Sorpresa Royal Thai, Siam a Roma

Sorpresa Royal Thai, Siam a Roma

A Londra ho mangiato thai per la prima volta. Ricordo ancora il locale tra Queensway e Bayswater, l’inizio di un’avventura, sapori nuovi. Quel connubio di sapido, dolce, piccante, la combinazione di consistenze, i profumi vividi ed esotici. Ho cercato di ricreare quell’esperienza in giro per Roma, il momento di pura felicità quando scopri che un cibo nuovo ti piace davvero tanto. Al Royal Thai sono tornata indietro di tre anni, in quel giorno di marzo in cui per la prima volta mi sono immersa nella cucina thailandese.

Qui al Royal Thai la gente torna, e spesso. I proprietari salutano alcuni avventori come amici di vecchia data. Mi piace e mi rassicura che in molti ritornino in questi lidi per cenare o per ordinare da asporto.

I tavoli e le sedie sono in stile thai, incavati sotto e forniti di cuscini. Se siete agili non avrete problemi; se a educazione fisica portavate sempre la giustificazione sarà un po’ faticoso, ma nessuno farà caso a voi.
Seduti comodi? Bene. Sbirciate il menu. Tralasciate i piatti cinesi (buoni, ma rintracciabili in qualsiasi ristorante cinese decente della capitale) e concentratevi sulle pietanze thai. Gli antipasti che più di tutti vi faranno venire voglia di diventare clienti abituali sono i seguenti.

Involtini thailandesi, simili nell’aspetto a banali involtini primavera, non lo sono nel gusto: ripieni di vermicelli di riso, verdure miste saltate e carne (non meglio specificata, ma pare maiale). Vengono serviti con una squisita salsa agrodolce lievemente piccante e molto versatile.

Spiedini con salsa di arachidi. Disponibili con diverse carni, meravigliosi se di manzo o di pollo. Morbidi, sapidi, croccanti: come molte altre specialità thailandesi risvegliano più papille contemporaneamente.

Baffi di drago. Lo ammetto: li ho ordinati per il nome buffo, ma non mi hanno deluso. Fili di pasta fillo fritti fino a diventare croccanti e ripieni di carne e gamberi. Qualche goccia di salsa agrodolce rinfresca il tutto.
Se, come mi auguro, avete ancora fame (ma se avete ordinato il “mega-antipastone” misto con assaggi di tutto – compresa un’insalata di papaya e mango favolosa – probabilmente sarete già pronti per il dolce) scegliete senza timore tra i “primi” piatti. Per me, abitudinaria nell’animo e sempre alla strenua ricerca delle varie madeleine della mia vita, non può mancare una porzione (abbondante) di pad thai, con pollo al posto dei classici gamberi.

Un piatto che possiede tutto ciò che un goloso possa desiderare: dolce, sapido, lievemente acido, piccante, umami; croccante, elastico, morbido. Fettuccine di riso, pollo, germogli di soia, tofu, salsa di pesce, cipollotti, lime, peperoncino rosso e, per coronare il tutto, arachidi tritate per dare il giusto “dente” al piatto.

Altre pietanze meritevoli: zuppa di pollo (con latte di cocco, pomodori e cipolle), zuppa Tom Yam kung (agrodolce, con lemongrass, peperoncino, brodo di verdure, latte di cocco e gamberi) e Wu Dong noodles al pepe nero (simili a bucatini di riso, con verdure, gamberetti e un tocco di pepe nero. Soffici e gustosi).

Per i secondi c’è il proverbiale imbarazzo della scelta. Il pollo croccante al cocco è fragrante e saporito, così come gli splendidi gamberi fritti croccanti alle mandorle (quattro gamberi quattro, ma con una panatura alle mandorle meravigliosa). Qualunque sia la vostra scelta cadrete in piedi, soddisfatti.

Infine i dolci. Non riesco ad essere né esaustiva, né obiettiva, dovete scusarmi. Al Royal Thai ordino soltanto il Sakumalag, una piccola opera d’arte composta da perle di tapioca, latte di cocco, caramello e una pallina di gelato alla crema. Una sera sono riuscita a mangiarne due senza battere ciglio. Ad onor del vero, anche il dolce di riso e cocco al vapore con mango fresco merita, ma il sakumalag non ha rivali nel mio cuore.

Biscottino della fortuna a terminare, tanti sorrisi e arrivederci. Ci vedremo presto, questo è sicuro.

Bonus: il pad thai squisito e i sorrisi 

Malus: trovare parcheggio in zona durante il weekend

I voti di Puntarella

Cucina 7,5
Servizio 6+
Ambiente 6,5

Prezzi Pad Thai 6.50 euro Involtini thailandesi 4 euro Spiedini con salsa di arachidi 4 euro Gamberi croccanti alle mandorle 9 euro Sakumalag 5 euro

ROYAL THAI , piazza di Villa Fiorelli, 13 tel 06/7013818

About author

You might also like

Recensioni 6 Comments

Mekong, un pho di ottimo Vietnam

Quartiere Tuscolano. Una sera che ti va di sperimentare, di provare sapori nuovi, anche un po’ lontani. Quella sera che il cinese, per quanto di fiducia, non basta più. E …

4 Comments

  1. Zealamb
    maggio 09, 14:48 Reply

    Scusa se mi permetto ma dall'esperienza di 6 mesi passati a Bangkok direi che siamo di fronte all'ennesima mutazione di un ristorante cinese.

  2. Franz
    maggio 11, 07:20 Reply

    Ci sono stato ieri sera. Solo due osservazioni: l'antipasto misto  non è pantagruelico; il livello non è assolutamente paragonabile ai ristoranti orientali di Londra. IMHO  

  3. Ogni opinione e' valida, a mio avviso. Io non sono stata a Bangkok e ho provato sicuramente ristoranti Thai migliori di questo (a Roma – Sukhothai – come a Londra), ma ritengo che il rapporto qualità prezzo del Royal Thai sia comunque da tenere in considerazione. 
    Ma e' solo la mia opinione.

Leave a Reply