Cake and the city, delizie in Prati

Riuscite ad immaginare Carrie e le ragazze abbandonare lo shopping griffato della Fifth Avenue ed entrare in una pasticceria in via Orazio? La risposta è Cake and the City, piccola e deliziosa bakery nel quartiere Prati che vi propone specialità dolciarie anglosassoni a profusione.

Uno sguardo alla vetrina all’entrata e viene l’acquolina in bocca, rapiti da ben dieci tipologie di biscotti diversi: dai classici Cookies, allo Shotbread fino ai Crakles.
Spiccano dietro il bancone in vetro i Cupcake, le celebri tortine con il topping, i Brownies, torta al cioccolato tagliata in quadratini, la Carrot Cake, la Velvet Cake, Chocolate Fudge Cake, la Sacher e non poteva certo mancare la regina delle torte americane, molto blasonata in Italia grazie al webmarketing di un'azienda di formaggi, la Cheese Cake.

Da Cake and the City potete gustare le specialità direttamente in negozio, portarle a casa, ordinarle e personalizzarle per un compleanno o un evento speciale.

E in quanto a Cake Design, proliferato a macchia d’olio grazie al programma di Real Time “Il boss delle Torte”, qui non si fanno certo parlar dietro. I prezzi? Una cupcake costa 2.70 euro e una fetta di torta 3.5 euro.

A Roma, in fatto di pasticcerie americane, non siamo nuovi: a corso Trieste c’è Bakery House, in via dei Coronari troviamo Made in Bakery, Sweety Rome presiede in via Milano. Ciò che forse distingue Cake and the City è una sorta di garanzia, ovvero la sua padrona di casa, la chef Valentina Gigli, volto noto del Canale Alice Tv (Sky) e dei Canali Arturo e Cielo (Digitale Terrestre), collaboratrice di diverse riviste del settore Cucina e Pasticceria, docente alla Scuola di Cucina “A Tavola Con Lo Chef“. Potete venire a far colazione dal martedì al sabato dalle 10 alle 14.30 oppure una ricca merenda tutti i giorni (eccetto domenica) dalle 16 alle 20.
E poi ovviamente tutti in palestra.

Cake and the city, via Orazio 15, Roma. Tel 06 323 2607

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*