Tastevere a Roma, bottega a chilometro zero

Tastevere a Roma, bottega a chilometro zero

Tastevere nuova bottega km 0 a Trastevere

A Roma, ovviamente a Trastevere, apre Tastevere, bottega a chilometro zero. No, non è un gioco di parole. O forse sì. Ora vi racconto la sua storia. C’erano una volta due ragazzi con la passione per i prodotti della terra e per la ricerca della genuinità: Giuseppe, di Leonessa, ex presidente dei giovani imprenditori del Lazio, ha un allevamento di pecore e si occupa personalmente  della transumanza, producendo ottimi formaggi, primo tra tutti il pecorino. Luca, di Fara Sabina, ha comprato un terreno, coltivandolo a olivi e alberi da frutta e nei mesi invernali, attingendo alla cultura popolare dei più anziani, si è dedicato alla raccolta di erbe selvatiche come borragine, topinambur, crespigna, pimpinella, raponzoli, caccialepri, scoprendo e trasmettendo ricette antiche e gustose. Forse qualcuno ne ha già sentito parlare: la sua passione e l’esperienza hanno avuto echi persino alla Rai, in casa Clerici.

1883

Giuseppe e Luca fondono la loro esperienza e l'8 gennaio 2013 aprono la loro bottega, dove si possono comprare i prodotti, ma anche mangiare (e bere) in loco: scelgono una zona come Trastevere perché assicura un passaggio certo, sia pur ibrido, ma come inizio l'importante è provare. Ma già a poche settimane dall'apertura anche il passante più distratto non può non notare il netto distacco tra il loro originale locale e le dozzinali pizzerie che lo circondano. Tanto che l'arrivo di Tastevere a vicolo del Cinque innesca un cosiddetto meccanismo di concorrenza positiva.

1884

Da Tastevere non si prenota: si arriva, ci si siede, se c'è posto; i tavoli sono pochi e arrangiati, sistemati tra le cassette della frutta e davanti al piccolo banco dove sono esposti i prodotti. E proprio perché non si prenota non viene messa fretta: Giuseppe dice "per me puoi restar là a mangiare tutta la sera se vuoi, io non ti chiederò mai di alzarti". Ma alla fine ti alzi, per forza. Per fare due chiacchiere con i proprietari, ascoltare le storie dei prodotti che stanno per arrivare, come la birra artigianale ai carciofi e rosmarino, o rilassarsi dopo una carrellata di taglieri e bruschette. Ma niente bruschetta al pomodoro: cipolline in agrodolce, puntarelle, radice di songino, porri in agrodolce.

1880

Poi, non se ne ha mai abbastanza e si chiede di scegliere tra i barattoli in bella vista: vada per la crema di melanzane piccante. Il vino o la birra? Per stasera una bottiglia di Allegro, biologico di Orvieto. Intanto si è fatta mezzanotte e mezza ed effettivamente nessuno ci ha chiesto di alzarci. Il conto è di 26 euro in due, ma non saprei quantificare quante cose ho preso: mentre sei lì a cena che parli arrivano assaggini, bicchierini, pensierini. Come si fa a dire di no? Allora si fanno promesse: torno presto.

1882

Tastevere Kilometro Zero, vicolo del Cinque 30/a, Roma. Tel 06/95584404

About author

You might also like

Osteria Torre Alberici Bologna, la bottega più antica della città rinasce con il ristorante Al Pappagallo

Osteria Torre Alberici Bologna. Lo storico ristorante Al Pappagallo, dopo la ristrutturazione di inizio anno e la lunga pausa imposta dalle restrizioni anti-Covid, ha riaperto con grandi novità: l’Osteria Torre …

Nuove aperture ristoranti a Milano novembre 2014: da Carolina’s a Belli Freschi, dal Meatbar a Bis Panzerotti

Nuove aperture ristoranti a Milano novembre 2014. Il freddo sembra essere appena iniziato, ma quello che si prospetta è l'autunno/inverno più rigido di tutti i tempi. A dirlo non sono io, …

News 3 Comments

I migliori ristoranti di Roma 2018, ecco la nuova app di Puntarella Rossa (mai più senza)

I migliori ristoranti di Roma 2018, ecco la nuova app di Puntarella Rossa. E’ arrivata ed è disponibile negli store di Apple e di Android, la nuova app di Puntarella …

1 Comment

Leave a Reply