Dove mangiare a Lucca, mini guida tra ristoranti, pizzerie, cocktail bar ed enoteche

osteria mecenate lucca
I tordelli al ragù dell'Osteria Mecenate

Dove mangiare a Lucca. Siamo a Lucca, città dove ancora si respira un vero concentrato di sapori toscani autentici. Uno dei luoghi della regione che più riesce a rimanere legato alla tradizione aprendosi però anche a tanta modernità, soprattutto in tema enogastronomico. La città vive e respira cultura, con bellissimi musei ed eventi come il Lucca Comics & Games o il Lucca Summer Festival. Manifestazioni che portano curiosità e movimento ogni anno, unendosi ad una proposta gastronomica molto interessante.

Qui di seguito potete trovare una mini guida in sei indirizzi per mangiare e bere bene durante un weekend a Lucca. Proposte interessanti e caratteristiche che possono accompagnare una gita, dal pranzo fino al dopo cena: fine dining, osterie, pizzerie, cocktail bar ed enoteche.

Leggi anche: Le migliori pizzerie di Firenze

 

Dove mangiare a Lucca

Gigliola 

mangiare a lucca: gigliola

Per un pranzo divertente, consigliamo di passare dai giovani e talentuosi ragazzi del Gigliola, noto ristorante in città a pochi passi da Porta San Pietro. La parola d’ordine da loro è sperimentazione. È possibile ordinare piatti tradizionali fino ad arrivare a preparazioni più etniche in base ai periodi. Pino è il simpatico lievito madre concepito a Berlino da Benedetto Rullo nel 2012. Dopo un anno a Copenaghen si trasferisce definitivamente a Lucca nel 2016. Cresce nelle cucine del Giglio fino a quando sente la necessità di un locale tutto suo: è così che nasce Gigliola. Qui troviamo il taco o la pita e pagnotte fatte a regola d’arte, o le più classiche focacce ripiene e crostoni (disponibili anche a portar via). Rigorosamente da accompagnare ad un buon calice di vino. Nella sezione salati (dai 7 ai 16 euro) si passa dal chorizo “Senorio de Olivenza” alla tartare, mayo al limone e pomo fritto fino ai tordelli lucchesi al ragù.

Gigliola. Corso Garibaldi 17, Lucca. Sito. Facebook. Instagram.

L’Imbuto

Lucca

Entrate nella limonaia di Palazzo Pfanner e si può iniziare a viaggiare: allo stellato L’Imbuto potete chiedere gli stessi piatti ogni volta che passate, ma attraverserete un paesaggio con nuovi dettagli. Le sorprese dello chef Cristiano Tomei si rinnovano ogni giorno e sono imprevedibili. La cantina ricerca a sua volta etichette stimolanti, annate singolari e vigneron votati alla biodinamica. Tre i percorsi di Cristiano Tomei, in un viaggio, che a loro piace definire senza navigatori e Gps, nuovo e sorprendente. Qui si lavora la materia prima locale: pesce del Tirreno e carni, latticini, frutta e verdura della Garfagnana, le erbe, le bacche, i germogli e i fiori selvatici che ogni giorno lo chef raccoglie in pineta e nei prati che frequenta da quando era bambino. I Bottoni della pineta sono uno dei piatti più interessanti, realizzati con una pasta fresca con estratto di aghi di pino, a farcire una ricotta vegana di pinoli, conditi con un burro di pinoli. L’Imbuto propone tre diversi menu degustazione: 5 portate a 110 euro, 7 portate a 130 euro e 10 portate a 150 euro.

L’Imbuto. Piazza del Collegio 7, Lucca. Sito. Facebook. Instagram.

Mecenate 

Lucca

Una cucina senza fronzoli, espressa, a base di prodotti (e produttori) locali, in una rete virtuosa di cose buone accuratamente selezionate.. L’Osteria Mecenate nel 2021 ha compiuto 25 anni. Un’avventura partita in campagna, a Gattaiola nell’ottobre del 1996, e approdata in città, sul Fosso di Lucca a maggio 2012, che prosegue a suon di tordelli e bicchieri di vino, di amore per il territorio e convivialità. La cuoca Sole dirige con passione la cucina, proponendo piatti autentici, la perfetta sintesi fra la sua personalità, il territorio, lo stile e la storia di Mecenate. Una trascrizione fedele della gastronomia della zona, che non prescinde però dal fattore umano. Super consigliate le vere polpette lucchesi (di lesso) con salsa verde (10 euro), ovviamente i tordelli casalinghi lucchesi (14 euro) e imperdibili le rovelline lucchesi, carne di manzo impanata e fritta, ripassata in padella con pomodoro e capperi (14 euro).

Osteria Mecenate. Via del Fosso 94, Lucca. Sito. Facebook. Instagram.

Pizzeria… SUD! 

Lucca

Antonio Ilardi, classe ’87, nel 2014 arriva a Lucca direttamente da Napoli, con alle spalle tante esperienze in cucina prima di arrivare di fronte a un forno da pizza. Nella sua SUD!, pizzeria nel centro di Lucca, le materie prime sono scelte con cura provenienti da piccoli produttori legati al territorio di origine. Il risultato è una pizza che riesce ad essere sofisticata come un piatto di un ristorante. Nel menu, la sezione ‘E Pizz’ ci apre le porte all’ampia scelta di proposte, con possibilità di fare diversi percorsi per assaggiare un po’ di tutto: Degustazione S (3 spicchi), U(4 spicchi) o D (5 spicchi). Tra le pizze non mancano la classica Margherita (9 euro) fino alla moderna Tartare di Wagyu, pizza al vapore poi ripassata in forno con tartare di manzo Wagyu italiano, colatura di alici, senape, stracciatella, alici di Cetara e paccasassi (16 euro). I dolci (7 euro) sono di Sal De Riso o fatti in casa.

Pizzeria… SUD!. Via della Cavallerizza 29, Lucca. Sito. Instagram.

Franklin ’33 

Lucca

Tra i locali più interessanti di Lucca per bere c’è Franklin ’33. Ottimo per una serata tra amici o per un aperitivo. Ambiente curato per un cocktail bar caldo ed accogliente. Drink di livello e decisamente poco scontati realizzati da barman esperti e di talento. Manca solo la parola d’ordine per accedervi e si potrebbe definire un vero e proprio speakeasy. Entrando, si viene trasportati indietro nel tempo. Tra i cocktail (dai 10 ai 15 euro) da provare segnaliamo  “Magnum Pì”, “Bansky” e “Versace”.

Franklin ’33. Via San Giorgio 43, Lucca. Facebook. Instagram.

Enoteca Vanni

Lucca

Nel cuore di Lucca, più di 300 metri quadrati di cantine risalenti al III secolo d.C e una selezione di 55mila etichette, molte delle quali rare. Un tesoro unico affiancato da taglieri di salumi e formaggi. Un’attività che prosegue una tradizione di famiglia, trasmessa di generazione in generazione, in uno spazio che riporta indietro di secoli. Enoteca Vanni è un punto di riferimento, una tappa immancabile per chiunque ami il vino, un luogo dove farsi consigliare con cordialità ed estrema competenza: Paolo e i suoi colleghi scelgono sapientemente ogni bottiglia presente nel locale. Possibile prenotare degustazioni con il sommelier, Simone, con una grande conoscenza di tutti i vini presenti e non.

Enoteca Vanni. Piazza San Salvatore 7, Lucca. Sito. Facebook. Instagram

 

Seguici sui social: Facebook e Instagram

 

Dove mangiare a Lucca

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*