Niente scontrino? Boicottaggio fiscale

Niente scontrino? Boicottaggio fiscale

Quando abbiamo lanciato, qui su Puntarella Rossa e nel nostro blog sul Fatto Quotidiano, la campagna "No scontrini no party", sapevamo che avremmo sollevato un polverone. Perché il tema – le ricevute fiscali e i ristoranti – è di quelli delicati. Che lo stile italico mellifluo e ipocrita preferisce relegare nel laissez-faire dell'illegalità quotidiana, dello scambio di favori. Tu mi fai uno sconto, io non ti faccio la ricevuta. La furbizia italica, la dannazione che ci porterà alla rovina, ha escogitato mille metodi per rimediare a un fisco non certo benevolo, che tartassa ristoratori come cittadini comuni. Gli spettacolari blitz della Finanza ci hanno dato una scossa. E una scossa etica, scusate il termine, può e deve arrivare anche dalla rete. Per questo, abbiamo ricevuto molti consensi e risposte positive. Alla nostra campagna si è associato il blog di Repubblica di Giuliano Foschini (link). Che ha usato la parola "delazione" fiscale. Parola che per molti ha un suono sinistro. Per noi no, ma ne preferiamo un'altra: boicottaggio.


Noi stiamo contro il capitano inglese Charles Cunningham Boycott, con i contadini irlandesi che chiedevano migliori condizioni di lavoro. Siamo per isolare i ristoranti e le trattorie che fanno i furbi. Siamo con Einaudi, con il suo "conoscere per deliberare". Siamo per aprire gli occhi, guardare il bigliettino di carta senza valore che ci viene dato e deliberare di andare a mangiare altrove (vedi Pier Luigi Bersani che si accontenta dello scontrino e non guarda il seguito: "non fiscale"). Dicendolo a voce alta, segnalandolo agli amici e ai lettori di Puntarella Rossa. Non stiamo con i giustificazionisti, i benaltristi, quelli che però perché non parliamo dei dentisti? (vedi il Gramellini di oggi)
Moralismo? Integralismo? Intolleranza? No. Legge. Etica. Rispetto. Bisognerebbe, una buona volta, chiamare con il loro nome le cose. Aiutando i ristoratori onesti, la grande maggioranza, a vivere meglio senza la concorrenza sleale dei furbetti dello scontrino. E dunque boicottaggio.
Non ci date lo scontrino? Scelta vostra. La nostra sarà la vostra messa al bando.

 

 

 

 

 

 

 

Charles Cunningham Boycott

About author

You might also like

Perugia, dopo 90 anni riapre la storica Fabbrica della Birra

di Emanuela Mei © Il Fatto Quotidiano / Puntarella Rossa Mettete insieme una storia centenaria di tradizione e orgoglio ed un gruppo di giovani innamorati delle proprie radici. Quello che otterrete sarà …

Le ricette di Alessia Vicari 1Comments

Involtino o spiedino questo è il dilemma

di Alessia Vicari © Fatto quotidiano Con il termine spiedino si indicano di norma dei pezzetti di carne infilzati su uno spiedo e cotti sulla brace. Per estensione diventa spiedino qualsiasi …

Brunch Milano maggio 2016, ventitré consigli per l’ultimo weekend del mese

Brunch Milano maggio 2016, sabato 28 – domenica 29

4 Comments

  1. Matteo
    febbraio 01, 18:03 Reply

    Con i miei amici lostiamo già facendo dall'anno scorso..ottimo!!!!

  2. emanuele
    febbraio 02, 10:28 Reply

    chiedo scusa ..ma quindi c'è una sorta di forum in cui scrivere i ristoranti che non fanno gli scontrini?

    • Puntarella Rossa
      febbraio 02, 10:41 Reply

      non c’è un forum, è un’iniziativa di puntarella rossa, che quando farà le recensioni segnalerà chi non consegna la ricevuta fiscale e inviterà a disertare il ristorante. ma ovviamente sono più che accette le segnalazioni, se riscontrate con foto e documentazione

  3. […] fact, one of Rome’s biggest food bloggers, Puntarella Rossa, just launched a campaign titled “No scontrino, no party” (no receipt, no party). Those involved in the campaign are asking for a fiscal receipt every time […]

Leave a Reply