Sardò a Milano, Sardinian streetfood a base di mustela e pane carasau

Sardò a Milano, Sardinian streetfood a base di mustela e pane carasau

di Luca Fazzo

sardò pizza

Sardò, Sardinian street food a Milano. L'idea si narra che nacque guardando la libidine con cui i medici di una convention in Sardegna si lanciavano sul buffet, popolato esclusivamente di prodotti della gastronomia locale. E poiché l'assalto al rinfresco è in fondo una forma di street food (nessuno è più esperto di un giornalista nel manovrare contemporaneamente piatti e bicchieri stando all'inpiedi) lo sbocco naturale dell'idea è stato questo Sardò, Sardinian street food, affacciato nel cuore più arido della Milano del business e del turismo.

sardò

Largo Augusto, all'angolo con via Verziere: perché qualche secolo fa qui c'era l'Ortomercato di Milano. Sardò ha aperto alla fine del 2014, senza tanto chiasso. I metri quadri si contano sulle dita di una mano, non ci sono sedie, il piano di appoggio è minuscolo: ma si può ordinare già dalla strada, attraverso il varco nella vetrina. E se le guide turistiche che trascinano per Milano plotoni di turisti avessero un cuore, un passaggio qui davanti diventerebbe una tappa obbligata. Certo, bisognerebbe fare uno sforzo, e tradurre ai turisti parole inconsueta anche per un italiano: armidda, casizolu. Ma varebbe la pena.

colazione sardò

Ingredienti rigorosamente sardi, ovviamente: dalla mustela alla salsiccia al tonno di Carloforte. Ma accoppiati, senza indulgere a facili exploit creativi, in modo non scontato. La mustela con la marmellata di corbezzolo, ad esempio. Il vero nodo che quelli di Sardò hanno dovuto sciogliere è stato: quale pane scegliere? Hanno girato tutta Milano, hanno convocato un expert panel, hanno assaggiato di tutto. Fin quando non sono approdati alla soluzione più ovvia: pane carasau, versione tenera, per i "carasini" in tutte le loro declinazioni. Uno su tutti, per noi: il Sarule, con crudo di Sardega stagionato 24 mesi e crema di pecorino "su mezusu".

aperitivo

E poi dolci classici, come formaggelle e carpineddas, accanto a aperitivi innovativi come la Caipiredda e lo spriz al mirto. Prezzi ragionevoli. A maggio, a ridosso dell'Expo, Sardò si allargherà, conquistando due vetrine di una banca abbandonata: e già questa trasformazione la dice lunga, e bene, sulla strada che sembra imboccare il centro di Milano. Ma giurano che non perderanno l'anima da street food, e che non diventeranno un qualunque ristorante sardo. Li aspettiamo alla prova.

Sardò, via Verziere 1, Milano. Tel. 02.36638630. Aperto dalle 7,30 alle 18; il sabato dalle 9,30 alle 18. Chiuso la domenica. Sito

Autore

Potrebbe interessarti anche

Burgez Milano Porta Venezia, il fast food raddoppia con un nuovo locale in primavera

Burgez Milano Porta Venezia. Burgez, uno dei migliori hamburger di Milano, raddoppia: dalla primavera oltre al locale in via Savona arriva un nuovo fast food, questa volta in zona Porta Venezia, per la …

Pourquoi pas Milano, vera tartare francese e Croque Monsieur come à Paris in corso Garibaldi

Pourquoi pas Milano. Brasserie Café Restaurant. Tel. 02 8053160. In una Milano che sta riscoprendo la nouvelle cuisine e la pasticceria francese (come la recente apertura di L’Éclair de Génie), ha aperto in corso Garibaldi …

Lume Milano, da W37 il nuovo ristorante dello chef stellato Luigi Taglienti

Lume Milano. Bianco e pieno di luce, così si presenta il nuovo ristorante che ha aperto all’interno del complesso W37, in via Watt 37. Dove un tempo sorgeva l’ex fabbrica Richard …