CaBarET Milano, pasticceria moderna da colazione al dopocena (con djset) a Porta Nuova

CaBarET Milano, pasticceria moderna da colazione al dopocena (con djset) a Porta Nuova

CaBarET Milano. Quando si andava la domenica a pranzo da nonna, non si mancava mai di portare un vassoio di pasticcini, che lei chiamava, con lezioso francesismo, “cabarè”. A recuperare questo termine vintage, abbinandolo a un locale dalle molte facce che ruotano intorno alla pasticceria cosiddetta moderna, è Gilberto “Gibo” Stucchi con il suo CaBarET che ha aperto i battenti negli ultimi giorni del 2018.

Imprenditore rock’n’roll, con una passione per la vita notturna e i dj set (che promettono di animare le serate del weekend), Stucchi ha pensato a un locale aperto dalle colazioni del mattino al dopocena (dal lunedì al giovedì, dalle 8 alle 22, venerdì e sabato dalle 8 alle 2), passando per la pausa pranzo e l’immancabile rito dell’aperitivo. Così, se il cuore è la pasticceria, la giornata è comunque lunga e ricca di proposte dolci, salate, in tazza o alcoliche.

Partiamo dunque dal mattino che propone una caffetteria ricercata, affidata alle mani di Rita Varisto e Mattia Barbano, con una selezione di caffè monorigine, espresso o filtrato con metodo V60, aeropress o chemex (3,50-4 euro), ma anche tè, infusi, Matcha Latte di ispirazione jap modaiola (4 euro) o il più insolito Chai indiano, nature o al latte (da 1,60 a 4 euro).


La pausa pranzo propone, al piatto o su focaccia integrale (rigorosamente home made), jamón serrano, salmone norvegese, stracciatella con pesto e vellutate (tutti a 7 euro), toast roll con jamón o salmone a 5 euro, taglieri misti a 15 euro, tartare di manzo (fassona o chianina) o di bufala a 10-12 euro.
Le stesse ricette che, in versione finger, sono offerte per l’happy hour in abbinamento ai cocktail (7-9 euro) di Stucchi.

Per il lunch, la combo stuzzicante propone toast roll + monoporzione, acqua, vino e caffè a 12 euro e introduce nel magico mondo delle torte mignon, le ormai celebri “monoporzioni” da mangiare in tre bocconi o poco più.
Perché questo sono, le creazioni del pastry chef Gianmarco Stifani: piccoli cake di mood contemporaneo che, sotto glasse e decorazioni elaborate, scintillanti e di grande finezza, celano dolci di pasticceria classica e francese: soffici pan di Spagna e bisquit farciti di spume e creme, frangipane e chantilly, foresta nera, tartellette, crostatine, pere in bella vista… Piccoli peccati di gola a un prezzo anch’esso mini: 5 euro a porzione.

Ça va sans dire, le monoporzioni possono diventare torte ufficiali da più persone, preparate su ordinazione nel laboratorio di pasticceria. Che, ogni giorno, sforna anche brioche, frolle, donut, biscotti (da provare quelli al pistacchio). Da segnalare ottimi bignè, interessanti nella versione semisalata con crema al gorgonzola e top al cioccolato fondente.

CaBarET, via Cornalia 13 angolo via Adda, tel. 331 4941879, Pagina Facebook

About author

You might also like

Eventi Milano marzo 2016: Identità Golose al Mi.Co e vodka da Un Posto a Milano

Eventi Milano marzo 2016. La seconda settimana di marzo è costellata dai consueti appuntamenti food e drink di Milano: da Un Posto a Milano c’è l’aperitivo con vodka e focaccia alle mele, al …

Gastronomia Yamamoto Milano, il giapponese che stupisce (senza sushi) a due passi dal Duomo

Gastronomia Yamamoto Milano. Tel. 02 3674 1426. In via Amedei 5, a due passi dal Duomo, ha aperto il 15 settembre Gastronomia Yamamoto, un ristorante giapponese che non vende sushi (se …

Mu Dim Sum Milano, menu e prezzi del ristorante cantonese in zona Centrale

Mu Dim Sum Milano, tel. 338 358 2658. Aperto da poche settimane, è il nuovo ristorante cinese in zona Centrale (via Caretto 3, angolo Fabio Filzi), che punta tutto sulle …