Chef, Giordano lascia Coromandel

Chef, Giordano lascia Coromandel

Non fai neanche in tempo ad abituarti, ad assaggiare qualche piatto, a provare a raccontarlo, a riconoscere la mano e a chiederti che evoluzione avrà, che subito si cambia. Via lo chef, altro giro di giostra. Il valzer dei cuochi a Roma si è fatto vorticoso e l'ultimo esempio è piuttosto clamoroso: Gaia Giordano, la chef di Coromandel, il locale nuovo di zecca inaugurato il 24 luglio, ha abbandonato le cucine, insieme alla brigata del servizio serale. Motivo: "Incompatibilità con la proprietà". Meglio non investigare troppo, e certamente ci saranno ragioni serie per l'avvicendamento improvviso. Ma non è l'unico caso e, anzi, il cambio a metà campionato, se non a inizio, è diventata prassi piuttosto consolidata in città, con proprietari pronti a disfarsi degli chef con una velocità e una continuità degna del miglior Maurizio Zamparini (il presidente del Palermo a settembre ha licenziato il suo 50esimo allenatore) e chef pronti a dileguarsi con la velocità di Willy Il Coyote.

Come racconta anche il numero in edicola del Gambero Rosso, gli spostamenti sono continui. Ne citiamo alcuni: Stefano Preli (da Pastificio San Lorenzo a Le Coq), Mattia Miscia (da Otto e mezzo a Opificio a Ulivi e ora chissà), Dino De Bellis (da Incannucciata a 25 Corso Francia a Salotto Culinario), Massimiliano Sepe (da Roscioli a Salotto Culinario), Davide Cianetti (da Os Club a Aroma di Mare), Marco Milani (ex Macro e ora Laurenzi Consulting), Federico Valicenti (dall'Auditorium a un ristorante bio in via di apertura). Se lo chef mobile, naturalmente, il rischio è che anche il cliente lo diventi e finisca per restare a casa.

Autore

Potrebbe interessarti anche

Supplì a Roma: dal nero di seppia alle fragole, weekend di fritti gourmet da Pastella

Supplì a Roma. Nella storica lista dei migliori supplì della Capitale, si è fatto largo da qualche anno Pastella, la friggitoria gourmet di Montesacro, che questo weekend dedica un appuntamento …

Le ricette di Alessia Vicari 0 Commenti

L’umami, l’udon e il cavolo cinese

Nel 1908 Kikunae Ikeda, chimico giapponese, scoprì il glutammato monosodico e lo ricondusse al sapore umami; ma fu soltanto molti anni dopo, nel 1985, durante il primo congresso internazionale sull’umami, …

Eventi 0 Commenti

Eventi Roma aprile 2016: vini Fiorano da Bistrot 64, ramen nel salotto del Porto Fluviale

Eventi Roma aprile 2016. La cucina d’autore è la protagonista di queste calde serate romane. A partire dal quella dello chef  Antonino Cannavacciuolo, da Eataly Roma (ma solo per presentare il suo …