La cena nello spazio di Rasmus Munk è la più costosa della storia: ecco quanto si spende

la capsula spaziale neptune dove viene servita la cena nello spazio

La cena nello spazio dello chef stellato Rasmus Munk, prevista per il 2025, è anche la più costosa di sempre. Al momento però non ci sono ancora i dettagli.

 

Quando si parla di Rasmus Munk, chef del ristorante stellato Alchemist di Copenaghen, l’immaginazione non è mai abbastanza, che ha abituato i suoi clienti a esperienze culinarie decisamente particolari, a partire dalla scenografia del suo ristorante, dove c’è una cupola che ricorda un planetario. E a proposito di pianeti, la sua prossima stravagante idea sarà una cena nella spazio, come ha svelato tramite la sua pagina Instagram. In collaborazione con due aziende statunitensi, lo chef servirà una cena a bordo della capsula spaziale (neutra a CO2) chiamata Neptune, di Space Perspective, sollevata da uno “SpaceBalloon” riempito di idrogeno.

La cifra record

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rasmus Munk (@rasmusmunkalchemist)


Space Perspectiv è un’azienda con base in Florida, abituata a proporre ai clienti esperienze del tutto particolari, sempre a zero emissioni. La cena sarà servita a 30 chilometri sopra la superficie terrestre, durerà in tutto circa 6 ore, e il decollo è previsto per il 2025 con partenza al largo delle coste della Florida. Naturalmente si tratta di evento per pochissimi, vista la cifra stratosferica che viene richiesta: 3,5 milioni di corone danesi, quasi mezzo milione di euro a persona, che dirottano questa esperienza verso il record di cena più costosa della storia. Il ricavato della spedizione verrà devoluto alla Space Prize Foundation, che promuove l’uguaglianza di genere nella scienza e nella tecnologia spaziale.

Lo chef Rasmus Munk, come dicevamo sopra, non ha mai nascosto la sua passione per lo spazio: “Sono profondamente affascinato dallo spazio, ed è stato durante una gita scolastica da Randers al Planetario di Copenaghen che ho provato per la prima volta la sensazione di essere trasferito in un mondo completamente diverso. In seguito è diventato un’ispirazione per creare l’esperienza dell’Alchemist all’interno e intorno alla cupola di un planetario. L’opportunità di creare un’esperienza gastronomica stratosferica insieme ai maggiori esperti mondiali di scienza e design sembra completamente folle e allo stesso tempo logica, stranamente”, ha dichiarato lo chef.

 

Seguici sui social: Facebook e Instagram

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*