Cesare al Casaletto, Puntarella d’oro miglior rapporto qualità prezzo a Roma 2015

Cesare al Casaletto, Puntarella d’oro miglior rapporto qualità prezzo a Roma 2015

cesare al casaletto all'aperto

Una delle migliori trattorie della città, con una straordinaria qualità che si unisce alla professionalità e alla passione di Leonardo Vignoli (e della moglie Maria Pia Cicconi), che guida con mano ferma un ristorante che non delude mai. Ci sono alcuni piatti che noi di Puntarella non ci facciamo mancare mai da Cesare: le straordinarie crocchette di melanzana all’arrabbiata (6 euro), le polpette di bollito con il pesto di basilico (6), la frittura di alici in cartoccio e i totanetti. E ancora, gli gnocchi fritti cacio e pepe (9) e gli gnocchi con il sugo alla coda di vaccinara (9), l’abbacchio (14) e le costolette d’agnello.

 cesare al casaletto puntarella d'oro

Ogni tanto fa capolino unarealizzata a regola d’arte. Le materie prime sono impeccabili e le verdure arrivano dall’orto di famiglia a Monterotondo. Ottimi anche i dolci, tutti casalinghi, serviti anche in piccoli assaggi. Leonardo, dall’allure quasi piemontese, ha un passato da sommelier in ristoranti di lusso e un presente di soddisfazione in questa trattoria che esiste dagli anni ‘60 e solo da pochi anni ha cambiato gestione. Nota di merito per i vini, per i quali Leonardo ha una grande passione. Molte etichette sono rare e scovate da piccoli produttori, talvolta francesi, spesso biodinamici e naturali (non a caso, tra i frequentatori più noti c’è il regista di Mondovino e di Resistenza Naturale Jonathan Nossiter). Buono anche il vino della casa, un Montepulciano d’Abruzzo. L’atmosfera è perfetta, sospesa tra una trattoria degli anni ‘50, in questa periferia che porta alla Valle dei Casali, e una neo trattoria chic. Gli arredi sono sospesi in questa terra di mezzo, ma il risultato finale è piacevole. Fuori, un pergolato unico a Roma. Il conto finale non vi farà sobbalzare.

Piatto consigliato: polpette di bollito con il pesto di basilico e totanetti al cartoccio

Se vi piace: Osteria Numero Sette

Bonus: il bellissimo pergolato (si consiglia di mangiarci in un sabato primaverile assolato)

Malus: il servizio non sempre è all’altezza, se al tavolo non arriva Leonardo

Cucina: 8

Ambiente: 7,5

Servizio: 6.5

Dehor, Vini, Tradizionale Coccarda, aperto la domenica

Via del Casaletto 45. Tel. 06.536015

Orari: dalle 12.30 alle 15 e dalle 20 alle 23. Chiuso il mercoledì

Prezzi: antipasti da 1,50 a 11 euro, primi da 8,50 a 12 euro, secondi da 11 a 18 euro, pizza da 3 a 7,50 euro, dolci da 5 a 9 euro.

Chef: Leonardo Vignoli

puntarella d'oro puntarella rossa guida

Autore

Potrebbe interessarti anche

Stazione di Posta e Israele, blitz pro-Palestina contro lo chef Marco Martini

Stazione di Posta e Israele, blitz pro-Palestina. E’ successo domenica, all’improvviso. Un gruppo di attivisti pro Palestina ha fatto irruzione nel ristorante Stazione di Posta. Mezz’ora di contestazione, davanti ai clienti …

Cinque cose da sapere sull’olio Evo in cucina, secondo Filodolio Roma

Cinque cose da sapere sull’olio extra vergine di oliva in cucina, secondo Filodolio Roma. L’olio non si beve ma si mangia è la prima regola fondamentale da tenere a mente in cucina. Parola …

Il Piacentino a Milano: gnocco fritto, salumi e Gutturnio in Porta Romana

Il Piacentino a Milano, piatti della tradizione emiliana e sapori della collina in città. Gianluca e il suo socio Andrea dal 2011 hanno aperto Il Piacentino, ristorante che propone piatti della tradizione emiliana …