Brindisi, apre il ristorante XFood gestito da ragazzi disabili

ristorante disabili brindisi

ristorante disabili brindisi

Qualcosa di diverso”: in Puglia si è fatto conoscere con questo slogan il progetto del ristorante Xfood. Gestito da trentadue ragazzi disabili, aprirà a fine febbraio a San Vito dei Normanni, in provincia di Brindisi. Nel locale verranno servite pietanze a chilometro zero, preparate con prodotti a filiera corta, e i giovani collaboratori non copriranno soltanto il ruolo di chef ma anche quelli di allestitori e camerieri.

ristorante X food

Inclusione sociale, innovazione e creatività sono gli aspetti sui quali punta questa iniziativa realizzata da Ex-Fadda in collaborazione con il consorzio Nuvola e che prevede percorsi diinserimento lavorativo all’interno degli stessi locali dell’ex stabilimento enologico. Qui si trovano già, fra l’altro, laboratori di artigianato e di musica, un farmers market, una ludoteca e due spazi per eventi al coperto e all’aperto.

Anche la coltivazione dell’orto è affidata ai trentadue ragazzi, tutti provenienti da due territori brindisini che comprendono otto comuni: Francavilla Fontana e Brindisi quelli maggiormente rappresentati. I locali dell’Ex-Fadda saranno arredati con mobili usati da riadattare agli spazi e all’impianto di illuminazione: tutto porterà la firma dei giovani protagonisti del progetto, dal menu dei piatti serviti all’aspetto del locale, che ospiterà fino a 50 persone. Le settimane che precedono l’apertura serviranno per il perfezionamento dei ragazzi, con corsi di formazione ed esercitazioni pratiche per la gestione del ristorante.

documentario-io-sono-diogene-la-lanterna-crowdfunding

In attesa del taglio del nastro, analoghe esperienze fanno ben sperare sul buon esito dell’iniziativa: dalla “Lanterna di Diogene”, gestita dall’omonima cooperativa sociale in un vecchio casale a Solara di Bomporto, nel modenese (e della quale vi avevamo già parlato qualche tempo fa), alla trattoria fiorentina “I ragazzi di Sipario”, fino a “Pecora nera”, il ristorante gestito dalla Cooperativa sociale Cose e Persone a Lucca.

© Il Fatto Quotidiano / Puntarella Rossa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*