I pub e il coronavirus, la paradossale ordinanza di chiusura della Regione Lombardia

I pub e il coronavirus, la paradossale ordinanza di chiusura della Regione Lombardia

I pub e il coronavirus, la paradossale ordinanza di chiusura della Regione Lombardia. Il coronavirus dilaga, più che altro nelle paure degli italiani, visto che il livello d’allerta è giustamente alto, ma non giustifica l’assedio ai supermercati né il panico generalizzato. Non si aggiungerà qui nulla a livello medico o sanitario, ma solo qualche notazione sull’ordinanza emanata in Lombardia che, secondo quanto sostenuto dall’assessore Giulio Gallera, prevede la «chiusura dopo le 18 dei luoghi commerciali di intrattenimento e svago, come cinema, teatri, discoteche e pub».

IN AGGIORNAMENTO 

Le autorità pubbliche, in questi casi, fanno quello che possono e ogni provvedimento è parziale, provvisorio e spesso cautelativo. Però ogni provvedimento dovrebbe avere una ratio. Ci si chiede quale sia quello di questa ordinanza. O meglio la coerenza del tutto. Cominciamo da quelli che vengono chiamati da Gallera “pub“. Cosa sono esattamente i pub? Non ci pare una definizione giuridica né univoca. Il nome deriva da “public house” e in Gran Bretagna vengono chiamati così i pubblici esercizi in cui si servono bevande alcoliche. In Italia spesso è sinonimo di birreria. E spesso nelle birrerie si mangia.

L’ordinanza poi emanata dalla Lombardia, precisa le parole di Gallera, e parla di “bar, locali notturni e qualsiasi altro esercizio di intrattenimento aperto al pubblico”.

Ora, ci si chiede, perché prendere di mira bar e locali notturni e non ristoranti e hamburgherie e simili? Sono più pericolosi? E non sono altrettanto pericolosi, per il contagio, i bar affollatissimi del mattino? Certi ristoranti superaffollati di turisti? Il contagio si diffonde soprattutto la sera? Non comprende i mercati? Le sale scommesse? Come trovare un senso a questo provvedimento, che penalizza i pub, senza che si capisca il motivo, se non quello generico di evitare “grandi assembramenti”?

 

About author

You might also like

Michelin France 2019, per combattere la crisi taglia le stelle

Michelin France 2019, per combattere la crisi taglia le stelle. Il 21 gennaio arriva l’appuntamento più atteso dagli chef francesi che aspirano alle stelle: la presentazione a Parigi della nuova …

Festival della Gastronomia, intervista a Luigi Cremona: “Ecco il nuovo volto di chef e ristoranti. Fare il critico? Non è da tutti”

Festival della Gastronomia, intervista a Luigi Cremona. Il Festival della Gastronomia di Roma è imminente. In attesa del 28 ottobre non potevamo lasciarci sfuggire la possibilità di fare una chiacchierata …

Caro Babbo Natale, porta via il pokè, i polli incellofanati e gli chef che parlano troppo

Caro Babbo Natale, oramai sono un po’ grandicella per queste cose, ma se è vero che sei buono e porti i regali a tutti, allora porterai un regalo anche a …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply