La filastrocca del coprifuoco di Patrick Pistolesi, mentre Drink Kong a Roma chiude “per lutto”

La filastrocca del coprifuoco di Patrick Pistolesi, mentre Drink Kong a Roma chiude “per lutto”. Due giorni aveva postato una filastrocca divertente e amara sul coprifuoco, ora fa un post molto più rabbioso. Patrick Pistolesi bartender e anima del Drink Kong annuncia la chiusura “per lutto” a tempo indeterminato.  Sorte toccata praticamente a tutti i locali dove si beveva la sera, nel momento difficile che sta vivendo il mondo del food&wine a Roma.

Spiega nel post di oggi: “Voi non mi meritate. Per colpa del pregiudizio ed inadeguatezza governativa, da oggi saremo chiusi fino a data da destinarsi. Nn è detto che ci inventiamo qualcosa, ma per ora questa è la storia! Questo mestiere mi ha dato tutto, è tutta la mia vita, mutevole e dinamico come solo la notte Sa essere, per questo ripeto gli ho dato tutto, la mia gioventù, la mia vita privata, la mia salute, i miei sogni, tutto per la notte di cui mi sono innamorato da ragazzo. Nn mollate mai , nn molleremo mai, torneremo a fabbricare sogni, conoscere nuovi amici, ad essere aristocratici all’occorenza o proletari, a creare coppie, a lenire giornatacce, a svoltare serate, ad alleviare stress, a creare sorrisi e discorsi brillanti, ad ispirare artisti, ad essere oasi felici e ultime spiagge, a togliere di dosso la severità del giorno, essere un lume acceso nella notte per chi proprio di dormire nn ne vuole sapere, a chiamare l’ultimo giro che alla fine nn è mai l’ultimo…a suonarla un’altra volta Sam! Noi esistiamo per farvi stare bene.  L’abbiamo inventata noi italiani, terra di mezzo di imperi e tratte commerciali, culla della civiltà e di ciò che è buono. Io per questo pago le tasse, altissime ed ingiuste, nella speranza di un cambiamento, di un’Italia migliore, io rimarrò sempre quel ragazzo che con mille errori e sacrifici ha sempre sperato di farcela. Gente come noi non la meritate! Da oggi Kong è chiuso per lutto”.

drink kong Patrick Pistolesi

Ed ecco la filastrocca, postata  il 25 ottobre

FILASTROCCA COPRIFUOCO
Manco fate finì er cuoco
“Cameriere presto il conto”
Scappo a casa sono pronto!
Questo virus vien di notte!
“Dentro al letto sennò botte!”
Sembra come da bambini,
Semo tutti regazzini!
Con il buio e na birretta
Ecco là, che sei già infetta
Al tramonto ti ritiri
Nel medioevo coi vampiri
Metti l’aglio sulle porte
Che la notte porta morte!
Mo a parte ste storielle
Ne vedremo delle belle
Con l’incasso decurtato
E l’anno ormai buttato
Ar governo sti cretini
E manco tutti sò grillini
Na coalizione de cojoni
Incapaci magnaccioni
“Necessità fa virtù”
Vaffanculo pure tu
Sò vent’anni che lavoro
Io m’aspetto del decoro
Una scelta ponderata
No una cosa mal cacata
Io so solo miscelare
Mo a pranzo dovrò aprire
Ma che mi vado ad inventare
Qua se rischia di fallire
Con la gente nel terrore
Pure se c’hai il raffreddore
Quindi qua nell’impotenza
Io oppongo resistenza
Anche se non serve a niente
Voglio fare il prepotente
Me ne vado a protestare
Nella piazza a detestare
Voi che a diecimila al mese
Tutti netti e senza spese
C’impiccate nella piazza
È lo stato che ci ammazza!
Con la salute non si scherza
Di filastrocca è ormai la terza
Ma io penso anche a la mia
Qua si sfiora la follia
Io lavoro per mangiare
Io non voglio contagiare
Io vi prego siate seri
Date aiuti, quelli veri
Organizzatevi per bene
Non c’è più sangue nelle vene
Sta chiusura alle diciotto
É Il finale con il botto!
Io che provo a fare impresa
Già vessata e mai difesa
Categorie abbandonate,
VOI A ME NON MI MERITATE!
I miei sacrifici e i miei sogni…
Presidente SI VERGOGNI!
Sta uccidendo il mio futuro
Questo è poco ma sicuro
Mo ci avete tolto tutto !
Io su scrivo “CHIUSO PER LUTTO!”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*