Sant’Egidio, a colazione con il Papa

Questa mattina, in una delle 14 case famiglia della Comunità di Sant'Egidio a Roma, Viva gli anziani,  si è svolta una colazione d'eccellenza.  Siedono sorridenti intorno a una tavola imbandita, il Pontefice, Benedetto XVI,  il ministro Riccardi, e  un'ospite della casa famiglia, la signora  Marisa con una sua amica, la signora Giovanna. La tavola   imbandita di pasticcini, cioccolatini,  tè e spremuta di arancia,  ci viene confidato, è stata preparata dalla signora Marisa in occasione di questo incontro.

Per una policy molto stretta della comunicazione del Vaticano, è vietato ritrarre il Papa mentre si trova a tavola a mangiare. Speriamo di non incorrere in un castigo eterno.  In queste belle immagini di serena convivialità, scattate velocemente e silenziosamente, sua Santità discorre amabilmente con gli altri commensali, con alle spalle il sempre bellissimo padre Georg.

In questa palazzina sul Gianicolo ci sono di 12 mini appartamenti nei quali  vivono 28 anziani, di cui un centenario, una sfollata del terremoto dell'Aquila, due di quello di Haiti,  e diversi non autosufficienti. Si vive  insieme in una logica di co-housing e la domenica a turno, un gruppetto di ospiti cucina per tutti gli altri, mentre il pomeriggio si preparano i panini da distribuire ai senza tetto della stazione Termini. Nella zona sono aiutati da un panettiere, un macellaio, ed un verduraio che di volta in volta regalano loro gli alimenti.

 

Si è parlato di anzianità, solitudine della terza età e bisogno di scambio costruttivo tra generazioni. La comunità di Sant'Egidio a Roma si occupa anche di ristorazione, con la Trattoria degli amici, in piazza Sant'Egidio a Trastevere, dove tra gli altri,  prestano il proprio aiuto,  ragazzi portatori di handicap.

Per chi volesse prestare un po’ del proprio tempo libero per aiutare una delle case famiglia della Capitale, ecco il numero da chiamare.  tel 06.899.22.34

2 Commenti

  1. complimenti a Puntarella Rossa per le entrature: abitando in zona era da ieri che mi chiedevo il perchè dei filari di nastro che impediva il parcheggio e dello spiegamento di forze di questa mattina e neanche su La Repubblica se ne dice niente. Ad essere gastronauta si scopre di più che ad essere un operatore sociale quale sono! E visto che da anni mi domandavo quante sono queste misteriose strutture ora so anche questo. Mi manca solo di scoprire come si fa a far accedere utenti visto che è mistero più fitto di ciò che mangia il Papa….

  2. grazie puntarella, proverò a contattare quel numero e a dare un pò del mio tempo per aiutare gli anziani.  e poi andrò sempre alla scoperta di posti romani dove si mangia bene al giusto prezzo e se troverò qualcosa di veramente buono lo segnalerò. ciao e ancora grazie per una segnalazione di solidarietà, ciao margherita

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*