Gelato a Roma: the best of

Gelato a Roma: the best of

Gelaterie sconsacrate, come il disco dei Virginiana Miller. Gelaterie sconsacrate, come la nostra nuova rubrica, curata da Maddalena Libertini, in arte Dida. Esperta, appassionata, ossessionata da gelati, coni e sorbetti. Gelaterie sconsacrate, perché Puntarella ha il senso del sacro ma ama anche profanare. Entrare, assaggiare, leccare, valutare, consacrare nuovi posti sconosciuti e fuori dal solito giro dei blog, confermare certezze consolidate e sconsacrare falsi miti troppo celebrati. E allora eccoci qui, con la prima puntata fresca di gelatiera. Una summa del meglio che, a sindacabile ma autorevole parere della nostra Dida, offre Roma:  A voi la lettura e ovviamente il giudizio: con lodi e critiche, ma soprattutto suggerimenti e segnalazioni (p.r.)

 

Top Quality
Gelateria dei Gracchi

Prati
Via dei Gracchi 272
Gelateria naturale

C’è qualcuno che lo chiama solo “il maestro”. Di certo in questi anni la Gelateria dei Gracchi si è conquistata sul campo la fama di qualità e di bontà dei suoi gelati e ha contribuito anche all’educazione al gusto in questa materia. Apprezzabile la comunicazione chiara degli ingredienti per chi ha intolleranze, peccato le porzioni da nouvelle cuisine.

Top Location
Neve di latte
Flaminio
via Luigi Poletti 6
Gelateria naturale

Neve di latte entrerebbe di diritto nelle nuove aperture, visto che ha fatto la sua comparsa solo a metà giugno. Si iscrive anche nella nouvelle vague della zona Flaminio innescata dal Maxxi. Il gelato promette bene, e ci torneremo, ma quello per cui più ci fa piacere segnalarla ora è che finalmente una gelateria dismette quegli arredamenti anonimi che sono tutti variazioni sul tema dell’ovvio optando per un design curato nei dettagli.

Top Chocolate
Il Gelato
Laurentina, Aventino, Centro
via dell’Aeronautica 105, v.le Aventino 59, piazza Monte D'Oro 91/92
Gelateria naturale

Con l’apertura a piazza Monte d’Oro Il Gelato copre strategicamente tre zone di Roma che ne sentivano decisamente il bisogno (ci sono altri punti vendita a Casal Palocco, Ostia e al Torrino che però non abbiamo testato personalmente). Qui si sposa filosofia della pallina di gelato anche per le confezioni da portare a casa. Notevole la varietà dei cioccolati, in particolare dei puri versione sorbetto.

Top Creatività
Vice
Gregorio VII
Via Gregorio VII 385
Al Settimo Gelo – Mazzini
Via Vodice 21/a
Gelaterie naturali

Molti dei citati in questo elenco propongono gusti altrettanto originali e creativi, così come queste due gelaterie potrebbero essere considerate solo per la qualità dei loro gelati. Consentiteci di premiarle con due motivazioni a titolo del tutto personale: Vice per aver dato vita a un gusto un po’ inutile qual è l’ananas con la semplice aggiunta della menta fresca e Settimo Gelo perché da sempre scova frutti e gusti semisconosciuti o di cui si era persa memoria.

Top Tradizione
Fassi
Esquilino
Via Principe Eugenio 65
Gelateria artigianale

Il Palazzo del Freddo è un’istituzione. Tra gli ultimi avamposti della storia dell’Esquilino, fa tenerezza la sua resistenza all’assedio dei negozi di cianfrusaglie e alla spersonalizzazione del quartiere. Meriterebbe solo per questo, ma anche il gelato mantiene un buono standard e i sanpietrini sono sempre una garanzia.

Top Gelateria di quartiere
Millenium
Prati/Cipro
Piazza S. Maria delle Grazie 2/a
Gelateria artigianale

Questa non è una semplice gelateria, perché Nicola non è un semplice gelataio. C’è un via vai di turisti dato che si trova sulla strada per i Musei vaticani, ma Millenium è soprattutto un punto di riferimento per il quartiere. Ultima novità zenzero e cannella in abbinamento al sorbetto di cioccolato.

Top Romane
Ciampini
Centro
Piazza S. Lorenzo in Lucina 29
Gelateria artigianale

Lo scegliamo in rappresentanza di quei locali per i quali il gelato non è il core business ma che lo fanno in modo più che dignitoso. Questo storico bar ha dalla sua anche la posizione, in una piazza che è un piccolo salotto romano, e la mancanza di una vera concorrenza (almeno fino all’apertura di Piazza Monte d’Oro). Minor scelta di gusti rispetto a Giolitti, ma una qualità costante e coni più buoni.

Top Periferia/Fuori dal Centro
Gori Gelato
Montesacro
Piazza Menenio Agrippa 8b/8c
Gelateria naturale

Continuando sulla Nomentana si ha l’impressione di essere in quelle zone di Roma che sembrano terra di nessuno. Sarà per questo che Gori Gelato fa venire in mente l’ultima oasi prima del deserto. Gelati naturali, varietà, cortesia, locale non grande ma con qualche posto a sedere dentro e fuori, quel pizzico di lentezza caratteristico di questo tipo di gelaterie, non manca nulla.

Top Catene
Grom
Centro
Via della Maddalena 30/a
Gelateria naturale

Di Grom abbiamo scritto molto: ne abbiamo salutato l’apertura a Roma; poi, per non farli riposare sugli allori, gli abbiamo rifilato una bocciatura; infine abbiamo incassato la cortese replica di Federico Grom. A dimostrazione della fiducia che accordiamo a questo marchio che abbiamo sempre apprezzato (ma dal quale ci aspettiamo molto) una segnalazione di incoraggiamento a migliorare come c’è stato promesso.

Qui la "filosofia" di Dida

 

About author

You might also like

Ciampini Lab Roma, il nuovo laboratorio di gelato artigianale in via del Leone

Ciampini Lab Roma. La famiglia Ciampini si allarga e dà il benvenuto al neonato Ciampini Lab, laboratorio di gelato artigianale già operativo da pochi giorni in via del Leone 12a, …

Gelato Festival Firenze 2017, il miglior gusto europeo è Vero Latte di Vigevano

Gelato Festival Firenze 2017. Niente gusti stravaganti o strane accozzaglie dolce-salato. Il miglior gusto europeo richiama la tradizione, i sapori di una volta, ed è made in Vigevano, provincia lombarda …

Recensioni 0 Comments

Gelateria Bartocci Roma, un gelato di famiglia (che vince premi con il Bartoccioso)

Gelateria Bartocci Roma Di franchising, catene e imprese ristorative che fanno business e diventano brand, oggi ce ne sono a bizzeffe e se ne scrive molto. Ma ci sono piccole realtà di famiglie …

65 Comments

  1. Fabrizio Giorgi
    agosto 02, 15:13 Reply

    Mah, prima di tutto non c'è la Fata, grave lacuna, e le gelaterie di Torcè ci sono ma lui non è nemmeno nominato.
    Per neve di latte " quello per cui più ci fa piacere segnalarla ora è che finalmente una gelateria dismette quegli arredamenti anonimi".
    Sul serio? Quando entro in gelateria l'unica cosa che osservo è la cortesia, la capacità di raccontare il proprio lavoro con passione e onestà, la presentazione/esposizione dei prodotti e soprattutto l'ordine e la pulizia e l'uso del registratore di cassa, del mobilio mi interesso meno che niente, anzi, viceversa.
    Millennium (perplessità) con due enne e non è in Prati, ma se volete rendere un bel servizio cambiate foto e scattatela in versione estiva!
    A proposito di falsi miti, Settimo Gelo? Una volta era una delle migliori, una volta.
    Forse è solo una bozza mi per metto di suggerire una revisione.

  2. Andrea Turco
    agosto 02, 16:28 Reply

    Millennium mi ha deluso molto! Provato qualche settimana fa perché proprio a due passi da casa mia e a ridosso di una bella piazzetta all'inizio di via Candia. Secondo me poco più che discreto e comunque lontano anni luce da altri mostri sacri della Capitale. Comunque lo riproverò…

  3. Alberto
    agosto 02, 16:48 Reply

    non aver neanche citato Greed, una delle migliori realtà gelate di Roma, inserendo Millenium (mah…) e il pluriplastificato Grom è per me abbastanza grave…. Fassi, poi, lo amo in quanto istituzione, ma il gelato, onestamente, non è più quello di qualche anno fa.

  4. Nicoletta Staccioli
    agosto 02, 17:15 Reply

    Aggiungerei una vera new entry LA Gourmandise, in via cavallotti 36. In angolo poco trafficato di Monteverde vecchio, Dario sperimenta… arance sanguinella all'olio d'oliva, ciliegia e mandorla amara, persca giallona al prosecco. Inoltre, classici come nocciola e pistacchio … speciali!

  5. kralizex@hotmail.it
    agosto 02, 18:12 Reply

    Una lista che ignora I mannari a Via di Grottaperfetta e Mela e Cannella a Via Oderisi da Gubbio, inserendone invece una assolutamente sopravvalutata come Millenium, non può ritenersi all'altezza delle altre liste offerte da Puntarella Rossa!

  6. Dida
    agosto 02, 18:34 Reply

    Intanto grazie a tutti per l'attenzione e la vivacità.
    Siamo solo all'inizio, le lacune verranno progressivamente colmate. Sapevo che sarei stata subito bacchettata per l'assenza della Fata e di Greed così come di altre gelaterie che mancano all'appello (non ho le spalle ampie fisicamente ma metaforicamente sono preparata). Nessuno ha ancora citato la Gelateria del Pigneto o, al Tuscolano, anche Gelatario (quest'ultima di cui mi dicono molto bene ma che non sono ancora riuscita a provare). Ci sarebbe Fiordiluna a Trastevere che ancora per me è un punto interrogativo. E vedo che nessuno si è indignato per San Crispino. Insomma ne abbiamo di cui parlare e discutere, anche animatamente.
    Quella che avete letto è una prima rassegna di segnalazioni (non recensioni, proveremo a entrare nel dettaglio, a citare anche i "malus" com'è consuetudine di puntarella e, magari, anche a parlare dei guru del gelato romano per rispondere a Fabrizio). Una rassegna che tiene conto di "categorie" e "campionati" diversi come vorrebbero indicare i titoli che abbiamo messo in testa e l'aver specificato la distinzione tra gelaterie naturali e artigianali.
    Insomma anche per le gelaterie ci sono i "ristoranti" e ci sono le "trattorie", c'è chi fa haute cuisine e chi cucina casareccia, andare dall'uno non ci impedisce di mangiare nell'altro, sapendo a cosa si va incontro.  Così come si può tener conto della cortesia, della passione, della varietà ma anche (perché no?) della gradevolezza e dell'ospitalità dell'ambiente.
    Avendo una particolare dedizione per i sorbetti, mi farebbe piacere avere un vostro riscontro nei prossimi post soprattutto per le creme.
    Ci incontriamo in gelateria.

  7. Daniele Frongia
    agosto 03, 08:46 Reply

    Dida, intando complimenti per il geniale nome della tua rubrica. E per la rubrica stessa. San Crispino (http://www.ilgelatodisancrispino.it/) a mio avviso è uno dei migliori.  Tra le gelaterie non da medaglia d'oro ma pur sempre meritevole, segnalo quella della mia famiglia, in via del Panico, 33, vicino Castel S. Angelo: perfetto per turisti in cerca di un riparo dal sole d'agosto, anabolizzante sopra il mondo.

    • Alberto
      agosto 03, 18:49 Reply

      Io penso che l'assenza di San Crispino sia invece indice di serità, visto che dopo i tronfi inizi a san giovanni è scivolato su masse gelate dalla consistenza indicibile e dal "gusto unico per tutti i gusti": sa di cosa fredda e basta… per non parlare poi dei prezzi, imbarazzanti…

  8. Maurizio La Rocca
    agosto 03, 10:20 Reply

    Ciao Maddalena, bell'articolo, lista non esaustiva, come dicevi, ma pur sempre dei buoni riferimenti. Sarebbe interessante fare qualche escursione insieme…
    Un altra da aggiungere alla lista: Gelateria del teatro (via dei Coronari), però non vado dall'anno scorso, quindi non posso garantire.
    Fiordiluna te lo consiglio (pinolo, pistacchio e nocciola ottimi)
    Per finire, una curiosità (magari interessante solo per una stroncatura), la nuova "Gelati e mozzarelle" a viale Marconi: io ed Enrico De Ruvo (del blog Lefrancbuveur) qualche sera fa ci siamo passati con l'intenzione di provarla ma, alla vista di vasche strabordanti (anche ben oltre i livelli di Blu Ice) e di colori "al neon" non ne abbiamo avuto il coraggio, dirottando su Torcè al Torrino (P.S. le gelaterie di Claudio hanno tutte la stessa qualità perché, che io sappia, il gelato è fatto in un solo laboratorio)
    Ti saluto… con freddezza! :-)))

  9. Fabrizio Giorgi
    agosto 03, 11:26 Reply

    @dida vista la tua propensione, una lista separata per i sorbetti?

  10. Dida
    agosto 03, 12:07 Reply

    Il merito del titolo non è mio, vi potete riconoscere una zampata di puntarella, quando si dice la classe.
    Sì, tutte le gelaterie di Torcé hanno lo stesso gelato ma secondo voi il sapore non cambia da posto a posto? Io lo attribuisco ingenuamente al legame che si crea con un luogo piuttosto che un altro. A me sembra più buono a Viale Aventino perché ho una predilezione per loro. La gelateria è più piccola della Laurentina o di Monte d'oro, c'è meno varietà, ma mi sembra che anche in così poco spazio c'è una propensione all'ospitalità e alla gentilezza che forse mi fa sembrare lo stesso gelato più buono.
    Alla Gelateria del Teatro è un po' che non vado anche io, avevo intenzione di metterla in lista se siete d'accordo. Quando l'ho scoperta la prima volta in un freddo inverno (il periodo più triste dell'anno, diciamocelo), ho avuto un moto di entusiasmo visto che la situazione intorno a piazza navona non è delle più rosee, ma poi non ho trovato niente di così esaltante da farmi ripassare appositamente di là. Devo approfondire.
    Per i sorbetti, siete d'accordo che uno dei più difficili è proprio la banalissima fragola? Con gusti intensi come il lampone e l'albicocca bisogna essere proprio somari per sbagliare, ma la fragola… è un equilibrio delicato di zuccheri, leggera acidità e saporosità (pare proprio che la parola esista e, guarda caso, una delle traduzioni inglesi è fruitiness), molto condizionato dal sapore del frutto che non è sempre lo stesso soprattutto se è fresco.

    Scusate, ora scappo a mangiare un gelato!

  11. Dida
    agosto 03, 12:09 Reply

    Preciso prima che mi mangiate! In lista, nel senso di prenderla in esame!

  12. alessia
    agosto 03, 13:11 Reply

    Nella categoria "Top Periferia" o "Top gelateria di quartiere" io aggiungere Mela e Cannella in via oderisi da gubbio (zona marconi), gelato davvero buono e naturale; oppure la gelateria da Tony sulla gianicolense, un'istituzione da quando ero piccola; nella categoria "Top Quality" metterei sicuramente la Gelateria del Teatro in zona centro (via dei coronari), gelato artigianale davvero buono, molto più buono di quello in via dei gracchi (anche qui gelato purtroppo da nouvelle cousine). Nella sezione "Top Catene" aggiungerei anche la gelateria Ciuri Ciuri a S. Eustacchio (largo del teatro valle), un pistacchio di bronte fenomale! ;)
    Invece sono molto delusa de "Il Gelato", come gusto non amo il cioccolato quindi la mia scelta non è ricaduta sui diversi gusti e tipi di cioccolato che offre, ma mi sono orientata sulle classiche creme come nocciola e pistacchio…beh alla fine mi è rimasto l'amaro in bocca… sia per il gusto che per la "grandezza", odio il gelato a pallette! 

  13. francesco
    agosto 03, 15:33 Reply

    Oltre a Mela e Cannella, buonissimo, tra le Top di Quartiere/Periferia, segnalo Il Pinguino di Via Silvestri, zona Bravetta. Punta molto sulla naturalezza dei sapori, come Mela e Cannella, e specialmente i gusti alla frutta sono di altissima qualità.

  14. gabriele
    agosto 04, 08:22 Reply

    Una citazione la merita anche la Cremeria Aurelia, vicino Piazza Irnerio, se non altro per i gusti non banali. Volevo però aggiungere un elemento di discussione, che riguarda i prezzi: visto che a Roma non si paga a numero di gusti o a "pallette (salvo qualche eccezione), l'unico parametro serio di confronto secondo me è il prezzo a peso. Due esempi: Gori Gelato sta a 18 euro al kg., Gelateria dei Gracchi ora è a 22 euro al kg. Mi piacerebbe leggere anche degli altri … e comunque quando mangi la carbonara in trattoria o al ristorante, è più importante quanto è buona o quanto è pieno il piatto, in rapporto al prezzo ?

    • tavoleromane
      agosto 05, 14:21 Reply

      Discussione interessante quella sui prezzi del gelato, anche perchè – con le dovute differenze – non tenerne conto sarebbe come paragonare il ristorante stellato con la trattoria.
      La variabilità di prezzo del gelato a Roma è notevole: sui 17-18e si trovano gelati naturali di ottimo livello (Gori, Torcè, Vice, Mela e Cannella, I Mannari giusto per fare qualche nome) ma si arriva ai 25e della Gelateria del Teatro e di Neve di latte (che arriva a 50e per una ristretta selezione in degustazione!).
      Complimenti a Dida per questa rubrica e aspettiamo con curiosità l'elenco dei sorbetti ;)

  15. Maurizio La Rocca
    agosto 04, 08:25 Reply

    @Dida: concordo sulla fragola (anche se non sono amante dei gusti alla frutta): solitamente eccedono di glucosio
    @Alessia: d'accordissimo su Mela e Cannella. Della gelateria da Tony, di cui anche io ho ricordi ancestrali e dalla quale manco da innumerevoli anni, mi dicono diverse da tempo che quella sulla gianicolense non sarebbe "l'originale" (che invece dovrebbe essere questa http://www.gelateriatonyroma.com/dove-siamo, che non ho mai provato).

  16. gabriele
    agosto 05, 07:43 Reply

    Ieri, trovandomi in zona, ho voluto provare questa Millennium "Top di quartiere": forse mezzo gradino al di sopra di una qualsiasi banale gelateria artigianale, ma ASSOLUTAMENTE non al TOP. Prezzo al kg., 15 euro.

  17. gabriele
    agosto 13, 18:21 Reply

    Strade semideserte a Roma: ne approfitto per provare la Top Tradizione FASSI: folla di turisti entusiasti di poter mangiare una coppa di gelato gigante a 3 euro e poi sorseggiare un bel cappuccino caldo. Lasciamola a loro … gelato con frutta congelata o sciroppata come ingrediente e anche qualche colorante (leggere la lista ingredienti sulla destra del bancone), gusto appiattito, ma a 12 euro al kg è difficile pretendere di più !

  18. federico
    agosto 14, 16:59 Reply

    studio all'università di roma 3 e volevo segnalare la gelateria mister ice in via efeso 45. Secondo me anche se è in una via un pò nascosta se fosse in una delle vie importanti della capitale sicuramente sarebbe nelle top ten di roma.

  19. Daniele Frongia
    agosto 17, 09:11 Reply

    Scusate devo rettificare quanto scritto prima: con l'introduzione di gelati senza additivi e completamente naturali, la gelateria DEGLI ARTISTI (VIA DEL PANICO, di fronte Castel S. Angelo) è davvero tra le top! Provare per credere, si dice in questi casi. Ciao!

  20. Stefania Cerutti
    agosto 22, 15:11 Reply

    La GELATERIA degli ARTISTI, per me, e non soltanto per me, è da Medaglia d'Oro!!!
    IL Gelato è di Qualità extra ed è difficile da dimenticare!! Io adoro specialmente il Mango della qualità "Alphonso" dell'India, La Cannella di Ceylon e il Cioccolato di Modica presenti in gelateria. 
    La garanzia che poi offre questa Gelateria è, (specialmente per persone come me che tengono alla salute) è che c'è l'assenza assoluta di additivi chimici, conservanti e coloranti! E questo non è affatto poco…cioè si differenzia totalmente dalle "Gelaterie" che usano additivi chimici, purtroppo  troppo presenti…
    Una nota anche sull'accoglienza: Semplicemente amabile e cordiale, si incontrano anche molti personaggi del mondo dello spettacolo, dello sport e sopratutto dellArte che io adoro! All'interno vi è una bellissima mostra permanete di quadri!!!!!!!!
    Per me è un luogo piacevole e dove andrò anche d'inverno a degustare dell'ottima cioccolata calda con dolci artigianali!!! 

  21. Veronica Vasari
    agosto 22, 16:37 Reply

    Nella Gelateria degli ARTISTI – in via Di Panico 33 a Roma , non soltanto c'è un gelato semplicemente sublime ma ho finalmente gustato anche la granita di Limone di Sorrento, preparata davanti a me!!!   Finalmente!!! avevo sempre desiderato gustarne una vera e non quella di estratti chimici utilizzati nelle altre gelaterie!
    La Gelateria è situata poi in un posto prestigioso, tra i luoghi più belli di Roma, tra Ponte di Castel S.Angelo, Via dei Coronari e vicino a Piazza Navona, frequentato da una clientela internazionale e amante dell'Arte! E' un luogo dove è ancora possibile incontrare persone interessanti!!!

    • Puntarella Rossa
      agosto 22, 17:30 Reply

      due commenti di seguito, sulla gelateria degli ARTISTI, con decine di punti esclamativi. Così, che si sappia la forte perplessità.

  22. Francesco
    agosto 29, 10:39 Reply

    Qualche sera fa un'amica mi ha portato a mangiare il gelato da "Gelati e Mozzarella" già citato nei commenti da Maurizio La Rocca (a cui tra l'altro consiglio di trovare il "coraggio" di andarlo a provare) e devo dire che è veramente delizioso. Da allora sono andato altre tre volte e devo dire che per me è già diventato un punto di riferimento per il gelato qui a Roma.
    Francesco

  23. Giovanni
    agosto 31, 08:16 Reply

    Ciao Dida, complimenti per il pregevole lavoro di "scrematura" (è la parola giusta …) tra le gelaterie vere e quelle false. Non sono romano e vivo da poco qui, molte gelaterie non le conosco ma le proverò. Ti confermo invece la personale preferenza per il Gelatario di Via Tuscolana: da provare sia per i gusti di crema (tutti i classici, ma anche "creazioni" come il Biscotto di Roma o la Ricotta Stregata) sia per quelli di frutta (sensazionale, quando c'e, la Pera e l'Arancio) . Ha inoltre diversi sorbetti,, ma quelli non li ho provati perchè preferisco il gelato. Vai perchè sono curioso di conoscere il giudizio di un "palato" esperto come il tuo. Saluti. Giovanni

  24. Cinzia Cardamone
    agosto 31, 11:13 Reply

    Sono una folle amante del gelato sin da piccola ma in assoluto il miglior gelato che abbia mai mangiato si trova alla CREMERIA AURELIA vicino piazza Irnerio….percorro mezza Roma per mangiarlo…. ha dei gusti originali, mai banali, sempre di stagione con la frutta freschissima, senza additivi, coloranti "gonfianti" e cose varie…solo ingredienti di qualità…merita una menzionela VANIGLIA DEL MADAGASCAR, MANDORLE CIOCCOLATO E CANNELLA, LA DELIZIA DI SALVATORE, IL DATTERO, IL FICO, LA LAVANDA e il buonissimo  GORGONZOLA!!!!! Da provare…poi mi saprete dire!!!!

  25. Dida
    settembre 03, 06:49 Reply

    Leggo tutti i post con attenzione, ma non sono ancora stanziale a Roma per un po'. Non vi dico la crisi di astinenza della vacanza nelle Fiandre e in Normandia, stavo per cedere al primo Haagen Dazs che avessi incontrato…

  26. Gabriele
    settembre 07, 14:44 Reply

    Concordo con Nicoletta Staccioli: un sabato pomeriggio di fine agosto ho provato finalmente LA GOURMANDISE. In un colpo solo mi sono fatto due coppette ed ho portato a casa due vaschette (250 e 600 gr.). Il gelato qui è molto delicato e tenue e, secondo me, andrebbe assaggiato un gusto per volta, per dar modo alle essenze di venir fuori. Ho provato uva fragola (buona) in abbinamento con pistacchio, melone al profumo di gelsomino (delicatissimo, forse il melone non molto profumato),  ricotta con arancio e menta (ottima), fichi (buoni, anche se personalmente ho preferito quelli de I GRACCHI). Prezzi in media per una buona gelateria a Roma (20,0 €/kg). Attenzione, chiude alle 22:00.

  27. Valeria
    novembre 07, 17:16 Reply

    Comment
    Assolutamente :
    Il Gelatario
    Tony

  28. vittoria
    novembre 28, 21:38 Reply

    all'appello mancano due imperdibili: GELARMONY – via Marcantonio Colonna (soprattutto per la varietà di gelato alla soia..) e il TOP DEL TOP OLD BRIDGE   a piazza Risorgimento (l'unico per cui valga la pena fare la fila….). Provate yogurt e cocco e nutella!!

  29. patrizia
    novembre 30, 11:02 Reply

    Comment   per me MELA  E CANELLA   per la periferia
    e GROM  per il  centro  non li  batte  nessuno

  30. Giancarlo
    febbraio 01, 10:50 Reply

    Vedrei bene anche "PETRINI ALL'ALBERONE" Zabaione e Torroncino imbattibili, cioccolato (eccellente quello all'arancia) ovviamente fondente.

  31. Irene
    febbraio 09, 21:24 Reply

    Che bella questa rubrica! Complimenti!
    Volevo segnalarti – mi sembra che non siano state citate leggendo velocemente i post, ma potrei sbagliarmi –  la gelateria Bartocci in via Alessandria, gusti molto fantasiosi e originali, forse non proprio naturali. L'altra sede della gelateria dei Gracchi in via Regina Margherita, che a me pare all'altezza della sede storica, l'ottima Fata Morgana, dietro il parco Nemorense, gelato supernaturale, e una piccola gelateria in via Tiburtina a San Lorenzo di cui ora non ricordo il nome e dove fanno un gelato al cioccolato fondente eccezionale, perché sembra che si riforniscano direttamente dalla cioccolateria che si trova alle loro spalle.

  32. Irene
    febbraio 09, 21:41 Reply

    Ah, e lo zabaione di Giolitti a Testaccio, l'unico Giolitti rimasto autentico, tra l'altro. E' assolutamente da provare, una specie di semifreddo, lo tengono nascosto, non è esposto tra gli altri gusti (che non sono altrettanto buoni), bisogna chiederlo espressamente.

  33. stefano
    febbraio 18, 19:45 Reply

    Il gelato di Carletto è tra i migliori mai mangiati, per la bontà e originalità dei gusti, vedi croccante all' amarena, fave e pecorino(aimè solo a maggio) ma anche i per  gusti classici la nocciola, la noce,etc e la frutta che hanno il sapore del prodotto fresco, difficile mangiarne uno soltanto e il bello è che puoi farlo perchè non appesantisce per niente, insomma è molto digeribile, per non parlare dei cremolati. La gelateria da Carletto al Borghetto è poi in un posto delizioso, al borghetto dei pescatori, a Ostia via dei pescatori di fronte al canale dei pescatori, con le barche ormeggiate e il banchetto che vende le telline, insomma merita il gelato e pure la location…..è aperto anche di inverno ma meglio dare un occhiata su facebook

  34. raf
    febbraio 21, 10:05 Reply

    tra le migliori gelaterie di Roma con Gusti naturali io aggiungerei I CARUSO (VIA GADAMES -QUART AFRICANO , a via COLLINA e nei pressi di viA XX settembre)  anche se devo dire che è molto più caro della media (prezzi da 2.25 ma è mooolto misera la porzione) e le porzioni (perfinoq uella grande) sono molto più scarse.
    per il resto gelato ai pistacchi di bronte buonissimo come quello che ho mangiato proprio in sicilia!

  35. Celine
    marzo 12, 15:56 Reply

    Ai Gracchi hanno aumento il prezzo, ma non le porzioni :-)

    C

    p.s.: sarò tirchio, ma per me 2,50 euro per un gelatino mi pare un po' troppo…

  36. raf
    marzo 28, 12:22 Reply

    ho scritto già un commento su I CARUSO. Adesso scrivo per dire che ho provato tutte le gelateri edella vs lista e sono rimasta a dir poco delusa. Alcune non sono solo scarse nel saper fare il gelato ma direi proprio PESSIME. Tra queste GORI a montesacro (il gelato non mi piace per nulla…i gusti hanno tutti lo stesso sapore) e l'altro che merita di chiudere è GROM ..altro gelato pessimo che per di più mi ha fatto venire anche mal di pancia. Mi chiedo ma chi ha scritto la recensione ha mai assaggiato un buon gelato? non dico il TOP DEI TOP (che per me a Roma restano I CARUSO) ma un gelato decente e degno di questo nome. Basta fare una piccola vacanza in sicilia e capire cos'è il vero gelato. Quelli della vs lista per me sono solo mediocri (molti venduti come naturali ma pieni di additivi e di gusti che di naturale non hanno nulla). Aggiornatela, modificatela o cassatela :)

  37. Name*mandorlato
    maggio 14, 15:47 Reply

    Comment
    Purtroppo non ho fatto ancora il giro di tutte le gelaterie segnalate sul vostro sito, tuttavia di recente mi è capitato di provare il negozio di GROM dietro piazza Navona: la granita siciliana alle mandorle che ho avuto modo di provare era davvero imbarazzante, tanto che l’ho gettata nel cestino dopo sole tre cucchiaiate. E pensare che gli anni passati, prima dello sbarco a Roma della catena, avevo provato le loro granite sia a Milano che a Torino ed erano risultate entrambe buone. Il grande successo avrà fatto scadere così tanto la qualità? Oppure il problema sarà relativo solo alle sedi romane?

  38. Mokita
    maggio 25, 15:05 Reply

    Ciao,
    non ho letto tutti i comment, ma segnalo una buonissima gelateria (aperta soltanto da qualch mese) è Rivareno in via Magna Grecia.
    Lo stile è quello di Grom, le creme sono buonissime, soprattutto la gianduia, e gli ingredienti di base molto selezionati.
    Provate e fatemi sapere :)
    ciaoo

  39. lalla
    giugno 07, 10:12 Reply

    Confermo Rivareno e aggiungo "Come il latte" in via Silvio Spaventa (pinciano) aperta da poco, ottimi cioccolato dark e pistacchio e un caramello salato commovente,  servizio gentile e sorridente. Ho visto che fanno anche tiramisù e mignon gelati di bell'aspetto, che proverò.

  40. Parsek
    luglio 01, 07:23 Reply

    Fassi un'istituzione?? Forse fino a quando il gelato lo facevano davvero e non adesso che usano le basi della Elenka!!! Grom??? Hanno coraggio a pubblicizzare il loro "pregiatissimo pistacchio siriano" che costa un terzo di quello nostrano raccolto in Sicilia, e che ovviamente ha tutto un'altro sapore!! Volete davvero provare un gelato naturale fatto come una volta, senza emulsionanti ed altre schifezze? Andate da Sweetissimo ad Ostia, aperto da settembre 2011, in Via A. Bertolini, alle spalle della stazione Lido Centro, e poi mi saprete dire…

  41. Filippo
    luglio 03, 12:17 Reply

    Mi pronuncio solo su Neve di Latte, non può stare con le altre perchè di qualità NETTAMENTE superiore. Ermanno Di Pomponio è l'UNICO che NON utilizza addensanti (nell'articolo si parla del "maestro", il proprietario di Gelateria dei Gracchi che usa farina di semi di guar e di carrube…addensanti…). Io quando mangio il gelato non voglio che sia "tagliato" da qualcosa che non siano ingredienti NECESSARI per per fare il gelato stesso. Per questo Neve di Latte è la mia gelateria preferita. E obiettivamente anche la più buona. Ricordo che usa cioccolata Amedei…e uova di Parisi…tra le altre cose. 

  42. Alberto
    luglio 04, 13:27 Reply

    E giggetto er paraculo no? O pantalone er maestro der bidone? Mastri gelatai da decenni che non vengono citati. Gravissima lacuna.

  43. Giuliano
    luglio 09, 21:16 Reply

    Ottima la gelateria VICE. Oltre a proporre gusti originali e gustosi, fatti con ingredienti di tutto rispetto, collabora con http://www.deliverex.it che ti porta il loro gelato a casa, ordinandolo sul sito o telefonicamento! Buono e comodo..consigliatissimo!

  44. Cris
    luglio 15, 19:03 Reply

    Gelateria Lubrano a Via Renzo Rossi (Tiburtina) e dimenticherete tutte le altre gelaterie al mondo.
    Le creme soprattutto sono eccezionali al gusto e della cremosita’ giusta.
    L’unica cosa negativa e’ che genera dipendenza.
    Credetemi, non ce n’e’ per nessuno

  45. Micheledit
    luglio 16, 12:19 Reply

    Dopo averne provati tanti, Conte D'Oro per me è la migliore! Via Conca d'Oro, 343 a Montesacro…Ci vado partendo dall'Ardeatina… e ho detto tutto…

  46. biancolatte
    luglio 22, 13:48 Reply

    nonostante non abbia una gelateria a cestelli, Di Pomponio  nella gelateria NEVE di LATTE, è un passionario del gelato ed il suo prodotto è solo eccellente.
    non è  gelato pastoso e grasso. i gusti sono netti, pieni ma non aggressivi. si stacca dal palato e non gratta. appaga, nutre e non asseta se non il giusto 
    niente additivi ed addensanti.  le materie prime utilizzate, selezionate tra le migliori e freschissime, non solo ne giustificano il prezzo, che peraltro io trovo allineato con la media, ma conoscendole, sono convinta ne limitino anche i ricavi d'impresa
    la scelta dell'arredo del negozio, anticonvenzionale per una gelateria, accogliente, caldo a contrasto e conviviale con il grande tavolo interno, è coerente allo stile del gelatiere.
    vale la pena attraversare Roma, percorrere tutti i lungotevere trafficatri per un gelato. anche a costo di trovare chiuso per turno di riposo, il martedì, o per orario, le 23, come è capitato più volte  a me

  47. Mariangela
    luglio 22, 20:58 Reply

    Assolutamente nella top IL SETTIMO GELO
    Via Vodice, Prati.
    Buonissimo. Personale gentile e accoglienza familiare. Gelati fatti solo con frutta di stagione. Ci ho svezzato mia figlia…
    A mio malincuore però devo dire che quello di via degli Scipioni è (se possibile) ancora più buono

  48. Golosone
    agosto 03, 12:07 Reply

    Provato Sweetissimo ad Ostia….davvero eccellente!! Gelato naturale senza alcun tipo di emulsionante, tutti senza glutine e tutti i gusti alla frutta senza glutine nè lattosio.
    Cosa bellissima poi, ti invitano su prenotazione a visitare il laboratorio e a fare assieme a loro il gelato, con degustazione finale….tutto gratuitamente.
    Finalmente c'è la possibilità di capire davvero come si fa un gelato artigianale di qualità, vedendolo dal vivo e non solo leggendo articoli in proposito!! E' un'esperienza che consiglio a tutti. Ciao!!

  49. Roberto
    agosto 03, 20:30 Reply

    Non credo che la meringa alla nocciola dolce gentile di San Crispino abbia concorrenti!!! e' semplicemente sublime. Possiamo discutere su prezzi e stile, ma la qualita' e' decisamente da top ten

  50. Chiara Pazienti
    agosto 11, 22:02 Reply

    Vorrei vivamente raccomandare una gelateria aperta non da molto  a Via Salaria, quasi all'angolo di Viale Regina Margherita. Si chiama  Gelato d'autore, è piccola, con non molti gusti, ma di una qualità eccezionale. La crema, denominata "come una volta", per esempio, è di una bontà commovente. Io sono particolarmente affezionata al gelato di maracuja al basilico. Quando riapre dopo il 20 agosto vi consiglio di andarci!

  51. Alice
    agosto 31, 15:09 Reply

    Comment
    Premesso che mi piacciono i gelati "naturali" e non gonfiati grassi idrogenati ed estratti al sapore di chewingum dai colori improbabili stile Blue Ice…vi dico che ho scoperto una gelateria in periferia (zona Prati Fiscali, Val Melaina), veramente speciale: NICOGELO.
    Non si fa molta pubblicità, credo sia conosciuta dagli abitanti della zona, è piccolina e proprio all'incrocio tra via di Val Melaina e via Monte Cervialto (per me fuori mano) ma vale la pena provarla. Ho cenato praticamente lì assaggiando un cioccolato fondente 70%molto intenso e cremoso (a base latte), ottimi zabaione pistacchio e mandorla (non tostata), pera ricotta e noci (sublime) qualche gusto alla frutta (senza latte) e dei superlativi mandorla e liquirizia. Un'altra volta ho assaggiato "Nocciotella" che è una nocciola variegata alla gianduia…commovente!
    Ho fatto un po' di domande al proprietario che mi parso molto enutusiasta di "raccontare" il suo lavoro: non usa basi pronte, nè conservanti o coloranti (infatti il suo pistacchio è marrone) solo frutta fresca di stagione, latte e panna di qualità e una ricotta biologica DOP.  Il prezzo è 18 € al kg e i coni partono da 2. Mi sono stupita che non sia conosciuto o citato, forse perchè è così fuori mano?!…

  52. Stivo
    ottobre 02, 16:37 Reply

    Neve di Latte al Flaminio oramai si è consolidato quale punto di riferimento della gelateria artigianale romana. La selezione sarà pur ristretta e condizionata dai materiali di stagione, ma proprio per questo si conferma la qualità e la serietà del prodotto e di chi lo produce.

  53. Emiliano
    ottobre 03, 17:08 Reply

    Per la periferia aggiungerei Strawberry fields Via Tor de Schiavi 287/a, gelato naturale solo con frutta di stagione e un "cioccolato puro" fatto senza latte con sola massa di cacao….:-P
    Il locale è minimo ma la qualità….
    http://www.gelatodessai.it/

  54. Giusi
    novembre 11, 16:49 Reply

    Come molti di voi è inutile dire che il gelato crea dipendenza: Grom è imbarazzante vista la pubblicità ed io segnalo Vice via Gregorio VII un atto ottimo il suo cioccolato fondente

  55. francesca
    febbraio 08, 14:54 Reply

    io aggiungerei stragelato a S.Lorenzo, in via tiburtina

  56. Alfredo
    giugno 08, 07:15 Reply

    ci sono passato per caso, ho visto la gente di fuori e mi sono messo in fila…Strawberry Fields in Via di Tor de schiavi 287, un gelato così non lo assaggiavo da lungo tempo. Tutti i gusti alla frutta sono senza latte, il primo cono l'ho preso Pistacchio e Pera-Ricotta e scaglie di cioccolato, il secondo una coppetta con Pera & cannella e MEla al Calvados. semplicemente deliziosi

  57. Adele
    giugno 24, 15:30 Reply

    Secondo me, il gelato di GROM è imbarazzante, non si sa proprio che farci.

  58. Giulia
    luglio 13, 17:29 Reply

    E se vi chiedessi un consiglio su dove mangiare,seduti al tavolo,una buona coppa di gelato,di quelle con granella o piccole meringhe,panna e topping? Dopo tanti ottimi coni mangiati in piedi,avrei volgia di cambiare! Ne conosco una a Tarquinia,ma è un po' lontana per il sabato sera!! :-) Grazie

  59. Max
    settembre 13, 07:48 Reply

    Vorrei segnalare OTALEG in via dei Colli Portuensi…. Avrei piacere a dei riscontri…

Leave a Reply