I migliori forni di Firenze, cinque indirizzi per pizza, schiacciata e il classico pane sciapo

I migliori forni di Firenze, cinque indirizzi per pizza, schiacciata e il classico pane sciapo

I migliori forni di Firenze. C’è un alimento antico che più di tutti gli altri ci lega al nostro lato più arcaico e semplice ed è senza dubbio il pane. In questo periodo in cui viene demonizzato come nemico della linea (superficialità da dietologo delle tisane) si sta invece riscoprendo un nuovo esercito di assidui frequentatori di forni, alla ricerca di pani e di farine particolari. Il pane buono, a Firenze, in realtà si trova ovunque (abbiamo comunque selezionato per voi cinque forni da provare in città) e la sua particolarità è quella di essere sciapo. La leggenda narra che nel 1100 d.C. la nemica Pisa avesse bloccato la vendita di sale nell’entroterra e i fornai cosa fecero? Inventarono il pane senza sale. Facile no? Da allora non hanno più smesso e ogni notte preparano per noi filoni su filoni, rigorosamente sciapi e buoni per giorni, perché come dice il proverbio “il pane di ieri è buono domani”. Mai fu detta cosa più vera. Ecco allora i migliori forni di Firenze, dove trovare non solo pane sciapo ma anche ottima pizza e schiacciata.

I migliori forni di Firenze

Antico Forno Giglio

A due passi da Piazza Beccaria c’è un piccolo forno che è una vera sorpresa. L’Antico Forno Giglio, aperto nel 1968, è a conduzione familiare e infatti ci si sente subito a casa. Appena varchi la porta ti avvolge il profumo della farina, del pane appena sfornato, e le mensole stracolme di filoni sono un vero incanto. Una rarità, un tuffo nel passato, tanto accogliente quanto pieno di leccornie, dal pane a lievitazione naturale ai biscotti di Prato, dalle schiacciate ai fagottini alle mele.

Via Vincenzo Gioberti, 151R – 055.244402 Pagina Facebook

S.Forno Panificio

In Santo Spirito c’è un posticino speciale dove comprare il pane, fare colazione con pane burro e marmellata o merenda con una bella fetta di torta e un tè caldo, è lo S.Forno di via Santa Monaca. Nato da pochi anni e già un punto di riferimento per tutto il quartiere, è un luogo dove niente è lasciato al caso, l’arredamento è essenziale ma curato e accogliente, ingentilito dai mobili di recupero, le ceste di vimini  e le alzatine di cristallo dal gusto retrò. Una chicca.

Via Santa Monaca 3r – 055.2398580 Pagina Facebook

Il Pugi 

A Firenze ci sono delle cose che tutti conoscono, fin dall’infanzia. C’è il David, il Duomo, il Ponte Vecchio e poi c’è la schiacciata del Pugi. Bianca, soffice, croccantina fuori, piena d’olio e di sale, insomma gustosissima: non esiste fiorentino che non la conosca. Per questo grande successo il Pugi continua a macinare clienti dal 1925 e a moltiplicare i propri negozi in giro per la città. Da provare anche, in base alla stagione, la schiacciata con l’uva in autunno e i cenci a Carnevale.

Viale Edmondo De Amicis,  49/51R – 055 669666 Pagina Facebook

Vecchio Forno 

Dolce o salato qui ce n’è per tutti i gusti. All’angolo tra via San Gallo e via Guelfa c’è un forno di eccellenza della città: il Vecchio Forno. La qualità delle materie prime è altissima, la scelta vasta e la gentilezza delle signore che ci lavorano rende tutto ancora più buono. La produzione è interna e vengono utilizzate solo materie prime locali. Ottimo per uno spuntino o per un pranzo veloce, qui potrete trovare, oltre al pane e ai dolcetti, anche un’ottima pizza al taglio. Il forno è anche famoso per i cantucci e gli schioppetti a base di cioccolato e nocciola. Consigliatissimo.

Via Guelfa 32 ang. Via S.Gallo – 055-2654069 Pagina Facebook

C.Bio, il Forno 

Lo chef Fabio Picchi ha aperto “C.Bio” un nuovo santuario della gastronomia italiana, una sorta di supermercato bio in via della Mattonaia con una “succursale” anche all’interno del mercato di Sant’Ambrogio. La ricerca e la qualità delle materie prime è la base di partenza per la preparazioni di pani speciali di alto livello (e alto è anche il prezzo, sic!). Da provare il classico pane “Sciapo” toscano, il “Pane Santo” fatto con lievito madre e grani antichi macinati a pietra, il “Pan della salute” con frumento, segale, farro e frutta di stagione, l’“Etrusco” e il “Pan dei Monaci”, una sorta di pan carrè d’antan che tostato con un filo d’olio è davvero una meraviglia.

Via della Mattonaia, 3A –  055 2479271 Pagina Facebook

About author

You might also like

Sorry, no posts were found.