Slice a Ostia, sul litorale la pizza romana è gourmet e si abbina ai cocktail

la pizza di slice a ostia

Slice a Ostia. Ha aperto a settembre 2023 sul lungomare di Ostia e ha già riscosso un buon successo per la sua pizza romana e la mixology. Si tratta di Slice, nato dall’idea di Valerio Mazziotti e Cristiano Giacometti, già collaboratori del vicino stabilimento balneare Capanno Beach. Infatti, dopo i pop up del Capanno, che avevano portato ad Ostia la pizza romana di Seu, i due imprenditori hanno deciso di avviare un progetto duraturo. Questa volta puntano sulla pizza romana gourmet o al padellino, da abbinare ad una miscelazione di qualità in un ambiente colorato e pop. Protagonisti di questo progetto sono David Boncompagni e Valerio Trimonti, alla guida rispettivamente di cucina e bancone.

Leggi anche: Dove mangiare a Sabaudia

Il format di Slice a Ostia

Un ambiente moderno e divertente, dai toni giallo e blu, cattura lo sguardo dei passanti sul lungomare. Lo stile pop è caratterizzato dalle opere d’arte colorate dell’artista Eghna affisse alle pareti. Nella sala destra, dedicata al cocktail bar, un bancone di krion e un’alta bottigliera accolgono gli ospiti all’entrata, che nell’attesa del tavolo possono iniziare l’esperienza di Slice dalla mixology curata dall’head bartender romano Valerio Trimonti, classe ’91 con 10 anni di esperienza nell’hospitality.

Dagli spazi è subito chiaro che non si tratta della solita pizzeria tradizionale. “Mi piace descrivere Slice non come la classica pizzeria di quartiere ma una pizzeria con qualche ambizione in più” racconta Cristiano. “In un periodo in cui il cliente è alla ricerca di emozioni e sensazioni da vivere mentre mangia, da Slice cerchiamo di offrire loro un’esperienza unica”. Infatti, la filosofia di Slice è quella di unire la tradizione romana alla sperimentazione e alla creatività, da abbinare ad un buon cocktail. La pizza è studiata e preparata dal giovane pizza chef classe ’97 David Boncompagni, con diverse esperienze sia in cucina, al Molo Bastianelli di Fiumicino, che in pizzeria da Seu Pizza Illuminati.

David Boncompagni

La proposta di Slice è declinata in tre preparazioni: la pizza romana, bassa e scrocchiarella, quella al padellino e la brusweety, una bruschetta dolce di pain brioché caramellato e tostato. L’impasto della pizza è realizzato attraverso l’utilizzo di farine italiane del Molino Paolo Mariani. “Slice rappresenta creatività, ricercatezza e voglia di sperimentare ed esprimere la mia visione di pizza tramite abbinamenti innovativi e rivisitando piatti tradizionali. Dietro le mie proposte c’è un lavoro di studio e ricerca delle materie prime d’eccellenza e stagionali, unite alla creatività per garantire ai clienti gusto, qualità e innovazione”, racconta David Boncompagni. Il menu infatti segue la stagionalità dei prodotti e cambia ogni tre mesi, dove ogni pizza ha una storia e un legame particolare.

Il menu dell’estate di Slice a Ostia

Slice si prepara alla sua prima estate con un nuovo menu dal 27 giugno. Tra le new entry dei fritti, troviamo quello che per David è il ricordo di un’estate d’infanzia rinchiuso nel morso del pomodoro co riso, con patate al forno, crema di pomodoro secco e origano, basilico rosso (6 euro). Assolutamente da provare du spaghi sul mare, un fritto con spaghettone alle vongole e crema di prezzemolo (7 euro).

Passiamo alle pizze, che qui vengono guarnite con erbe aromatiche, coltivate in maniera acquaponica, e concluse con un giro di olio extravergine di oliva. Alcune poi vengono servite a una temperatura inferiore per esaltare la qualità degli ingredienti. Tra le pizze al padellino merita una menzione il cartoccio a Ostia (7 euro), con calamaro crunchy, misticanza idroponica, maionese al limone, cipolla in agrodolce, olio.

La pizza romana qui è stesa al mattarello, dopo una lievitazione di 48 ore, a garanzia di leggerezza e digeribilità. Tra le nuove proposte estive spicca la Tommy’s tartare (20 euro) con tartare di ricciola, gel al Mezcal Montelobos e passion fruit, stracciata, lime. Ancora, la pizza e fichi con fior di latte, fichi arrostiti al rosmarino, paleta di patanegra 100% iberico, gel di fichi viola al whisky giapponese e caprino (30 euro). Poi c’è la D-Day con primosale, carpaccio di manzo al gin e pepe verde, gel di liquore Saint Germain, cetriolo in osmosi al lime, Casera DOP (20 euro). “In questo menu ho tirato fuori la mia passione nascosta, quella del cocktail bar, usando dei drink trasformati in una pizza. Con l’utilizzo di superalcolici ho creato gel da utilizzare sulle pizze. Abbiamo anche introdotto nuovamente la margherita chiarificata con purea di pomodoro chiarificato, fior di latte, gel all’acqua di bufala, basilico, pepe, da mangiare ad occhi chiusi per non farsi ingannare da ciò che si vede”, racconta ancora David.

Tassativo da Slice assaggiare la brusweety, il dolce signature. Tra le versioni estive quella pesca e cioccolato (7 euro) con ganache di cioccolato al latte, cremoso al cioccolato fondente, coulis di pesca, pesca alla brunoise, scaglie di cioccolato al latte o la brusweety come un cucciolone (7 euro) con crema al fior di latte e vaniglia, crema allo zabaione, crema al biscotto al cacao, biscotto, un ricordo dalla nostra infanzia.

I cocktail di Slice a Ostia

La mixology è l’altra anima di Slice. “Quando si pensa alla pizza, il primo abbinamento che viene in mente è con la birra. Da Slice vorrei rompere questa tradizione e fare arrivare al cliente che anche un buon cocktail possa essere una scelta azzeccata per un’esperienza unica. La drink list è stata pensata per adattarsi ad ogni palato, garantendo una qualità del prodotto nei minimi dettagli” racconta Valerio Trimonti. Una carta di drink articolata in sette diverse sezioni, aggiornata ogni tre mesi di pari passo con il menu pizzeria.

Sicuramente tra i più gettonati c’è il Fake Beer (12 euro), un long drink a base di vodka 42 Below, succo di lime, sciroppo di zucchero, purea di mango, velluto di zenzero. Invece, il Rosarita con tequila Cazadores infusa alla verza viola e cordiale arancia e sale rosa è sicuramente il cocktail di punta per l’estate. Una sezione della drink list, the Italian Job | I love Martini, è dedicata ai grandi classici della mixology (8 euro), come l’Americano, il Negroni o il Negroni Sbagliato. Nella sezione restare sobry, invece, una selezione di proposte analcoliche. Non mancano infine, distillati, vini, draft beer e bollicine.

Continua quest’estate il format “le sinergie di Slice”, che vede Ostia protagonista di una serie di appuntamenti per gli amanti della mixology. Slice diventerà una sorta di pop up ospitando bartender del panorama nazionale, a partire dal 30 giugno con Lorenzo Politano dell’Aleph Rome Hotel o ancora con l’appuntamento del 5 luglio con Andrea Pomo di Santa Teresa 1796.

Slice. Lungomare Paolo Toscanelli 10, Lido di Ostia (RM). Tel. 328 3448317. Sito. Facebook. Instagram
Aperto tutti i giorni dalle ore 18 all’1, Domenica anche a pranzo dalle 12 alle 15

 

Tutte le foto sono a cura di Nicole Bigi e Luciano Marinelli 

 

Seguici sui social: Facebook e Instagram