Vino e camino, calore e sapore

Vino e camino, calore e sapore

Quando fuori piove a dirotto e Roma sembra Bombay, ti infili dentro Vino e Camino, ti scrolli come un cane bagnato, ti siedi tutto umidiccio e ti immergi in una calda zuppa di porri e castagne. O, meglio ancora, ti sorbisci lentamente, con la calma che richiedono i piaceri lenti, il brodino tartufato dei tuoi canederli, buoni come non li hai mai provati.

Eccoti da Vino e Camino, l'anello mancante del centro storico tra la trappola per turisti e il locale ultra snob. Qui puoi sederti tranquillamente, in un locale piacevole e senza troppe pretese estetiche, con una sua medietà rassicurante, e goderti il piacere di un pasto di livello. Per di più senza incappare solo ed esclusivamente nel quartetto canonico della romanità (gricia, cacio e pepe, amatriciana e carbonara). Qui si son sbizzarriti in fantasia e l'oste che ti accoglie con una sua grazia lacustre e campagnard, ti offre una varietà di piatti sconosciuta a molte delle trattorie omologate del centro. C'è del pane carasau caldo ad accoglierti, zuppe fresche di ogni tipo, farro a risotto con radicchio trevigiano e grana, involtini di indivia con le capesante, polpettine di manzo, petto d'anatra e se vuoi anche i tonnarelli cacio e pepe (già pluripremiati), ma in un'offerta ben più vasta. Alla fine ti sei fatto una cena di buon livello, con un servizio sicuro e premuroso e hai speso qualche euro in più, non troppi (considerate 40-50 euro a cena, di media), per poterti consentire di andare a casa sereno, magari dopo avere assaggiato i tozzetti con un bel passito.

Vino e Camino nasce nel 1995 a Bracciano, in una grotta scavata nel tufo, per opera di Paola Ricciardelli Baroni e del marito. Ora, da pochi mesi, è nata questa seconda sede, completamento cittadino di un'esperienza già più che apprezzata. L'aria lacustre e un po' provinciale, per fortuna, è rimasta anche nel nobile e metropolitano corso Vittorio Emanuele e Vino e Camino è destinata a diventare una solida realtà.

Bonus: l'atmosfera familiare in un ristorante ampio ma non dispersivo
Malus: un arredamento di legno non sempre convincente (a parte la bella cucina con forno maiolicato)

I voti di Puntarella
Cucina: 7
Servizio: 7
Ambiente: 6,5

 

Piazza dell'oro 6 06-68301332

About author

You might also like

Recensioni 1Comments

Da Renato e Luisa

Via dei Barbieri 25 (Largo Torre Argentina) Tel. 06-6869660 Chiuso lunedì Ristorante incredibilmente non turistico nascosto in una stradina di fronte a Largo di Torre Argentina, un tempo nota per …

Vyta Enoteca Regionale del Lazio, riapre il 20 ottobre il locale di via Frattina

Vyta Enoteca Regionale del Lazio Roma, riapre il 20 ottobre in via Frattina. Parli di enoteca romana con vini regionali e il primo nome che ti viene in mente è l’enoteca …

Città dell’Utopia, festival della Zuppa

Siete feticisti della zuppa? Disprezzate chi la confonde con la minestra o, peggio, la considera triste? Bene, è arrivato il vostro momento:  domenica 15 aprile parte il Festival internazionale della zuppa …

3 Comments

Leave a Reply