Il Deposito Bistrot a Torino, mangiare piemontese e ligure lungo la Dora

Il Deposito Bistrot a Torino, mangiare piemontese e ligure lungo la Dora

Il Deposito Bistrot a Torino, mangiare piemontese e ligure lungo la Dora. Aperto da un annetto, il Deposito è già entrato nella lista dei ristoranti di Torino da segnarsi. Un locale modernamente classico, luminoso, placido, ben gestito. Un deposito di cose buone e di gentilezza fuori dal comune.

Tavoli di legno colorato con piano di marmo, pareti blu, alti soffitti.

Grissini lavorati a mano nella scatola di legno sopra il marmo. Niente tovaglia. Luci in sospensione.

Il menu cambia spesso. L’impronta ligure si vede da alcuni piatti: la Sardenaira (focaccia con le acciughe), il Brandacujun (patate e baccalà), gli gnocchi ortiche e pesto di noci. Non mancano classici piemontesi, rivisitati con originalità. Prezzi più che corretti: primi a 10 euro, secondi 15/17 euro. Due euro per acqua, pane e grissini.

Ottimi i plin ai tre arrosti (in questo caso non “al tovagliolo”, cioè con burro e formaggio) (10 euro).

Delicato il risotto ai fiori di acacia e crema di castelrosso (10 euro).

Meno d’impatto il vitello tonnato. Da provare invece la selezione dei formaggi, davvero una bomba.

Il Deposito Bistrot, via Ercole Ricotti 1, Torino. Tel 011/0200239  Chiuso martedì 

About author

You might also like

Del Cambio a Torino, il rito dell’aperitivo con un fascino antico (ma con una nuova spensieratezza)

Del Cambio, a Torino, l'aperitivo più intriso di storia e nobiltà. Ma anche tra i più corretti nella preparazione dei cocktail e per la misurata portata di appetizer, che non …

Street Fish Torino, il crudo esotico arriva in centro in uno street food di qualità

Street Fish Torino Ceviche, tacos e insalate di mare. Da Street Fish, aperto nel settembre 2017, è il pesce fresco a farla da padrone. Nel piccolo locale in via Bogino, …

Edit Torino, il maxi polo del food: cosa si mangia e chi c’è

Edit Torino. In una ex fabbrica di cavi elettrici, nel cuore di Barriera di Milano, ha aperto Edit (che sta per Eat, Drink, Innovate Together). Un progetto grandissimo realizzato dall’ex …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply