Polemica in Spagna per la cena troppo tardi, ma qual è l’orario giusto per cenare?

Polemica in Spagna per la cena troppo tardi

Polemica in Spagna per la cena troppo tardi, la ministra Diaz contro i ristoranti aperti fino all’una di notte. Ma quando si dovrebbe cenare?

 

Ci siete mai stati in Spagna? Un bel Paese, senza dubbio, ma prima di farci una vacanza, andate preparati, specialmente per quel che riguarda gli orari della cena che, per chi non lo sapesse, qui vanno per le lunghe. Un’abitudine radicata, quella di cenare tardi specialmente al ristorante, che non riguarda solo i giovani, ma anche le famiglie con bambini piccoli. Difficile che qualcuno si sieda a tavola prima delle 22.

Un’abitudine che non piace affatto a Yolanda Díaz, ministro del Lavoro e dell’Economia sociale e fondatrice e leader di Sumar, partito della maggioranza di governo, che ha definito la consuetudine spagnola di tenere aperti i ristoranti fino all’una di notte “Una follia.

Naturalmente non sono mancate le polemiche contro le affermazioni dure di Yolanda Díaz, con riferimenti sia alla movida spagnola ma soprattutto allo stile di vita e del lavoro, con orari che tendono sempre al tardo pomeriggio fino alla sera e hanno come conseguenza l’andar a cena sempre più tardi. Modificare l’orario al ristorante, significa modificare il modo di vivere delle persone e i loro orari di lavoro. Díaz ha risposto che mangiare a quest’ora può avere “certi rischi per la salute mentale e devo accompagnarsi a una retribuzione differente”, aggiunge che “non è normale che in Spagna si convochino riunioni alle 8 di sera”.

Leggi anche: Edoardo Franco all’Isola dei Famosi, il vincitore di Masterchef 12 dalla cucina alla tv

Perché gli spagnoli mangiano tardi?

Polemica in Spagna per la cena troppo tardi

In realtà, le abitudini degli spagnoli nel cenare così tardi hanno delle ragioni storiche. Dal 12 maggio 1942, la Spagna abbandona l’orario di Gran Bretagna e Portogallo (pur trovandosi a Ovest rispetto al meridiano di Greenwich) e rientra nello stesso fuso orario dell’Europa Centrale, ovvero quello dell’Italia, ma soprattutto della Germania. Una decisione presa nel 1942, appunto, dal dittatore Francisco Franco per compiacere Adolf Hitler, allineando ancora di più Madrid a Berlino. Va da sé che questa scelta, negli anni, ha avuto delle conseguenze notevoli sulla vita degli spagnoli, costretti a vivere una giornata in ritardo rispetto al ciclo del sole, vista la posizione geografica, e quindi traslando diverse attività verso la fascia serale e notturna. Incluse le sopracitate riunioni di lavoro e poi la cena fuori.

A che ora bisogna cenare?

Ma qual è l’ora giusta per cenare? Perché va bene la Spagna, ma gli orari tardivi della cena si trovano anche in Italia, e non solo quando si va al ristorante. Contano anche le abitudini che si hanno a casa. Come riporta il Corriere della Sera, secondo il dottor Franco Berrino, direttore del Dipartimento di medicina preventiva e predittiva dell’Istituto dei Tumori di Milano, una delle regole fondamentali per uno stile di vita sano è cenare presto la sera. Una regola ancora più importante per chi è sovrappeso. Sono molti gli studi che dimostrano che devono passare almeno 14 ore tra la cena e la colazione la mattina successiva. Il consiglio è quello di fare un pasto leggero, in favore di una colazione più corposa. Mangiare di giorno e non di notte, questa è la regola.

 

Seguici sui social: Facebook e Instagram

Polemica in Spagna per la cena troppo tardi

 

[Foto PublicDomainPictures e Life-Of-Pix via Pixabay]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*