Natale, le ragioni del broccolo

Anche quest'anno il Natale è arrivato e, crisi del debito sovrano permettendo, tutti ci ritroveremo come sempre a dividerci tra acquisti dell'ultimo minuto, vacanze pianificate, ritorni in famiglia, alberi di natale, pranzi con parenti e cenoni (più o meno indigesti). Sia che siate degli inguaribili sentimentali che cominciate ad augurare “Buon Natale” dall'inizio di dicembre o dei riottosi, cinici grinch, il Natale vi riguarderà in ogni caso e anch'io, ahimè, non posso far finta di niente e devo necessariamente dedicare la ricetta di oggi al pranzo di Natale. Così, facendo mia l'espressione di Pindaro “L'usanza è signore di tutte le cose”, vi consiglio la ricetta di uno dei (tanti) piatti del pranzo del 25, nelle due varianti classiche: mantecata in padella (da mangiare al momento) o ripassata al forno, pratica e veloce da preparare il giorno prima (o anche due giorni prima) e poi infornare velocemente prima di servire.


Ingredienti:

Un cavolfiore di media grandezza; 600 g di bucatini; 1 spicchio d'aglio; 3 filetti di alici sotto sale; 2 cucchiaini di concentrato di pomodoro; 25 g di pinoli; 25 g di uva passa; ½ cucchiaino di zafferano; pangrattato q.b; sale; pepe; olio evo.

Preparazione:

Dividete le cime del cavolfiore (che a Palermo si è soliti chiamare broccolo!) e lessatele in abbondante acqua salata. A metà cottura scolatele e tenetele da parte, così come il liquido di cottura che ci servirà per la cottura della pasta.


In una padella antiaderente soffriggete l'aglio e fatevi sciogliere i filetti di alici.

Diluite il concentrato di pomodoro in poca acqua calda ed aggiungetelo al soffritto; lasciate cuocere per circa 10 minuti, infine unite le cimette del cavolfiore ben scolate.


Aggiungete il sale e il pepe e lasciate cuocere fin quando il cavolfiore non si sarà disfatto.

Unite poi i pinoli, l'uva passa (già fatta rinvenire in acqua calda) e i filamenti di zafferano.
Nell'acqua calda del cavolfiore lessate i bucatini che toglierete (come sempre per la pasta lunga) a metà cottura.

Aggiungeteli nel tegame della salsa, mantecateli per qualche minuto e spegnete la fiamma.
Coprite il tegame e lasciate riposare la pasta con il condimento per almeno una decina di minuti.
In un padellino antiaderente versate un filo d'olio di oliva e del pangrattato; lasciatelo tostare rimescolando per bene.

Servite la pasta immediatamente accompagnandola con il pangrattato oppure (saltando il passaggio del riposo in tegame con coperchio) completate la preparazione al forno, versando la pasta in una teglia, cospargendola di pangrattato e infornandola per 10 minuti a 180°.

Per la prossima ricetta dovrete aspettare il 2012! Intanto vi ringrazio tutti e vi auguro un fantastico, delizioso Natale!

Sei iscritto alla nostra pagina fan di Facebook? E alla newsletter (in alto sulla homepage)? Se ti iscrivi avrai tutte le news e gli eventi Puntarella in anteprima e il Meglio della settimana!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*