I migliori ristoranti giapponesi a Bologna: dieci indirizzi per gustare l’autentica cucina nipponica

I migliori ristoranti giapponesi a Bologna: dieci indirizzi per gustare l’autentica cucina nipponica

I migliori ristoranti giapponesi a Bologna. Dal sushi al ramen passando per i noodles, dieci indirizzi per gustare l’autentica cucina nipponica. Specialità con menu e prezzi.

I migliori ristoranti giapponesi a Bologna

Onigiri Raku 

Onigiri Raku Bologna

Questo piccolo locale ha aperto le sue porte nel 2017, quando Mayumi Sunagawa, pianista giapponese, dopo aver viaggiato il mondo dal 1997 ed essere arrivata in Italia, ha focalizzato la sua attività a Bologna dove per alcuni anni è stata chef a domicilio. La cucina che Mayumi propone è “una cucina personale non una cucina di massa” frutto della sua esperienza lavorativa, nei migliori ristoranti di Tokyo e Osaka, e personale: da suo padre, ristoratore, ha appreso l’arte del taglio e quella della selezione del pesce. Il menu propone piatti della tradizione nipponica poco conosciuti in Italia sia crudi che cotti. Tra i primi troviamo gli Onigiri: polpette di riso con un cuore di carne, come il Pollo in salsa Teriyaki, o di pesce, con tonno o salmone  (2,50 euro al pezzo). Non possono mancare i rolls: Maki (9 euro), Hosomaki e Nigiri (da 6 a 11 euro) tra i quali spicca Hosomaki Natto E Ume (Soia Fermentata E Prugna Secca) (8 pezzi, 6 euro). I Bento, la versione giapponese della nostra schiscetta, per intenderci, a base di carne o pesce, riso e verdure (dai 12 ai 13 euro) sono un’ottima idea per pranzo così come i Donburi, composti da una ciotola di riso, cotto al vapore, con vari condimenti (7 euro).
Ampia scelta anche di Noodles, vegetariani o con carne (da 7 a 9 euro). Mayumi saprà deliziarvi anche con i suoi golosissimi dessert, dalla torta al the matcha ai Karinto fritti (3 euro).

Onigiri Raku, Via Milazzo 5 a/c, Tel. 051 0567798. Aperto dal martedì al sabato dalle 11:30 alle 15:30 e dalle 18:30 alle 22:30. Sito Web

Higashi

Higashi bologna

Senza dubbio uno dei più amati (e frequentati) ristoranti giapponesi del centro storico bolognese, non solo per le sue luci soffuse e l’ambiente accogliente in perfetto stile Japan, ma soprattutto per la qualità delle materie prime e il buon rapporto qualità-prezzo. Per gli amanti del carpaccio in menu ne vengono proposti cinque differenti: gamberi rossi, tonno, salmone, shiromi (pesce bianco), scampi (da 12,50 a 15 euro). Per quanto riguarda i rolls si parte dai più semplici, i Nigiri, di ricciola, polipo, orata, anguilla alla griglia o capesante (due pezzi, da 3,40 a 4 euro) per arrivare a quelli decisamente più creativi e dai gusti ricchi e decisi come lo Special Uramaki con polpa di granchio, salmone, avocado, philadelphia, frittata con soia dolce (6 pezzi 11,30 euro) o Amaebi Uramaki: mango, ananas, gamberi crudi, sesamo (8 pezzi 14,00 euro). Da provare il Cirashi, una delle preparazioni tradizionali e tipiche del sushi giapponese: la base è, come nel sushi tradizionale, il riso cotto per assorbimento e con la classica riduzione di aceto, vino, zucchero e sale sopra al quale vengono adagiate fettine di pesce crudo. Viene proposto misto (13 euro) o con tonno marinato (12 euro). 
Se siete super affamati o in un buon numero salite su una delle barche di Higashi: Family (9 pezzi nigiri, 12 pezzi sashimi, 16 pezzi uramaki, 40 euro), Lovers (25 euro) o Party (60 euro).

Higashi, Via Riva di Reno 39/f, Tel. 051 271132. Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle 24. Chiuso lunedì. Sito Web

Yuzuya

Yuzuya Bologna

Yuzuya è un’inedita realtà sul palcoscenico dei ristoranti giapponesi di Bologna nata nel 2016 da un progetto tutto al femminile di due mamme, cuoche e sommelier AIS con il desiderio di offrire una cucina giapponese di casa. Qui potrete gustare piatti appartenenti al Washoku, l’arte culinaria autoctona giapponese, che variano periodicamente in base alla stagionalità delle materie prime all’interno di un menù che punta, più che sulla quantità, sulla qualità. A pranzo viene proposta la formula Teishoku che prevede un numero prestabilito di portate disposte su un vassoio per ogni commensale e comprende una portata principale (a scelta) come Kakiage soba/udon Teishoku (spaghetti di grano saraceno/grossi di grano duro in brodo con tempura) o Sake Yuan Teishoku (salmone marinato alla soia e succo di limone, cotto alla piastra), servita con una zuppa di miso, una ciotola di riso, due contorni a base di verdure di stagione e sottaceti  (da 14 a 16 euro). Il menu della cena, solo venerdì e sabato, offre un’ampia varietà di pietanze che spaziano dal sushi e sashimi come il Kaisen Special, letto di riso di sushi con sashimi misto (18 euro) o Canapè di Harami con ventresca di salmone (4 pezzi, 8 euro), al pesce cotto tra cui il Saba miso, filetto di sgombro cotto in salsa di miso (12 euro) e le polpette gamberi o polpo fritte e croccanti (da 6 a 12 euro). Interessati anche le proposte di carne (da 6 a 12 euro) riso e Noodles conditi con pesce o carne come il Katsujyu con cotoletta di maiale con frittatina morbida su letto di riso (12 euro). Dal 2017 è stata creata la formula della “cenetta” che risponde all’esigenza di conciliazione dell’orario lavorativo con il tempo dedicato alla famiglia, dal martedì al giovedì, infatti, Yuyuza è aperto dalle 18.30 alle 22, non è possibile prenotare (se non per gruppi di minimo 6 persone) con un menu che varia di serata in serata.

Yuzuya, Via Nicolò dall’Arca 1/I-L, Tel. 051 0415021. Aperto a pranzo da martedì a sabato dalle 12 alle 15, a cena venerdì e sabato dalle 19 alle 23 e da martedì a giovedì dalle 18:30 alle 22. Sito Web

Sushi Corner

corner bologna

Sushi Corner è il franchising che sta prendendo piede in alcune città emiliano-romagnole e a Bologna lo troviamo all’interno dello storico Mercato delle Erbe in via Ugo Bassi, tra i coloratissimi banchi di frutta e verdura.
Ogni roll è composto da 37% di riso e 63% di ripieno reso goloso dalle salse artigianali. I gusti sono tantissimi così come i colori degli Huramaki e Hosomaki come nel caso dell’Hosomaki Hot al salmone pastellato con Philadelphia e fragola (8 pezzi, 10 euro) o Ebi-Wan Kenobi con Gambero Panko, tonno, avocado e tonno alla fiamma (5 pezzi, 12 euro). Per i puristi sono sempre disponibili in menu Huramaki salmone e avocado, tonno e avocado, o branzino e cetriolo (8 pezzi, 12 euro), il sashimi di tonno, salmone, gambero rosso o branzino (3 pezzi da 6 a 7,50 euro) e le tartare o ceviche (da 11 a 12 euro).
La formula migliore per il pranzo è il sushi lunch fast (12 pezzi di sushi, soft drink e sorbetto, 13,90 euro) o nella versione plus (12 pezzi di sushi, 1 temaki, soft drink e sorbetto, 17,90 euro). Sushi Corner è take away e delivery (entro il perimetro delle mura della città), gli ordini possono essere effettuati sul sito online, telefonicamente o utilizzando l’App.

Sushi Corner, Via Ugo Bassi 25, Tel. 324 9230663. Aperto da lunedì a sabato dalle 12 alle 14:30 e dalle 18:30 alle 22:30. Chiuso domenica. Sito Web 

Seijo

Seijo Bologna

Arredi minimal ed eleganti, che riflettono l’esperienza di Contemporary Japanese Cuisine che potrete vivere da Seijo, locale che, dal 2017, si è saputo distinguere nello scenario bolognese della cucina nipponica. A fianco di Hosomaki, Huramaki e Gunkan, appaiono delle interessanti sperimentazioni come il Bacon hotate, capesanta grigliata con bacon e salsa bbq (11 euro), e Usuzukuri amebei un carpaccio di gamberi rossi siciliani e mango (16 euro). Tra i signature rolls il Seijo Style è con merluzzo e crema di tartufo mentre l’Uni Sale Roll è con riccio di mare, salmone, mango e avocado (18 euro). Per i carnivori non manca il Kobe 150 gr, carne di bovino di razza Tajima-gyu, caratterizzata dalla sua marezzatura e considerata una prelibatezza della cucina giapponese (40 euro). 

Seijo, Via Andrea Costa 63/2, Tel. 051 0280033. Aperto da martedì a domenica dalle 12:30 alle 14:30 e dalle 19:00 alle 23:30. Chiuso lunedì. Sito Web

Yoshi

yoshi bologna

Qualità, esperienza e ricercatezza sono le keywords della proposta di Yoshi, ristorante giapponese dagli arredi in stile tatami. Alla base della sua cucina infatti ci sono materie prima fresche e di qualità, un’esperienza di oltre 20 anni, Xia Giulio, infatti gestisce ristoranti dal 1995, e ricercatezza nella reinterpretazione dei piatti senza mai perdere di vista la tradizione della cucina del Sol Levante. Da provare i Yakimono, piatti alla piastra, tra cui le capesante (12 euro), il branzino con sale (10 euro) e il filetto di manzo con zenzero (15 euro). Vi consigliamo anche i carpacci come il Maguro Tataki di tonno scottato (16 euro) e le tartare di salmone o tonno con avocado (12 e 14 euro).

Yoshi, Via Emilia Levante 164, Tel. 051 546292. Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle 24. Sito Web

Seta Sushi Lab

Seta Sushilab bologna

In una delle corti più centrali e affascinanti della città, che unisce piazza Santo Stefano a Strada Maggiore, si trova un ristorante giapponese che non vi aspettate. Seta Sushi Lab è il sushi bar di design che mancava e che piace tanto ai bolognesi: italianissimo nella gestione, curato nella preparazione dei piatti della tradizione nipponica declinati nelle loro versioni gourmet e attento alla selezione, qualità e freschezza delle materie prime. Dal vostro tavolo, o meglio ancora, direttamente dal bancone, potrete godervi lo spettacolo dello chef Glenn Cueto mentre prepara abilmente i vostri rolls, come il Lobster Roll (20 euro) e il Nigiri Toro, o il sashimi (sashimi mix, 22 euro). Prestate attenzione al taglio dell’avocado al coltello, ne rimarrete incantati. Non male l’idea di abbinare ai piatti un cocktail o di provare la Poke Bowl durante il vostro lunch break. 

Seta Sushi Lab, Corte Isolani 2, Tel. 051 0039367. Aperto dal lunedì al sabato dalle 12:30 alle 14:30 e dalle 19:30 alle 23:30 e domenica dalle 19:30 alle 23:30. Sito Web

Sentaku Ramen Bar

Sentaku Ramen Bar Bologna

Terzogenito del giovane imprenditore bolognese Lorenzo Costa, Sentaku è il primo Ramen Bar cittadino. E se a Bologna la pasta in brodo è un culto, lo è anche la sua versione nipponica: la pasta arriva direttamente da un pastificio giapponese di alta gamma mentre il brodo, di maiale bianco e denso, di pollo o di funghi, è rigorosamente home made (da 9 a 12 euro). Mentre gustate la vostra ciotola calda potrete sorseggiare birra giapponese, una Sapporo (4 euro) o una Kirin (6 euro) o concedervi un Sake equilibrato come il Petit Moon (5,50 euro). I Gyoza Lovers non possono non passare dal fratello di questo Ramen Bar: Sentaku Gyoza Bar. Ben 25 metri quadrati in via di Collegio di Spagna dove avviene la magia: la sfoglia è prodotta dallo stesso fornitore della pasta e qui viene sapientemente farcita con maiale e cavolo, spinaci tofu e zenzero (5 pezzi 4,50 e 11 pezzi 9 euro) o con gamberi e pollo, lo Special, invece, è ripieno di funghi e bambù. Gyoza bar è anche delivery. Stay tuned perché pare che possa arrivare anche un Bao Bar in città.

Sentaku Ramen Bar, Via delle Lame, 47/c, Tel. 051 498 2544. Aperto da mercoledì a domenica dalle 12:30 alle 14:30 e dalle 19:30 alle 23 e martedì dalle 19:30 alle 23. Chiuso lunedì. Non si accettano prenotazioni. Sito Web

Dong

dong bologna

Specializzato nella cucina giapponese oltre che cinese, Dong è un ampio locale appena fuori città dal design moderno e dall’arredamento curato nei minimi dettagli ispirato allo stile e alla filosofia orientale. La cucina è un intreccio di tradizione e innovazione ma senza mai spezzare l’armonia e l’equilibrio di sapori e materie prime che qui vengono esaltate manipolando il meno possibile gli ingredienti. Per cogliere la purezza dei sapori semplici è perfetto il Sashimi Amaebi di gambero rosso di Sicilia, accompagnato da fettine sottili di zenzero, rapa bianca, pasta di rafano e wasabi (15 euro), la tartare Bow Bow di salmone branzino e tonno (16 euro) o i Nigiri Tai (orata), Tako (polpo) o Buri di ricciola (2 pezzi, 5 euro). Non mancano sapori più decisi e condimenti più ricchi come quello del Nidi Tuna: cream cheese, avocado, pastafillo croccante, tartare di tonno.

DONG, Via Russo 4 San Lazzaro di Savena (BO), Tel. 051 6255139. Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 14:30 e dalle 19 alle 23. Chiuso lunedì. Sito Web

Sicilyn Gourmet Siciliano-Giapponese 

Sicilyn bologna

“Laboratorio artigianale del gusto, dove l’eleganza nipponica si fonde con i sapori siciliani”così si definisce Sicilyn, il ristorante gourmet siciliano-giapponese gestito da Niriko Tamaya, chef nata e cresciuta in Giappone e Daniele Greco, esperto in comunicazione che 10 anni fa, a Roma, conobbe Niriko quando era studentessa alla Sapienza. Dopo un periodo in terra sicula, durante il quale la chef ha potuto scoprire tutte le sfumature della cucina locale e le materie prime che offre questa terra, due anni fa l’apertura di Sycilyn è stata la celebrazione di un matrimonio tra l’arte del sushi e la cucina siciliana. Direttamente da Mazara del Vallo i gamberi vengono utilizzati per la preparazione del Temari Zushi, in cui ricoprono polpettine di riso e sono conditi con salsa di capperi e prezzemolo della casa (3 pezzi 3,80 euro) e del Carpaccio in cui vengono conditi con olio Evo dell’Etna, limone e bacche rosa, oppure con salsa capperi della casa (11 euro). L’Olio Evo dell’Etna viene utilizzato anche per marinare il salmone con cipollina tritata e soia nel Gunkan salmone e avocado (3 pezzi, 4,80 euro). La chef prepara anche golosissimi Bagel: quello con i gamberi al parmigiano è farcito con mozzarella di bufala, mandorle, crema di rucola, pistacchio e pomodori secchi (6,50 euro). Disponibili anche i sushi mix perfetti per provare tutte le creazioni di Nikiro (4 Uramaki, 2 Temari, 1 Nighiri, 1 Gunkan, 8 pezzi 10 euro). 

Sicilyn Gourmet Siciliano-Giapponese, Via Massacranti 54F, Tel. 370 3435579. Aperto da lunedì a venerdì dalle 11:30 alle 15, da mercoledì a sabato dalle 19 alle 21:30. Mercoledì e giovedì Happy Hour dalle 18:30 alle 19:30 anche da asporto Consegne a domicilio in zona S.Vitale e limitrofe. Sito Web

About author

You might also like

Classifiche 1Comments

I migliori ristoranti giapponesi di Bologna, quattro locali con menu di qualità

I migliori ristoranti giapponesi di Bologna. La cucina giapponese non è certo una novità per Bologna: c’è da tempo, ma negli ultimi mesi si è arricchita di novità e, soprattutto, di …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply