Platz Grand Bistrot Roma, il nuovo bistrot di Sant’Eustachio

Platz Grand Bistrot Roma, il nuovo bistrot di Sant’Eustachio

Platz Grand Bistrot Roma, il nuovo bistrot di Sant’Eustachio.  Tel.06 686 4995 Ha aperto il 5 dicembre, Platz, Grand Bistrot. In centro, nella piccola piazza Sant’Eustachio, avvolta dal profumo di caffè tostato che viene dall’omonima caffetteria, a pochi metri dal Pantheon, a due passi dal Senato, proprio qui, si affaccia Platz. Non lasciatevi fuorviare dalla definizione di bistrot, perché Platz è aperto dalla colazione alla cena, passando per l’aperitivo e il brunch della domenica.

Platz_Grand Bistrot(8)

Il locale nasce per iniziativa dell’imprenditore Mario Calcagni e dell’attrice Raffaella Bergè (Cento Vetrine) ed è realizzato con l’apporto della Laurenzi Consulting e dello studio di architettura Strato e Repubblica Gastronomica.

L’offerta è ampia e si differenzia a seconda degli spazi e dei momenti della giornata. All’ingresso il banco gastronomia che offre una buona selezione di salumi e formaggi e il banco per le colazioni, per i cocktail e gli aperitivi. Al piano superiore, un vero bistrot, che fa il verso agli anni ’20 con grandi lampadari e una variopinta carta da parati, dove spaziare fra il menu alla carta oppure il salad bar con dressing (pranzo buffet, 12 euro) che nel fine settimana si trasforma in brunch internazionale (20 euro).

Platz Grand Bistrot

Due i menu alla carta: uno sempre disponibile e uno pensato solo per la cena. Il primo offre un’ampia scelta di piatti, per tutti i gusti, per chi va di fretta o per chi vuole concedersi solo uno spuntino. Burger di fassona e bacon (euro 12), omelette con funghi champignon e patate (euro 9), pizza in teglia con burrata e salmone affumicato (euro 14), wrap con pollo grigliato, panna acida e zucchine marinate allo zenzero (euro 9), sono solo alcune delle molteplici proposte. Più impegnativo e meno vario il menu della cena, ispirato alla cucina della tradizione italiana, quella semplice ma gustosa, con un tocco di internazionalità. Così vicino ai tonnarelli cacio e pepe ( euro 10) troviamo l’uovo pochè e nel menù dei dolci, subito dopo il tiramisù (6 euro), l’eclair con crema chantilly (euro 6).

La sera Platz si veste di scuro e struttura un’offerta aperitivo nuova per questa zona, rispondendo alle esigenze di chi vuole bere solo un drink, ovviamente accompagnato dai prodotti preparati e affettati sul momento dalla gastronomia. E con i cocktail, la selezione dei vini, i liquori e i distillati, si va avanti fino alla mezzanotte quando Roma si addormenta, per poi svegliarsi ancora una volta, al rintocco delle campane della Basilica di Sant’Eustachio.

Platz Grand Bistrot, piazza Sant’Eustachio 54, Roma. Aperto tutti i giorni, dalle 10 alle 24. Sito 

About author

You might also like

Pane e Tempesta a Roma: nuovo forno gourmet a Monteverde (e il mercoledì c’è l’aperitivo vegano)

Pane e Tempesta, nuovo forno gourmet a Roma. Ha aperto quasi due mesi fa nel cuore di Monteverde Pane e Tempesta (il nome è tratto dal libro di Stefano Benni) piccolo …

Dalodi Roma, al Pigneto Necci apre una nuova gelateria, griglieria e pizzeria

Dalodi Roma, Pigneto, gelateria, griglieria, pizzeria. Si allarga il piccolo impero di Massimo Innocenti e Agathe Jaubourg, proprietari dello storico Necci, che vanta ascendenze pasoliniane. Dopo Premiata Panineria Pigneto e Spirito, …

Le Panier Roma, dal laboratorio del Ghetto la colazione gourmet arriva a domicilio

Le Panier Roma, colazione gourmet a domicilio. Tel. 3938327023. Il food delivery, il cibo recapitato direttamente a casa e pronto da mangiare, è una comodità a cui tutti almeno una volta …

1 Comment

  1. KappaDi
    aprile 23, 08:45 Reply

    Forse sarebbe il caso di rivedere la vostra recensione, perché mi sono fidata delle vostre parole e invece: la cucina è mediamente accettabile.
    La Carta contiene solo piatti che vorrebbero essere di specialità internazionali, ma che in verità non raggiungono neanche la sufficienza. Personalmente ho scelto un tonno al guacamole e non aveva assolutamente nessun gusto. E poi piatti grandi con porzioni piccole solo se sei una cucina stellata, altrimenti è davvero un “vorrei ma non posso”, perché appare più come un risparmio sulle porzioni che altro. Il dolce sarebbe voluto essere una crema Chantilly al crumble, peccato che fosse invece un po’ di polvere sbriciolata di un banalissimo biscotto da colazione che sporcava il bordo di grande piatto nero – sopra citato – e con una manciatina di frutti di bosco sopra ad una cucchiaiata di crema di alcun sapore.
    Di sotto (al ristorante) un aperitivo – festa privata – con DJ Set e volume discoteca anni ’90.

Leave a Reply