cucina in un locale modaiolo e sbagliato. Sarà per un’altra volta: il nostro obolo di 75 euro l’abbiamo versato e ora prima di fare il bis ci pensiamo due volte. Anche perché la lavanderia, signora mia, costa una cifra e un altro cardigan non ce lo possiamo permettere.

fisherman burger caricabatterie

Ah, una nota curiosa: se chiedi una presa per caricare, ti portano questo affare brandizzato The Fisherman. Bella idea: ma magari un po’ ingombrante eh, visto le dimensioni dei tavoli…

The Fisherman Burger, piazza Pasquale Paoli 15, Roma. Tel 333 845 6803

About author

You might also like

Bakery House, NY a Corso Trieste

Avete deciso che vi potete premiare, che per una volta lo strappo alla dieta non vi dovrà provocare struggimenti e sensi di colpa, e che avete voglia di dolci made in …

Quirinetta social bar Roma, musica live e cocktail nei sotterranei dell’ex teatro

Quirinetta social bar Roma centro. Il Quirinetta raddoppia. Nei vecchi locali dell’ex teatro romano, risorto negli ultimi anni a café-chantant con Cafè Concerto, nasce Quirinetta social bar. Il nuovo “localino”, …

Recensioni 3 Comments

Pasticceria Bompiani Roma, riapre la boutique del dolce al quartiere ardeatino

Pasticceria Bompiani Roma. Ha riaperto a Roma al civico 8 nell’omonima piazza capitolina, la pasticceria Bompiani: Walter Musco (supportato da Federico Cari e Joanna Irena Milewsk) torna a deliziare occhi e …