Mama eat, Napoli a Trastevere

Cominciamo dalla fine. Arriva a tavola il solito piattino con il biglietto da visita del ristorante e il preconto. Lo fotografiamo di nascosto pensando, “eccola là (pron. eccaallà), ‘n artro che ruba, peccato…”, paghiamo e ce andiamo. Giusto il tempo di fare sei passi e dal ventre del locale una vocina urla, “signoreeeee…”. Ci fermiamo increduli, ci voltiamo e vediamo la camerierina che ci aveva appena servito correrci incontro e giustificarsi: «Lo scontrino! Sa, quello era solo il preconto…». E così, rallegrati dal gesto candido e sincero (davvero), ci troviamo adesso con l’anima leggera davanti al computer a poter scrivere bene di questo nuovo ristorante trasteverino, aperto da pochi mesi in quel tratto di strada che collega piazza San Cosimato e piazza Santa Maria in Trastevere, a due passi dalla tomba dei “Rigatoni Democratici” (locale un tempo apprezzato, ormai trappola per turisti della categoria peggiore). Si chiama Mama eat  ed è la versione romana di un noto locale napoletano.
 
L’idea del business è quella di un locale per tutti, per celiaci e non, che interpreti la tradizione napoletana attraverso l’uso di prodotti sempre freschi (una rarità nel mediocre scenario di Trastevere). Quindi due cucine diverse con due diversi chef per un unico menu. 
 
A questo punto occorrerebbe aprire una parentesi sulle pizzerie napoletane al di fuori di Napoli. Un argomento delicato che in realtà, a trattarlo come dovrebbe, rischierebbe di esporre l'editore di Puntarella Rossa a pericoli di natura penale. Quindi lasciamo perdere e torniamo al nostro Mama eat.
Nel menu trionfano tutte le grazie partenopee, fritti, sfizi (parola agghiacciante che fortunatamente non compare nel menu), pizze e primi, oltre ai secondi con e senza carne. Segnaliamo le crocchette e gli arancini (questi ultimi anche nella curiosa rilettura al pistacchio) servite in porzioni classiche o al metro. Interessanti anche i rotoloni, cioè delle pizze classiche ma arrotolate prima e poi cotte al forno. Da provare anche gli stringozzielli, pasta di pizza fatta strisce, poi fritta, e imbevuta di sugo al pomodoro. Non proprio leggerissima, ma gustosa. E poi i classici: penne alla Sorrentina, linguine alla Nerano, rigatoni allo Scarpariello.
 
Bonus: grazie a una combinazione a dir poco fortunata di eventi astronomico geografici, la strisciolina di asfalto adattata a dehor, all’ora di pranzo, è presa in pieno da una lama di sole che squarcia i palazzoni di Trastevere garantendo calore naturale e luce in quantità. E poi, come detto, il menu per celiaci.
Malus: il servizio è attento e pieno di buona volontà, però deve crescere in qualità netta. La presentazione dei piatti è praticamente casuale.
 
I voti di Puntarella:
 
Ambiente 6,5
Cucina 7
Servizio 6
 
 
 
 
 
 
 
 
Ristorante Mama eat, Via di S. Cosimato 7/9  tel 5806222  www.mamaeatroma.it

About author

You might also like

Don pizza fritta napoletana a Roma

Don pizza fritta napoletana a Roma. Il prossimo, dice, l’esperto pizzaiolo, “lo apriamo ad Ibiza” . Nell’attesa di un viaggetto caraibico, però, godiamoci la pizza fritta napoletana qui a Roma, per …

Terrazza Parrasio a Roma, a Trastevere il nuovo sushi restaurant e cocktail bar all’aperto

Terrazza Parrasio, Roma Trastevere tel 0687770139. Il mese di giugno 2018 si è aperto dando il benvenuto alla nuova Terrazza Parrasio dell’Hotel Parrasio, nel cuore di Trastevere, dove la nascita di …

Seu Pizza Illuminati a Roma, menu e prezzi del nuovo locale di Trastevere

Seu Pizza Illuminati a Roma Tel. 06 588 3384. Il 12 marzo ha aperto i battenti il nuovo locale di Pier Daniele Seu, il pizzaiolo “illuminato” re di alti cornicioni …

4 Comments

  1. virginia
    ottobre 27, 11:13 Reply

    se aprite il dibattito sulle pizzerie napoletane al di fuori di Napoli io partecipo volentieri. anche alle spese legali, se occorre ;-)

  2. nemoravi
    ottobre 31, 09:14 Reply

    Grazie per la segnalazione/recensione, lo proverò! Intanto ho linkato e segnalato il vostro articolo sulla mia pagina Scoop dedicata al GlutenFree :)

  3. nemoravi
    novembre 16, 15:37 Reply

    Sono andata da Mama Eat e volevo confermare la positività della vostra recensione. Ho mangiato un rotolone senza glutine che era perfetto e, ve lo assicuro, sarebbe potuto tranquillamente passare per uno con il glutine! Mi è piaciuto anche il dettaglio di servire le portate celiache in piatti colorati, a differenza dei bianchi per i "glutinosi", invece delle solite bandierine tristi che adotta la maggior parte dei ristoranti gluten free. C'era la musica troppo alta e l'odore di fritto è rimasto sugli abiti per un po', ma direi proprio che si merita un 8 per il menu Gluten Free. Per i miglioramenti, diamogli tempo e fiducia :)
    Grazie ancora per la segnalazione

  4. franco
    luglio 09, 14:19 Reply

    Ma il "servizio" nella foto dello scontrino cos'è? Il coperto?

Leave a Reply