Fernanda, l’amatriciana perfetta

(here the english version) L'amatriciana, innanzitutto. Una delle più buone di Roma, cremosa al punto giusto e con il guanciale che svetta incredibilmente croccante sui bucatini al dente. Ma l'Osteria Fernanda è molto di più. Tornarci dopo diverso tempo non fa che confermare le qualità di una cucina in crescita, per un'osteria moderna e tranquilla, con una carta mai banale e un'atmosfera piacevole. Una perla rara, a Roma, decisamente sottovalutata.

 

Siamo all'imbocco del Portuense, zona Porta Portese, tra Testaccio e Trastevere. Qualche tavolino sul marciapiede e un paio di salette piccole, all'interno. Calde, confortevoli. Pareti color arancio, mattoni a vista sul muro sbrecciato, un affresco antico. Ai tavoli, un po' troppo ravvicinati, un paio di cameriere senza il broncio e il simpatico patron, Andrea Marini. Dietro i fornelli, un giovane chef emergente, Davide Del Duca. La carta fa capire subito che si fa sul serio, con uso di materie prime molto originali e accostamenti inconsueti (talvolta azzardati e non sempre perfettamente riusciti, ma qualche rischio bisogna pur correrlo in cucina).

Subito arriva un benvenuto dello chef e il cestino di pane e grissini (2 euro). Poi leggiamo la carta. Tra gli antipasti troviamo uno dei piatti forti di Fernanda, la ricotta romana croccante in pasta kataifi, con insalatina di rucola e noci (ottimo, 9 euro). Poi bruschetta verticale con verdure di stagione in consistenze diverse e gelato di porcini arrosto (12). Cozze alici e calamaretti in tempura al nero con gazpacho di pomodori gratinati e asparagi di mare (13). Capesante lardellate con schiacciatine di patate, lemongrass ed emulsione di asparagi (14). Tartare di vitella, agretti, panna acida e patate blu (14). Polpo rosticciato, salsa di melanzane affumicate, terrina di pomodori in gelatina di balsamico di mele (13). Torcione di foie gras in crosta di pistacchi e riduzione al marsala vergine (15).
Tra i primi, oltre all'amatriciana (11) ecco  ravioli al rosso d'uovo con carne cruda, asparagi e consumè al parmigiano  (13 euro). Pasta fresca, nero di seppia in polvere, crudo di pesce e datterini arrostiti (14 euro). Aglio, olio e peperoncino con uova di pesce stagionate (13). Tra i secondi segnaliamo il filetto di manzo, salsa di manioca, asparagi e mirtilli saltati (19).

Bonus: due menu degustazione: light a 28 euro, full a 38 euro. A pranzo, carta ridotta e prezzi in discesa

Malus: tavoli vicini, molto affollato (vip inclusi) nel fine settimana

I voti di Puntarella

Cucina: 7
Ambiente: 7
Servizio: 7

Osteria Fernanda – Via Ettore Rolli 1 – Tel. 06 5894333. Sito

About author

You might also like

Recensioni 1Comments

Antico Arco

Piazzale Aurelio 7 – Gianicolo Tel 06-5815274 Sempre aperto www.anticoarco.it E’ proprio in cima al Gianicolo, al crocevia tra via Garibaldi, via Vitellia e diverse altre strade che dividono Trastevere da …

Recensioni 3 Comments

Le Coq

RISTORANTI ROMANI / MONTEVERDE Proprietaria torinese e cucina laziale: ma la vera sorpresa è lo chef Via di villa pamphili, 35/c. Tel 06-58335146 www.osterialecoq.it A un esponente del “nobile” partito …

Recensioni 5 Comments

Barrili 66: “Il kosher sarà il nuovo bio”

Mangiare kosher ''non è come andare al ristorante cinese''. Perché il kosher non è solo ''un modo di preparare il cibo'', ma una ''certificazione di qualità''. Parola di Simone Efrati …

10 Comments

  1. Riccardo I.
    ottobre 04, 11:37 Reply

    E pensare che il GR gli ha dato 72. 10 punti MENO dell'Antica Pesa. Roba da matti…

  2. Daniele
    ottobre 04, 12:20 Reply

    La frequentavo due anni fa. Rispetto ad allora le porzioni si sono letteralmente DIMEZZATE e i prezzi sono cresciuti. Non discuto la qualità, che mantiene i livelli di sempre, ma di questi tempi fare certe manovre è indecente.

  3. Gabriele T.
    ottobre 04, 15:02 Reply

    secondo me tra i due ci deve essere stata qualche discussione pesante, altrimenti non si spiega  tutta questa differenza dalle altre guide, e soprattutto da  ristoranti nettamente inferiori.

  4. Andrea Sponzilli
    ottobre 05, 13:02 Reply

    Al di là della polemica relativa all'infausto giudizio del Gambero circa la bontà di questa osteria (al confronto ci sono dei voti da far accapponare la pelle), credo che Davide e la sua cucina stiano crescendo a vista d'occhio; l'eccellenza, a mio avviso, la raggiungerà quando la sua cucina diventerà una cucina di sottrazione anzichè di addizione.
    E ora m'è venuta voglia di matriciana!
    Ciao
    Andrea

  5. Andrea Sponzilli
    ottobre 06, 15:29 Reply

    No, non dal conto che reputo onestissimo.
    Per sottrazione di materie prime componenti le preparazioni: alcune secondo me peccano di eccessiva numerosità di ingredienti, toglierne qualcuno aiuterebbe, dal mio punti di vista, a dare più compostezza ed eleganza ai piatti senza nulla togliere alla golosità della preparazione… Davide sa bene che io la penso così :)

  6. […] (Here the italian version) Let’s just begin with the amatriciana. It is one of the best in Rome, just unctuous enough, and with pieces of guanciale that remain beautifully crunchy within the perfectly cooked pasta. But the Osteria Fernanda is much more than just the amatriciana. To return after some time does nothing but confirm the quality of an ever-improving kitchen, for a modern and tranquil Osteria, and with a menu that is never banal, and a beautiful ambience as well. A rare pearl in Rome, and decisively undervalued. […]

  7. Claudio
    dicembre 08, 18:09 Reply

    Tuttto perfetto, cibo buonissimo, chef da stelle, servizio impeccabile, prezzo buonissimo per quello che ho mangiato.
     
    Complimenti ce ne fossero di piu' come Fernanda.

Leave a Reply