Ristoranti e coronavirus, chiusure, tagli di personali e orari abbreviati (a partire dal Mercato Centrale)

Ristoranti e coronavirus,  chiusure, tagli di personali e orari abbreviati (a partire dal Mercato Centrale)

Ristoranti e coronavirus, i primi locali cominciano a chiudere. La crisi drammatica nella quale versa la ristorazione comincia a farsi sentire e non poteva essere altrimenti con il nuovo decreto. Se in Lombardia e in alcune province di Veneto e Piemonte c’è il coprifuoco dalle 18, nel resto d’Italia c’è un crollo di presenze e, contestualmente, obblighi sul mantenimento della distanza a un metro tra clienti che, naturalmente, non sono facili da mantenere. Per questo,  i primi locali danno segno di cedimento e cercano di capire cosa fare. I rimedi sono pochi: tagliare gli stipendi, mettere in cassa integrazione o part time, darsi al commercio online e aspettare  tempi migliori.

Tra i più in difficoltà c’è Mercato Centrale (Torino, Firenze e Roma), che per le sue caratteristiche, quelle di un luogo sempre molto affollato e caotico, soffre più degli altri la crisi. Come è spiegato in questo articolo di Repubblica, il crollo dei clienti va dal 30 al 70 per cento. Il primo provvedimento è la chiusura anticipata alle 22, invece che alle 23. In forse, a questo punto, le date di apertura del nuovo Mercato Centrale di Milano.

Secondo un reportage della Stampa, a Roma fa molta fatica il Convivio che sta interrogando sul da farsi.Venerdì ha dovuto chiudere, causa disdetta. Come spiegava lo chef Angelo Troiani: “A questo punto per stasera chiudiamo. Ho dieci dipendenti, è inutile farli rimanere qui senza lavorare, per oggi li mando a casa”.

Annullati tutti gli eventi e le presentazioni. E’ chiuso il il Café di via Santa Maria in Via.  Le Tamerici di via del Tritone ha abbreviato di molto gli orari di apertura. Rimessa Roscioli, come abbiamo raccontato qui, prova a resistere e, in controtendenza, decide di riaprire a mezzogiorno. Ma anche altri cercano di aumentare i tempi di lavoro, per massimizzare le entrate: è il caso di Tipografia Alimentare, a Milano, che aprirà anche il martedì, suo giorno di chiusura.

Faro, caffetteria specialty, riduce l’orario e farà 8-17. Di Sonia Hang Zhou abbiamo detto. Enoteca Ferrara a Roma propone l’asporto e regala una bottiglia di vino. Anche Seu Pizza Illuminati si piega all’asporto, che sarà possibile dalle 19 alle 23.

Ma non è che l’inizio. Tempi cupi arrivano e i segni di questo momento si sentiranno a lungo.

About author

You might also like

Nuove aperture a Roma settembre 2019: Figo, Emme, Reserva, Kram, Pastorie, Morbido e Piacere Matilda!

Nuove aperture a Roma settembre 2019. Mettere insieme tutte le novità che porta settembre non è affatto semplice. Dopo la grande notizia che vi abbiamo dato in anteprima (qui il …

Fermentazioni 2017 Roma, birra artigianale e street food al Guido Reni District

Fermentazioni 2017 Roma. Torna nel weekend, da venerdì 9 a domenica 11 giugno, l’edizione n. 5 di Fermentazioni, il festival dedicato alla birra artigianale che apre le porte del Guido …

News 7 Comments

Epiro a Roma, il ristorante in stile parigino che ci mancava

Epiro, inaugurato il 23 novembre 2103, è una delle molte aperture di questo autunno “caldo” romano, ma non è certo una delle tante. Entri nel minuscolo winebar, ti accalchi intorno al bancone, …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply