Mazzo dei The Fooders a Centocelle: locale accogliente, conto onesto e pancia piena

mazzo

Mazzo, l’ultimo progetto firmato “The Fooders” ha trovato casa a Centocelle.  Il che vuol dire, per molti, attraversare la città e raggiungere un quartiere periferico. Di più, bisogna farlo entro le 22, perché la cucina chiude, e bisogna prenotare prima, perché il locale è piccolo. Ne vale la pena? La risposta è . Lo avevamo intuito già da Culinaria, quando Marco Baccanelli e Francesca Barreca hanno allietato gli ospiti del mercato rionale di Garbatella con le loro polpette al sugo e la scarpetta da portare via. E ora lo sappiamo con certezza: perché c’è un menu che ricorda la nonna, perché il piccolo locale permette una condivisione senza indiscrezioni e perché quella di Mazzo è una cucina fatta di cose buone, di accostamenti semplici e di ingredienti di qualità. Dimenticate la prova bikini.

fooders

Arriviamo in ritardo e nessuno si scontenta. Mazzo ha a disposizione 10 posti al tavolo sociale, 4 al bancone e 2 fuori, chiaramente è il caso di prenotare in anticipo. E’ arredato bene, lavagne alle pareti con menu e prezzi scritti a mano, lungo tavolo in legno, sgabelli spartani ma comodi, prodotti regionali e qualche chicchetta, come le forchette/cucchiaio, i comodini vintage e l’abat-jour. Forse un po’ di confusione ma è un disordine che non disturba.

Ordiniamo due birre chiare (e poi altre due, e poi altre due). Iniziamo con il rosti, piatto di patate tagliate finissime, con i peperoni verdi (7 euro). Semplice e buono.

Proseguiamo con una norma rivisitata: la lasagna melanzane e pomodori, con abbondante spolverata di ricotta.

Ordiniamo la classica amatriciana.

Buona da fare la scarpetta col pane, già sapientemente lasciato accanto al piatto dalla cameriera (entrambi i primi a 7,50 euro).

Poi il secondo, le ottime polpette e patate (10 euro). Abbondanti e saporite, richiedono una seconda portata di pane per non lasciarci nulla.

Non ci siamo spinti fino al dessert, ma forse avremmo dovuto, gira voce che la crostata della mamma di Marco sia uno di quei dolci in grado di rimanere impressi.

969205_10200814269257957_180844034_n

Insomma, alla fine il locale è accogliente, il servizio è ottimo, il conto è onesto e le pance piene.

 Il laboratorio e la filosofia di Mazzo sono la risposta a chi chiede piatti semplici, locali senza riflettori e prezzi adeguati.

Mazzo, Via delle Rose 54, (Centocelle) Roma, tel. 0664962847

Autore

Potrebbe interessarti anche

Brunch Roma 2015, le migliori proposte per il weekend pre-natalizio

Brunch Roma 2015, sabato 19 – domenica 20 dicembre

Sagre Lazio marzo 2016: festa del casiatiello a Ponza e happy Easter a Ladispoli

Sagre Lazio marzo 2016 (weekend 26-27). Se per il fine settimana di Pasqua non avete organizzato il classico banchetto tra parenti, ci sono ben due alternative nei borghi del Lazio:  la …

Il nuovo “All’Oro” di Riccardo Di Giacinto: “Il piatto perfetto? Ci stiamo lavorando”

Il nuovo All’Oro, intervista allo chef Riccardo Di Giacinto. Accolti da un cortile in mezzo a una strada alberata, con le fronde scapigliate da un insolito vento, ci addentriamo nella hall dell’hotel …