Monti, apre la gelateria Fatamorgana

Monti, apre la gelateria Fatamorgana

Una delle più belle piazzette di Roma, con un cortiletto a scendere nel cuore di Monti. Finora non c'era nulla, se non un paio di panchine. Da ieri in piazza degli Zingari c'è la nuova sede di Fatamorgana, la nota gelateria di Maria Agnese Spagnuolo che, dopo le due sedi di via Lago di Lesina (Salario) e via Bettolo (Prati), ha inaugurato la nuova sede, piccola ma con tutta la piazza di fronte. Vi diamo la notizia con qualche foto dell'inaugurazione e presto faremo una prova d'assaggio. Intanto vi diciamo che i gusti sono molto particolari: pera al gorgonzola, zucca con i semi caramellati, finocchio miele e liquirizia, pecorino miele di castagna e buccia d'arancio, gatzpacho, crema di carote

Dentro la gelateria, il bancone con i gusti sovrastati da un grande manifesto di Totò e Peppino

Le due porte di Fatamorgana, gelateria che ha come sottotitolo lo slogan "semplicemente gelato": niente coloranti, niente glutine, materie prime di qualità. La gelateria nasce dall'intuizione di Maria Agnese Spagnuol, che aprì il suo primo laboratorio nel 2003.

Piazza dei Serpenti, a due passi da piazza Madonna dei Monti e via del Boschetto. Ormai Monti è diventato uno quartieri più cool di Roma, con un moltiplicarsi di locali che, per i detrattori, fa rischiare una "trasteverizzazione" del rione.

Fata Morgana, via degli Zingari 5, Roma

About author

You might also like

Brunch per tutti i gusti: 16 proposte

Puntarella, come ogni domenica,  vi presenta una selezione dei migliori brunch della giornata. Questa settimana "The Week-end Brunch" all'interno dell'Hotel de Russie: ogni settimana un brunch nuovo, pensato in funzione …

Nuove aperture Firenze maggio 2017, apre il vietnamita Comsaigon e c’è il ritorno di Calino

Nuove aperture Firenze maggio 2017. Il Negroni riapre i battenti: là dove una volta c’era lo storico bar Necchi dal 9 maggio ci sarà un cocktail restaurant. L’Outside bistrot che aveva chiuso un …

Una zuppa di carciofi (o un tortino?)

Il professore Leopoldo Prieto nel suo libro "El hombre y el animal, nuevas fronteras de la antropologia" introduce il bizzarro (o quanto meno spericolato) concetto di "non specializzazione morfologica" indicando …