Brunch Milano 2017: 18 ristoranti da provare nel weekend

Brunch Milano 2017: 18 ristoranti da provare nel weekend

Brunch Milano 2017 Brunch o pranzo della domenica, chiamatelo come volete. E’ il giorno della festa. Che siate in coppia, in famiglia, con amici o scompagnati, la parola d’ordine del weekend è relax. Ecco quindi la nostra selezione, per tutte le tasche e a zonzo per diversi quartieri di Milano. Fino ai confini della città, perché è qui che sono spesso i veri milanesi e i veri indirizzi da scoprire. Dalla nuova pasticceria all’hotel 5 stelle, dal bistrot appena nato fino ai classici in stile brit-americano e a una versione orientale molto ricercata.

Vuoi sapere tutte le novità su Milano: diventa fan di Puntarella Rossa Milano

Brunch Milano 2017

GARIBALDI 

Parma & Co.

In questo indirizzo, ormai punto di riferimento nella zona, siamo in una salumeria con cucina adattata ai ritmi milanesi. Il brunch consiste in un piatto unico più un dolce (come la buona torta Parma & co. con cioccolato, marmellata di marasche, amaretti e pasta frolla), una formula che ricalca un po’ l’english breakfast. Di recente si è passati al servizio al tavolo dopo un’offerta a buffet. Le materie prime sono però parmigiane e di ottima qualità, grazie all’attenta selezione della proprietà. L’offerta cambia spesso, in particolare in merito al condimento delle uova, che si adatta alla stagione (dai porcini di Borgotaro al tartufo nero di Fragno fino al guanciale). Non manca il salamino al vino bianco (che sostituisce le classiche salsicce) e i fagioli, in insalata nei mesi caldi e in zuppa col gambetto di prosciutto in quelli più freddi.

Orario: domenica, dalle 12 alle 15

Costo22 euro a persona (bevande escluse)

Parma & Co., Corso Garibaldi, angolo Via D. Tessa 2 . Tel. 0289096720

Babitonga Cafè

Al piano terra della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli il Babitonga Cafè si presenta come uno spazio inserito nelle attività ospitate dal nuovo imponente edificio a vetri, tra libri ed eventi. L’offerta brunch, in partenza a novembre 2017, prevede un piatto a scelta tra: uova alla benedict con spinaci fiorentine e patate al forno, uova strapazzate con bacon e pomodori grigliata, club sandwich, riso al salto, ceasar salad. Al tavolo è incluso caffè americano, succo di arancia, cestino con panino al sesamo, pane nero affettato, mini croissant vuoto, burro e marmellata, a cui si affianca un buffet dolce che comprende plum cake, mini muffin, una torta, yogurt con granola, due dolci al cucchiaio, macedonia.

Costo: 22 euro a persona

Orariodomenica, 11.30 – 15

Babitonga Cafè, c/o Libreria Feltrinelli, Viale Pasubio, 5. Tel.  02 6379 3977

CHINATOWN

Bulk Bar – Hotel Viu

Domenica 29 ottobre parte il brunch domenicale al Bar Bulk, all’interno dell’ Hotel Viu, nuovo 5 stelle nato dove c’era il centro sociale Bulk, di cui rimane solo il nome. Trovate un menu con i classici sapori di tradizione americana come pancake, waffle, uova e omelette, ma anche burger, tartare, ceviche, granola, macedonie e torte. Da bere? Centrifugati e succhi (8 euro). La supervisione? Dello chef-imprenditore Giancarlo Morelli, che a Seregno vanta una stella Michelin e che presiede la cucina adiacente del ristorante dell’albergo. E, visto che siamo a Milano poteva mancare una selezione di cocktail con prodotti legati alla stagionalità? Certo che no. Oltre ai classici in carta, ogni mese c’è in scaletta un cocktail speciale, che per le prime cinque domeniche, viene servito in bottigliette in edizione limitata, disegnate dal tatuatore milanese Simone Bonetta. E così, anche i tatuaggi, contemporanea arte pop, sono stati sdoganati dal lusso.

Orario: domenica, dalle 11 alle 16

Costi: alla carta, piatti da 8 a 22 euro

Bulk bar, via Aristotile Fioravanti, 4. Tel. 02 80010917

ISOLA

Boatta

Da Boatta, inaugurato ad ottobre 2017 nel fermento che attraversa il quartiere Isola, trovate il pranzo della domenica. Ecco cosa aspettarvi: tre portate a scelta (una colazione salata, un primo e un secondo) più un buffet colazione dolce con acqua in caraffa, caffè americano e succhi di frutta inclusi. La colazione salata? Comprende uovo fritto con pancetta, omelette al formaggio o una frittata con patate; tra i primi: pasta alla norma, lasagne al forno e pasta con le sarde; tra i secondi: roast-beef con patate al forno, parmigiana e trancio di salmone scottato con fagiolini. Nel buffet dolce: torta alle mele, torta della nonna, torta al cioccolato, i biscotti della nonna e frutta fresca a piacimento. Per i più piccoli, sempre che non vogliano le prelibatezze sopra, c’è una proposta ad hoc con un prezzo contenuto: pasta al pomodoro e fettina di carne impanata con patate al forno.

Sono previste degustazioni in collaborazione con produttori italiani. Si comincia domenica 5 novembre. Il protagonista? Un olio, siciliano come la proprietà, con omaggi e assaggi, anche per i passanti.

Orario: domenica, dalle 12 alle 15

Costo: 25 euro, menu bambini a 10 euro

Boatta, piazzale Segrino, 1. Tel 026688560 

Ile Dulce

Con un nome così studiato non poteva che aprire nel quartiere Isola. Ile Dulce, una pasticceria nata il 15 ottobre, in cui ci si delizia. E si fa anche il brunch, all’interno dei suoi 120 mq con annesso laboratorio. L’ispirazione è francese e nel pranzo del weekend regnano le uova: al tegamino, strapazzate, all’occhio di bue, in camicia. Accanto al salato con croissant, focacce, bagel e quiche, anche proposte dolci del pasticciere Fabrizio Barbato con la chicca delle crepes suzette preparate al tavolo sul momento. Per accompagnare torte, monoporzioni, mignon, macaron, croissant, biscotti e semifreddi si può scegliere  da una selezione di vini (5 euro a calice) e champagne (10 euro a calice) di piccoli produttori italiani e stranieri.

Orario: sabato e domenica, dalle 12 alle 15

Costi: 25 euro bevande incluse, 35 euro con vini e champagne

Ile Dulce, via Luigi Porro Lambertenghi 15. Tel. 02.49780658

Brunch Milano 2017

Vintage Bakery

Posto piccolo nel quartiere Isola, ma con servizio cordiale, che lavora soprattutto con consegna a domicilio. Nel brunch sono inclusi pancake con sciroppo d’acero, cookie e caffè americano, succo, acqua da mezzo litro. In più, un dolce dall’assortimento. A scelta dalla carta avete: yogurt con marmellata e granola, scrambled eggs con bacon e bagel, quiche del giorno con insalata mista. E ancora, burger, spicy chicken & fries. Possibilità di doggy bag se non riuscite a mangiare tutto. C’è anche un menu brunch kids: succo o acqua, mini burger, patatine fritte e cupcake.

Orario: sabato e domenica, 10.30, 12, 13.30 e 15

Costi: 25 euro (15 menu bambini)

Vintage Bakery, viale Stelvio 39,  – ingresso da Via Thaon di Revel, di fronte al civico 21. Tel. 02.99203619

PORTA VENEZIA 

Baobar

Da Baobar, conosciuto indirizzo per nottambuli, tra Porta Venezia e Città Studi, potete scegliere tra uova con spremuta e caffè il sabato e un vero e proprio brunch più abbondante la domenica, con opzioni tra un menu pancake, un menu burger, un menu salmone, un menu bagel, un menu club sandwich e naturalmente un menu uova.

Orario: sabato e domenica, dalle 12 alle 16

Costi: menu uova 12 euro. Brunch 18 – 23 euro

Baobar, via Bartolomeo Eustachi, 24. Tel. 02 8739 8693

Dim Sum 

Se avete voglia di un pranzo domenicale in versione orientale, benchè abbastanza costoso, potete optare per i dim sum dell’omonimo ristorante aperto ormai dal 2013. Si tratta di un pasto, composto da micro portate della cucina cinese: piattini di carne, pesce, verdura e uova,  in forma di ravioli, involtini, roll, saccottini e polpette ma anche zuppe e piccoli dolci, cotti a vapore o fritti, presentati in ceramiche avvolte da cesti di bambù. Serviti con il , come vuole la tradizione o champagne, come vuole il milanese imbruttito. Un pasto di bocconcini che nel passato in Cina rappresentava una colazione al ritorno dai campi e che negli ultimi anni è tornato di gran moda, rivisitato in versione lussuosa dai ristoranti di tendenza di Hong Kong e delle principali capitali mondiali. Un’alternativa che lo chef Wu Jing declina in molte varianti: in carta ci sono più di 35 dim sum e una decina di nuovi in arrivo.

Orariodalle 12 alle 14:30 ANCHE IL 1° NOVEMBRE

Costo: una media di 55 euro a pranzo bevande escluse.

Dim Sum, via Nino Bixio 29 angolo via Pisacane. Tel. 02 – 295 228 21

Chateau Monfort


Château Monfort, hotel 5 stelle ispirato al mondo delle fiabe, ha un brunch domenicale nel suo ristorante Rubacuori. Lo chef Domenico Mozzillo firma un buffet in cui  trovate verdure cotte e crude, piatti rustici come baccala fritto, pasta crisciuta con acciughe e prezzemolo, tielle ripiene, cannelloni gratinati, bollito misto e le sue salse fino a salumi, formaggi e piatti di pesce come spada con arance e melograna; seppie, cavolo nero e porro croccante, moscardini alla “Luciana”. E ancora, salsicce, bacon , wurstel, pomodori al forno, patate, funghi spadellati, pancake e cestino di pane. Inoltre alla carta: selezione di uova e hamburger, anche vegetariano e di pesce.

Orario: domenica, dalle ore 12:30 alle ore 15 (ad eccezione delle seguenti domeniche: 24/12/2017 – 31/12/2017 – 07/01/2018)

Costi: €40 per persona – €20 fino a 10 anni, acqua e caffé inclusi

Château Monfort, Corso Concordia 1. Tel. 02 776761

STAZIONE CENTRALE

Björk

Björk Swedish Brasserie, indirizzo diventato a Milano punto di riferimento per il cibo scandinavo, a settembre 2017 si è rifatto il look. Il risultato? Un oblò – separè in vetro e ottone con stoffa a tinte blu.  Dal 5 novembre arriva il pranzo della domenica che ripropone sapori nordici della stagione, presentando nel menu piatti classici come il salmone marinato all’aneto (€ 16) con salsa gravlax e patate lesse mignon e altri abbinamenti caratteristici, come le smørrebrød, tartine farcite con pesce, formaggio o carne.

Orario: domenica, 12 – 14.30

Costi: alla carta

Björk, via Panfilo Castaldi 20. Te. 02 4945 7424

PORTA VITTORIA

Dinette

Questo localino di quartiere è stato uno dei primi, negli ultimi anni, ad aver introdotto la dicitura Pranzo della domenica come risposta al brunch, così poco italiano e molto esterofilo. Qui trovate proposte classiche, che cambiano settimanalmente. Un esempio di menu di novembre? Antipasto con nervetti, fagioli, sedano croccante e gnocco fritto; come primi, il risotto con la zucca, taleggio e burro d’alpeggio aromatizzato alla salvia e le pappardelle con ragù di salsiccia; tra i secondi, la polenta morbida con stracchino e il polpettone alla siciliana. E poi ci sono dolci serviti al banco (torte, tiramisù, panna cotta). Scegliendo il menù completo, da sei piatti, le portate sono poste al centro del tavolo e vengono condivise tra i commensali con la possibilità di replicare le preparazioni che sono piaciute di più.

Orario: domenica, dalle 
12.30 alle 16.30

Costi35 euro per sei portate; 25 euro l’antipasto e un piatto a scelta (è incluso un bicchiere di prosecco di benvenuto e il resto del bere è a parte). Per i bambini 15 euro

Dinette, via Fratelli Bronzetti 11. Tel. 0236574130

REPUBBLICA

Hotel Principe di Savoia – Acanto 

Il ristorante Acanto, all’interno dell’ hotel 5 stelle Principe di Savoia, propone un brunch a buffet con piatti dolci e salati, a cui si aggiunge un primo piatto dello chef Alessandro Buffolino,  il pescato del giorno e le uova che potete scegliere dal menu alla carta. A disposizione: centrifughe, spremute, acqua e soft drink.Un pranzo della domenica con sottofondo di musica swing dal vivo del trio italiano “Italian Swing Frequency” composto da sax, contrabbasso e batteria. Per tenere a bada i bambini? Ci sono attività organizzate da un animatore.

Orario: domenica, dalle 12.30 alle 15.00

Costi: 75 euro a persona e comprende, oltre alle pietanze, un flûte di bollicine all’arrivo. Per bambini entro i 3 anni il brunch è gratuito e dai 4 anni compiuti fino ai 10 il costo è di 45 euro

Hotel Principe di Savoia – Piazza della Repubblica, 17. Tel. 02 6230 2026

TICINESE

Le Biciclette

Con l’autunno riparte il brunch a buffet del primo art bar di Milano, con alle spalle 20 anni di vita. Trovate vitello tonnato, insalata di mare con julienne di verdure o insalata di riso venere alla greca, uova, hamburger, ma anche i cibi di tendenza come quinoa e avocado. Da bere? Succhi e centrifugati vitaminici, oltre al più classico caffè americano.

Orario: domenica, dalle 12 alle 16

Costi 25 euro, incluso un mini centrifugato

Le Biciclette, via Giovanni Battista Torti, 2. Tel. 02 5810 4325

Ciclosfuso

Torna ogni ultima domenica del mese il brunch sui Navigli di Ciclosfuso, indirizzo per appassionati di bici e vino.  Quindi, dopo una passeggiata o una pedalata potete sfamarvi qui, con tartare di fassona, formaggi stagionati e freschi come mozzarella di bufala e stracciatella, salumi, verdure, sbrisolona. E poi, si beve naturalmente: caffè, vino e birra artigianale.

Orario: ultima domenica del mese (solo su prenotazione), dalle 12.30 alle 15.30

Costi: 25 euro escluse le bevande, 10 euro per i bambini

Ciclosfuso, via Sartirana 5, ang. Via Vigevano, Milano. Tel. 02 5810 9640

SEMPIONE

Jazz Cafè

Brunch dedicato alle famiglie con bambini. Prevista animazione di professionisti che si alternano ogni domenica, con diverse attività (dal truccabimbi alle sculture con palloncini gonfiabili, dai laboratori di pasta di sale a quelli di realizzazione di piccoli oggetti). Nel menu della domenica? Uova, insalate, hambuger, primi, cotoletta e scelta tra torte e dolci al cucchiaio.

Orario: domenica, dalle 12 alle 16

Costi: alla carta, con una media di 15 euro a piatto

Jazz Cafè, c.so Sempione 8. Tel. 0233604039

SAN SIRO

Mare Culturale Urbano

Sembra di non essere più in città in questa parte di Milano. E’ un pranzo del weekend quello di Mare culturale urbano, dedicato alle famiglie con attività per bambini. Novità: da dicembre 2017  l’intrattenimento per i più piccoli si estende anche al sabato. Il menu cambia ogni settimana, con antipasti, primi, secondi fino ai dolci. Non mancano mai taglieri di salumi e formaggi e gnocco fritto.

Orario: sabato e domenica, dalle 13 ANCHE IL 1° NOVEMBRE

Costi: alla carta

Mare culturale urbano, Cascina Torrette, in via G. Gabetti 15. Tel. 331 813 4754

RIPAMONTI

Shambala

Nel menu del brunch rivolto a famiglie con bambini i piatti della tradizione mediterranea si alternano ai sapori orientali che caratterizzano lo Shambala, ristorante fusion con giardinoCrepe, insalate, verdure grigliate, paste, omelette, carne, frutta e dolci. Per i più piccoli? Hamburger, cotolette alla milanese, patatine, pasta al sugo o al pesto, oltre a laboratori artistici realizzati dall’associazione Cuore e Parole Onlus.

Orario: sabato e domenica, dalle ore 12 alle ore 16. E’ prevista un’edizione speciale brunch anche mercoledì 1 novembre, essendo un giorno di festa.

Costo: 30 euro, inclusi acqua e caffè. I bambini fino ai 3 anni non pagano, mentre dai 4 ai 9 anni il brunch ha il costo di 15 euro

Shambala, via Ripamonti 337. Tel: 025520194

PORTO DI MARE

All American Diner 

Se il brunch è targato stelle e strisce, questo indirizzo lo interpreta proponendo, in un ambiente anni 50, piatti tipici americani adattati alla cultura gastronomica italiana. Come si vede dal menu, si può scegliere tra un piatto salato, di porzioni molto abbondanti, a cui si affianca un buffet dolce e salato molto ampio. Tra uova, pancake, insalate, piatti di carne, patatine fritte, toast, vi diciamo che qui non starete leggeri.

Orario: domenica, 12 – 15

Costi: da 16 a 22 euro a seconda delle combinazioni brunch – bambini 12 euro

All American Diner, via Giovanni Battista Cassinis 33. Tel. 347 3729418

Brunch Milano 2017

Vuoi sapere tutte le novità su Milano: diventa fan di Puntarella Rossa Milano

About author

You might also like

Pasqua e Pasquetta 2017 Milano fuoriporta, pranzo e relax nei ristoranti tra lago e cascine

Pasqua Pasquetta 2017 Milano fuoriporta. Da tradizione buona parte dei milanesi, con le vacanze pasquali, raggiungono mete di mare e montagna per allontanarsi qualche giorno dal caos metropolitano. Ma per …

Babila Hostel&Bistrot Milano, tapas e cocktail nell’ostello pop e low cost in pieno centro

Babila Hostel&Bistrot Milano tel. 02 36588490. Il nome tradisce l’assoluta centralità di questa struttura che è all’inizio di via Conservatorio, a un passo dal celebre istituto musicale milanese e dall’Università …

1 Comment

Leave a Reply