Milano, lode all’Aromando Bistrot

Milano, lode all’Aromando Bistrot

Milano, via Moscati 13. Alla fine di una splendida cena all'Aromando Bistrot, ci sbrachiamo nei divani del salottino, guardandoci intorno. Siamo in una grande sala che sembra una curatissima cucina degli anni '50, con i mobili in formica, seggioline verde acqua, tre grandi palle incandescenti a far lampadari, un arazzo retrò che raffigura la pasticceria Molina che produceva panettoni, quadri di Pollon, una tastiera Elka (elettronica di Kastelfidardo) del '72, di quelle che usavano i Supertramp e Jean Michel Jarre. Da una vecchia radio-giradischi escono le note rassicuranti e antiche di Vuelvo al sur (come se vuelve siempre a l'amor). Ragazzi, che pace. Era tempo che non si stava così bene.

L'Aromando bistrot deve il nome non a un discutibile gioco di parole, ma al cognome della madre di Cristina, che con il marito Savio Bina (sommelier) ha aperto il locale da pochi mesi. Pare che abbia scelto di chiamarlo così studiando il nemico, ovvero la Monsanto, cognome da nubile della moglie del fondatore. Nemico perché da Aromando vige la legge del biologico.

Una vista dall'alto, soffusa, causa foto rubata come di consueto: ma dà l'idea dell'atmosfera.

Un oggetto curioso, piccola attenzione per signore: la seggiolina per appoggiare la borsa

Il menu te lo danno dentro i bellissimi "Jolly della buona cucina" dei Fratelli Fabbri Editore. Roba vintage, con gli anelli

Che poi uno, spulciando dentro "I menu economici", ci trova ricette come queste: "Arrosto morto di vitello". Morto? Vuoi che muoro?

Biologico, si diceva. La cucina di Cristina è casalinga e raffinata. In menu ci sono piatti con prodotti poco convenzionali, spesso non conosciuti. Alzi la mano chi sa cos'è la salicornia (erbetta dal gusto salino). Oppure il seiras (questo è più facile, ricotta piemontese). Comunque, a mo' di esempio vi citiamo il baccalà mantecato con polenta e cipolle dolci (15 euro), la crema di zucca al lemon grass e moscardini (12), i tajarin con tartufo nero (18).

Ed ecco la carne cruda a cubi, con pomodori di Paglione (azienda biologica pugliese) e olive taggiasche (10 euro). La carne è ottima chianina a 40 mesi

Tra un piatto e l'altro (in tavola viene servito anche un piattino con burro, una bottiglia di ottimo olio d'oliva e sale grosso) diamo un'occhiata al bel bancone con la grande lavagna d'ardesia. In lista ci sono ottimi vini naturali, dalla Stoppa a Rinaldi. Noi abbiamo preso un Pignatello del siciliano Barraco che, come spiegava il sommelier, è un vino non facile.  Colore rosso rubino, tannico, retrogusto di mirtillo: ottimo.

L'arazzo di cui si parlava, con la tastiera. La scala porta a una sala superiore, con qualche tavolo ancora e la cucina. Da segnalare il pranzo della domenica, che sembra venuto giù dal libro dei ricordi: cappelletti in brodo serviti in zuppiera, gallina e cappone lessi con le mostarde e le salse, torta sbrisolona.

I voti di Puntarella

Cucina: 7+

Ambiente: 8

Servizio: 7,5

Bonus: il salottino post desinare, i vini naturali

Malus: parcheggio difficile da trovare (ma ce n'è uno a pagamento)

Children friendly: giochi educativi, puzzle, libri da colorare

Aromando Bistrot, via Pietro Moscati 13, Milano. Tel 0236744172

Autore

Potrebbe interessarti anche

Eventi 0 Commenti

Eventi Roma dicembre 2016: Il Tiglio ospite del Tino, nel weekend torna Birre sotto l’albero

Eventi Roma dicembre 2016 (da lunedì 12 a domenica 18). Una cena di solidarietà a favore de Il Tiglio da Il Tino, un’altra in favore della Croce Rossa da Magazzino …

News 0 Commenti

#topInstagram, i migliori #food della settimana. Hello Kitty e i piatti kawaii

  Le migliori instagram di cibo kawaii. Si può tradurre con "tenero" o "carino", anche se il termine più efficace è sicuramente "puccioso". Parliamo del kawaii, l'aggettivo giapponese che indica …

Chianti, Ruffino fa ancora Fiasco

Questa bottiglia non è un fiasco. O forse lo è. Dipende dai punti di vista. Se parliamo degli antichi fiaschi toscani, quelli che si ritiene siano stati inventati addirittura Leonardo …