Vino e camino, calore e sapore

Vino e camino, calore e sapore

Quando fuori piove a dirotto e Roma sembra Bombay, ti infili dentro Vino e Camino, ti scrolli come un cane bagnato, ti siedi tutto umidiccio e ti immergi in una calda zuppa di porri e castagne. O, meglio ancora, ti sorbisci lentamente, con la calma che richiedono i piaceri lenti, il brodino tartufato dei tuoi canederli, buoni come non li hai mai provati.

Eccoti da Vino e Camino, l'anello mancante del centro storico tra la trappola per turisti e il locale ultra snob. Qui puoi sederti tranquillamente, in un locale piacevole e senza troppe pretese estetiche, con una sua medietà rassicurante, e goderti il piacere di un pasto di livello. Per di più senza incappare solo ed esclusivamente nel quartetto canonico della romanità (gricia, cacio e pepe, amatriciana e carbonara). Qui si son sbizzarriti in fantasia e l'oste che ti accoglie con una sua grazia lacustre e campagnard, ti offre una varietà di piatti sconosciuta a molte delle trattorie omologate del centro. C'è del pane carasau caldo ad accoglierti, zuppe fresche di ogni tipo, farro a risotto con radicchio trevigiano e grana, involtini di indivia con le capesante, polpettine di manzo, petto d'anatra e se vuoi anche i tonnarelli cacio e pepe (già pluripremiati), ma in un'offerta ben più vasta. Alla fine ti sei fatto una cena di buon livello, con un servizio sicuro e premuroso e hai speso qualche euro in più, non troppi (considerate 40-50 euro a cena, di media), per poterti consentire di andare a casa sereno, magari dopo avere assaggiato i tozzetti con un bel passito.

Vino e Camino nasce nel 1995 a Bracciano, in una grotta scavata nel tufo, per opera di Paola Ricciardelli Baroni e del marito. Ora, da pochi mesi, è nata questa seconda sede, completamento cittadino di un'esperienza già più che apprezzata. L'aria lacustre e un po' provinciale, per fortuna, è rimasta anche nel nobile e metropolitano corso Vittorio Emanuele e Vino e Camino è destinata a diventare una solida realtà.

Bonus: l'atmosfera familiare in un ristorante ampio ma non dispersivo
Malus: un arredamento di legno non sempre convincente (a parte la bella cucina con forno maiolicato)

I voti di Puntarella
Cucina: 7
Servizio: 7
Ambiente: 6,5

 

Piazza dell'oro 6 06-68301332

About author

You might also like

L’Osteria Pistoia si fa in tre

I clienti affezionati hanno imparato ad apprezzare l'Osteria Pistoia già da qualche anno, a Monteverde. Un locale di design, ma non aggressivo, con una cucina tradizionale ma con spunti creativi, …

C’è del Grano in piazza Rondanini

La piazzetta è deliziosa, il dehors adorabile, il desco squisito. Dopo avere sdoganato i tre aggettivi più atroci a disposizione nel nostro arsenale lessicale, possiamo andare al sodo e dire …

News 0 Comments

Carl Lewis, il figlio della Gricia

Avendo sentito in giro qualche brutta voce sul recente corso del ristorante Taverna Trilussa (prezzi saliti, qualità scesa), Agrette Sauvage era andato a fare un check up di quello che …