Prenotare il tavolo, ecco le app

Prenotare il tavolo, ecco le app

© Fatto quotidiano / Puntarella Rossa

TakeASeat – My Table – Goombah

Per quanto gusto e passione per la buona cucina siano elementi antichi e, il più delle volte, legati alle tradizioni, il feeling con il progresso tecnologico è di lunga data. Basta solamente pensare alle interazioni con il web e alla folta community di appassionati che affolla la rete tra blog e forum. L’ultima frontiera di questa interazione riguarda i dispositivi mobili, come smartphone e tablet. La navigazione internet dei propri siti di riferimento non è più un tabù da tempo, ma il presente si chiama anche, e soprattutto, app.

Al di là dei vari portali che hanno creato una versione mobile dei propri servizi (da TripAdvisor a Duespaghi a Trivago) di particolare interesse sono tutti quei nuovi prodotti che offrono qualcosa in più. Non solo confronto delle opinioni, ad esempio, ma anche possibilità di interagire: dalla prenotazione alla lettura del menù, dalla carta dei vini alla scelta del posto. Ecco un piccolo assaggio di alcune delle app “da ristorante” più interessanti.

Fresca di sbarco su App Store è TakeASeat, applicazione gratuita per iPhone che consente di effettuare ricerca e prenotazione del ristorante dal proprio telefono. Si possono visualizzare tutti gli esercizi più vicini alla propria posizione, grazie alla geolocalizzazione, oppure si può impostare una determinata zona. Il segnaposto verde indica i ristoranti che accettano prenotazioni con il software InstantBooking, quello arancione la presenza di particolari offerte o sconti. Il rosso, infine, indica i locali non convenzionati, dei quali si possono comunque conoscere info e contatti. Per prenotare bastano poche semplici operazioni, basta indicare data, ora, numero di posti desiderati ed attendere la conferma da parte del ristoratore. L’applicazione, inoltre, ha una versione per i ristoratori (TakeASeat-R), che permette ai titolari di “aprire” alle prenotazioni via iPhone e di offrire agli utenti sconti e promozioni.

Altrettanto semplice nel suo funzionamento è MyTable, sempre per iPhone. La ricerca, anche qui, può essere settata manualmente o in base alla posizione ed è possibile farsi una lista di preferiti, come se si trattasse di una playlist musicale, consultando ovviamente anche le opinioni degli altri utenti. L’aspetto più interessante – forse – sta proprio qui: le opinioni registrate sono soltanto quelle di chi ha realmente consumato la prenotazione e quindi almeno in teoria libere dal rischio di approssimazione o di mistificazione. Per prenotare basta la compilazione di un form online, senza necessità di ricevere conferma; la disponibilità infatti si verifica in presa diretta. Anche MyTable poi offre la possibilità di accedere a promozioni e pacchetti scontati, anche grazie alla joint-venture con Groupon.

Infine Goombah (sempre gratuita e disponibile anche per Android) oltre a permettere di trovare ristoranti e locali vicini a sé o su una mappa predefinita e di usufruire di offerte, consente di consultare i menù e di scegliere il posto o la sala dove si intende pranzare o cenare. Anche qui c’è la possibilità di inserire la propria opinione, ma solo se si è davvero mangiato nel locale in questione. Registrandosi e creando un proprio profilo, inoltre, si costruirà a poco a poco un vero e proprio archivio delle prenotazioni effettuate. L’aspetto delle recensioni e della loro affidabilità è tenuto in grande considerazione e anche al ristoratore è consentito replicare ai commenti. Sempre dal punto di vista del titolare, è possibile gestire la pagina del proprio locale attraverso una pagina web ad hoc, in modo che il rapporto con il cliente sia veramente interattivo e sempre aggiornato.

di Fabio Pisanu

Autore

Potrebbe interessarti anche

Stasera al Kino las Acacias, cena argentina e tango dal vivo

Visto che, a quanto sembra, la fine del mondo è rinviata a data da destinarsi, si può provare a uscire. E un'ottima occasione la fornisce stasera, 6 novembre 2014, il cinema …

Il Pagliaccio compie 10 anni e Genovese ci spiega perché mangiare bene costa

Di Alessandra Tibollo Schivo, discreto, ma con una determinazione che ti fa tremare i polsi. Dopo i primi minuti passati ad abituarsi al suo accento un po’ contaminato (è calabro-francese …

Ostiense: dopo Eataly, Porto Fluviale

I lavori sono alla volata finale. I vicini si fermano, allungano il collo e osservano curiosi gli operai che passano coppali o fissano lampadari in quello che è stato per …