La crostata di frutta fresca

La versatilità (a mio modestissimo parere) è una delle caratteristiche principali che distinguono una ricetta vincente da una ricetta qualsiasi. Di conseguenza, ogni volta che mi pare di avere trovato questa caratteristica, devo fare subito la prova del nove, piegando la ricetta in questione a una finalità diversa da quella originariamente perseguita! Così, assalita dall'alta pressione e risoluta a preparare un dolce estivo, ho ripreso la ricetta della frolla della cassata al forno (che proprio estiva non è) e ne ho testato la versatilità cimentandomi con la frutta fresca.

Ingredienti:

Per la pastafrolla: farina 00 g 700; burro g 375; 2 uova; marmellata di arance g 50; lievito 1 bustina. 

Per la farcia: marmellata di pesche un vasetto; 6 pesche nettarine, zucchero 6 cucchiai.

 

Preparazione:

In planetaria mettere il burro tagliato a pezzetti, la marmellata e lo zucchero a velo. Iniziate ad impastare e ad aggiungere la farina setacciata poco per volta; non appena si sarà assorbita aggiungetene dell'altra e continuate fino alla fine degli ingredienti. Avvolgete la pastafrolla nella pellicola e lasciatela riposare in frigorifero almeno per un'ora. 

Tagliate le pesche a fette spesse; in una padella antiaderente mettete le pesche e lo zucchero e, su fiamma media, fatele saltare fin quando non si saranno caramellate.

Stendete la pastafrolla in un cerchio non troppo sottile (un cm circa), disponetela sulla teglia, tagliate i bordi e foratela con una forchetta.

 

Aggiungete uno strato di marmellata e iniziate a disporvi le pesche facendo attenzione a non lasciare spazi.

 

Stendete la pastafrolla rimasta e tagliate delle strisce non troppo sottili, disponetele giocando a creare dei decori sopra la crostata. Decorate il bordo ed infornate a 170° per 25 minuti.

  

  

 

Se vi dovessere avanzare ancora della frolla fate delle piccole crostatine o dei biscotti.

 

Buon appetito!

2 Commenti

  1. Le  tue crostate sono deliziose e per me che viaggio tanto hanno il profumo della mia infanzia quando d'estate raccoglievamo la frutta dagli alberi e preparavamo le dolcezze e  le marmellate e al sabato infornavamo le crostate per la colazione della domenica. Sei un mito.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*