Dove mangiare in Maremma, trattorie e ristoranti dall’Argentario a Capalbio

Dove mangiare in Maremma, trattorie e ristoranti dall’Argentario a Capalbio

Dove mangiare in Maremma, ArgentarioOrbetello, Capalbio. Dalla cucina stellare del Pellicano con vista mozzafiato sull’Argentario al capanno dei pescatori di Orbetello alla scoperta della laguna: abbiamo selezionato per voi le migliori trattorie e i migliori ristoranti dove mangiare in Maremma per le vostre vacanze dell’estate 2017.

ORBETELLO – Rustico

I Pescatori

i pescatori orbetello 2

I Pescatori di Orbetello è il ristorante della cooperativa dei pescatori della laguna di Orbetello. Apre la sera e si può assaggiare il pescato del giorno cucinato all’orbetellese. Si va dall’antipasto del pescatore (7.50 euro) ai primi piatti (7-12 euro): gnocchetti con orata, spaghetti alla chitarra al ragù di spigola e pici con bottarga. I secondi (9-15 euro) propongono anguilla e lattarini fritti, spigola, orata e cefalo alla griglia. Contorni (3-4 euro): patate fritte, verdure pastellate, insalata. Il locale è piccolo e suggestivo, affacciato com’è sulla laguna. C’è anche uno spaccio e ogni giorno si tiene un mercato del pesce per fare volendo anche la spesa. Da alcuni anni si è aggiunto un servizio di pescaturismo: si può visitare la laguna in barca fino ai lavorieri, nel punto in cui acque marine e acque lagunari si incontrano e dove i cefali vengono pescati.

I Pescatori, via Leopardi 9, Orbetello (Grosseto). Tel. 0564 860611 – 348 7205864. Pagina Facebook

PORTO ERCOLE – Lussuoso

Il Pellicano e Pelligrill

Pellicano-hotels-T5b-02-Image-With-Box-685-420-3

Non uno, ma addirittura due ristoranti in uno degli angoli più belli della Maremma. Ci sono lo stellato il Pellicano e il Pelligrill per una situazione più informale: tutti e due regalano una vista mozzafiato. I due ristoranti si trovano all’interno del complesso alberghiero a cinque stelle. Il ristorante stellato punta sulla cucina dello chef Sebastiano Lombardi. Piatti sofisticati e creativi realizzati con ortaggi e frutta bio e di stagione, il pescato del giorno e le carni bio dei produttori locali selezionati. Da non perdere la carta dei dessert e il carrello di delizie toscane. Antipasti (35-60 euro), primi (30-40 euro), secondi (40-70 euro), dolci (20-27 euro). Da provare il suinetto di cinta senese e i tortelli al cinghiale per chi cerca i sapori della tradizione in versione gourmet.

il-pellicano-hotel-pelligrill-grill-on-the-tuscany-coast

Il Pelligrill è per chi ama le specialità toscane alla griglia. Dall’antipasto con frittura di gamberi e calamari e la tartare del Tirreno, ai tagliolini all’astice e gli spaghetti alle vongole, galletto bio e scampi alla griglia per un menu decisamente più tradizionale. Antipasti (25-35 euro), primi (22-35 euro), secondi (30-45 euro), dolci (15-20 euro).

Il Pellicano, località Sbarcatello Porto Ercole (Grosseto). Tel. 0564 858111. Pagina Facebook

TOMBOLO DELLA GIANNELLA – Gourmet

L’Oste Dispensa

l'oste dispensa

L’Oste Dispensa si trova in un luogo di rara suggestione all’Argentario: sul Tombolo della Giannella. Propone cucina di pesce, il menu cambia praticamente tutti i giorni e il pesce arriva direttamente dai pescatori della zona. Piatti della tradizione lagunare e marinara con una predilezione per il pesce povero, come i cefali di mare e di laguna. Grande attenzione nella scelta e nella selezione delle materie prime con predilezione per i Presidi Slow Food e i piccoli produttori locali. Da provare i due menu degustazione da 25 e 35 euro: tra le proposte cous cous cozze e bottarga, strozzapreti cozze zucchine e basilico, gargia d’oro spaccata rosmarino e peperoncino.

L’Oste dispensa di Stefano Sorci, Strada Provinciale Giannella, 113 Orbetello (Grosseto). Tel. 0564 820085. Pagina Facebook

MONTE ARGENTARIO – Tradizionale

La Bussola

la bussola porto santo stefano

La Bussola è un’istituzione per chi è in vacanza all’Argentario. Propone una cucina tradizionale con pesce fresco ogni giorno e materie prime da produttori selezionati. Antipasti (12-20 euro) caldi e freddi, tra i primi (12-18 euro) da segnalare quelli con pasta fresca, tra i secondi (18-36 euro) pesce proposto nelle versioni più disparate: alla griglia, al sale, all’acquapazza, al vapore, al forno. C’è davvero l’imbarazzo della scelta. Tra le proposte refolata di antipasti, tagliatelline Costa d’Argento con seppia, calamari, gamberi, cozze e vongole in bianco, gnocchi di patate con gamberoni rossi, porro e rucola, maltagliati con radicchio rosso e calamari, mezzelune ripiene al pesto  con gamberi e tartufo, pesce in crosta di sale, filetto di pesce di vario tipo in crosta di patate, grigliata mista di pesce o crostacei. Da provare anche i dolci.

Ristorante La Bussola, piazzale Facchinetti, 11 Porto S. Stefano – Monte Argentario (Grosseto) Tel. 0564 81422. Pagina Facebook

ISOLA DEL GIGLIO – Tradizione

La Vecchia Pergola

vecchia pergola ok

Il ristorante si trova all’isola del Giglio, in una posizione strategica: è vicino al porto. Il menu è all’insegna della tradizione: antipasti (8-14 euro) caldi e freddi, primi piatti (10-14 euro) tra cui spiccano gli spaghetti con i ricci, per i secondi (16-25 euro) la grigliata mista di pesce e la frittura di gamberi e calamari. Insomma molti piatti classici e qualche proposta rivisitata. Si mangia sotto la pergola che dà il nome al locale, a conduzione familiare. Merita prenotare per essere sicuri di trovare posto soprattutto nei week-end.

La Vecchia Pergola, via Thaon de Revel, 30, Isola del Giglio (Grosseto). Tel. 0564 809080. 

ORBETELLO – Country

La Posta di Torrenova

la posta di terranova

La posta di Torrenova è nel cuore della campagna maremmana, in una posizione strategica, a metà strada tra mare e campagna. Nasce come residence per le vacanze,  il ristorante viene aperto per soddisfare le esigenze dei turisti ma è aperto a tutti. Si mangia a bordo piscina. Il menu propone tartare di tonno in marinatura d’agrumi (16 euro), ci sono piatti classici come il polpo e patate (12 euro), moscardini in guazzetto (10 euro) e le seppie con piselli (10 euro), l’impepata di cozze (12 euro) e sautè di vongole (15 euro).

La posta di Torrenova, strada provinciale 128 della Parrina, 56 Orbetello (Grosseto). Tel. 0564 862479. Pagina Facebook

CAPALBIO – Tradizione

La Selva

trattoria la selva capalbio

Piatti della cucina maremmana con un occhio di riguardo per chi ama il pesce, La Selva è un indirizzo conosciuto e apprezzato per chi vuole ritrovare i sapori di una volta. Così chi ama il pesce ordinerà tra i secondi (15-25 euro) la tartare di tonno e la catalana di gamberi, chi ama la pasta fresca troverà proposte anche insolite tra i primi (10-15 euro) come i maltagliati calamari e pinoli. Buoni i dolci, soprattutto quelli al cucchiaio. Servizio attento e alla mano.

La Selva, strada Capalbio Selva Nera, Capalbio (Grosseto). Tel. 0564 890381 Pagina Facebook

CAPALBIO – Di mare

Vivo, dal mare alla padella

vivo dal mare alla padella capalbio

Chi già conosce il ristorante omonimo a Firenze (qui trovi l’articolo), a Capalbio può provare l’originale. Vivo, dal mare alla padella è un’istituzione come i proprietari, la famiglia Manno attiva nel mondo ittico da quattro generazioni. L’azienda è importatrice di ostriche dalla Francia, altrimenti si trova il pesce dell’Argentario. Qualche prezzo per farsi un’idea: tra gli antipasti (7 euro)  crostone di pane toscano con alici, mozzarella e pomodoro, moscardini alla Luciana; i primi (8 euro) spaghetti al grongo, risotto alle seppie, paccheri ostriche e peperoncino; i secondi (9 euro) spaziano dal filetto di pesce agli agrumi alla zuppetta di pesceTartare e carpacci a partire da 6 euro.

Vivo Capalbio, strada statale Aurelia, Capalbio (Grosseto). Tel. 345 587 3604 Pagina Facebook

CAPALBIO – Artistico

Il frantoio

il frantoio capalbio

Il frantoio è un bar-ristorante dove l’arte è di casa. L’intuizione è stata di Philippe Daverio, subito assecondata dai proprietari che hanno trasformato questo ex frantoio in uno spazio espositivo con annesse bookshop e boutique dove si può fare l’aperitivo o cenare. Da poco ha festeggiato 20 anni di attività. La cucina propone piatti di carne e di pesce frutto di un’attenta rielaborazione della classica cucina del territorio. Si provano tra i primi (16-18 euro) gli spaghetti alle alici e pecorino, la crema di ceci, baccalà e pomodori secchi tra gli antipasti (10-14 euro). I secondi si aggirano sui 18-30 euro. Da qualche tempo si sono affacciati anche piatti vegani in menu. Vini della Maremma e non solo, con spazio anche ad aziende di nicchia.

Il Frantoio, via Renato Fucini, 10 Capalbio (Grosseto). Tel.0564 896484 Pagina Facebook

CAPALBIO – Wine-bar

Rosso e vino alla Dogana

rosso e vino alla dogana capalbio

Il Rosso e vino alla Dogana gode di una posizione strategica, proprio a due passi dalla spiaggia della Dogana. Winebar e ristorante, dal tramonto diventa un punto di riferimento per l’aperitivo e poi per la cena in riva al mare. In cucina piatti della tradizione: da provare i pici con gambero rosso e verdure (18 euro) e la frittura della Dogana (22 euro).

Rosso e vino alla Dogana, località Graticciaia, Capalbio (Grosseto). Tel. 0564 890344 Pagina Facebook

Autore

Potrebbe interessarti anche

Eventi 0 Commenti

Sagre Lazio marzo 2016: festa della trippa alla romana a Sacrofano e della polenta a Cineto Romano

Sagre Lazio marzo 2016 (weekend 12-13). Questo fine settimana il nostro viaggio per le feste nei borghi del Lazio va dalla sagra della polenta di Cineto Romano, alla grande festa siciliana a …

Eventi 0 Commenti

Sagre Lazio novembre 2015: cinque feste della castagna e del vino nel primo weekend del mese

Sagre Lazio novembre 2015 nel primo weekend del mese. Se Halloween vi dà i brividi (ma non di paura) e di mostri e macabri festeggiamenti non ne volete sentir parlare, nei …

Eventi 0 Commenti

Sagre Lazio luglio 2017: il fallacciano protagonista a Bellegra, il cammino dell’arte e del gusto a Cantalice

Sagre Lazio luglio 2017. Voglia di evasione? Sabato 22 e domenica 23 luglio concedetevi un weekend nei borghi a pochi km da Roma. Qui trovate gli appuntamenti più caratteristici delle …